Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

 

Per non dimenticare ... Tino

Tino Berti non è più tra noi, con il suo sereno coraggio e con la sua pipa. Alla nascita della Rete Civica RecSando, quando eravamo una  BBS, curava un forum di discussione denominato "TINO BERTI RISPONDE" Dialogava con noi, dava spiegazioni, e preparava delle testimonianze per RecSando, documenti che abbiamo riportato qui nel sito internet della Rete Civica di San Donato.
 
 
 

... la notizia della sua scomparsa,  giunge così a tutti noi, nel Forum, in una sera di Aprile, lasciandoci un vuoto enorme, grande sgomento
...Forum: Tino_Berti
Message #166361
Date:
Tuesday 13 April 1999 20.01.30
From: Nicola Gargamelli
To: ** ALL **
Topic: addio, tino. Alberto Berti non e' piu con noi.I funerali sabato a paluzza. nicola.
 

Con grande rigore storico continuava a scrivere e sempre aveva come imperativo il controllo pignolo e puntiglioso delle fonti e delle notizie "perché l'errore anche in un solo dato può dar ragione agli storici revisionisti che non aspettano altro che poter dire: "I campi di sterminio sono una pura invenzione" E aggiungeva " Non bisogna enfatizzare, ingigantire la realtà dei campi, già il solo dato storico condanna un regime e degli uomini che hanno organizzato scientificamente lo sterminio di un popolo degli oppositori e dei diversi" Però,  da buon economista, ha calcolato e documentato i vantaggi che la forza lavoro dei deportati ha significato per l'industria tedesca e per quella bellica in particolare. Forse unico tra i tanti che non si sono fermati alla cronaca ed alla letteratura ha sempre approfondito gli aspetti strutturali dei campi di lavoro. Non a caso all'ingresso di Auschiwtz c'è la scritta " Il Lavoro rende liberi" Il suo impegno politico e civile lo ha sempre spinto a spendersi per la formazione e l'informazione dei giovani e per tutte quelle iniziative culturali che costituiscono un modo nuovo di aggregare e socializzare in una città giovane come San Donato. Così interpretava la sua presidenza della Casa della Cultura, vivificata anche da una grande curiosità intellettuale, che spaziava in tutte le direzioni. Accanto alla sua nitida figura intellettuale e politica, occorre ricordare la grande disponibilità umana, il vicino di casa e l'amico attento e pronto anche alle piccole necessità quotidiane.
 
Addio Alberto, testimone consapevole degli orrori del novecento
 
RecSando, ringrazia Giorgio Bagnobianchi, ex Assessore alla Cultura di San Donato Milanese, che ha scritto questa prefazione al libro "Viaggio nel Pianeta Nazista". Lo ringraziamo perché gli utenti RecSando che hanno conosciuto Tino di persona non possono che essere d'accordo con questa sintetica biografia per Tino.

Con questi suoi documenti vogliamo ricordarlo per lasciare un segno della sua ferma e pacata testimonianza di un viaggio terribile, comune a milioni di uomini, ma dal quale solo pochi sono tornati e, spesso, a malincuore, quei pochi vorrebbero non essere tornati. Lui invece riteneva preziosa la comunicazione della sua esperienza e vitale la condivisione del suo "viaggio" con i giovani: perchè non accada mai più

Le chiese e i criminali di guerra
Resistenza e Costituzione
Le Foibe
La Rappresaglia
Eutanasia
La Wehrmacht vista dai giovani (tedeschi)
La Resistenza nei Lager Nazisti
Militari