CS: Partito Democratico SDM

Ordine del Giorno “Expo dei Diritti” presentato dal Movimento 5Stelle

Ordine del Giorno “Expo dei Diritti” presentato dal Movimento Cinque Stelle nel Consiglio Comunale del 20/01/2015.
 
Nel corso dell’odierno Consiglio Comunale, il gruppo consiliare del Partito Democratico e della lista civica Noi Per La Città esprimono il proprio dissenso per l’impostazione dell’Ordine Del Giorno presentato dal Movimento Cinque Stelle, che a una prima lettura sembrerebbe difendere i diritti dei cittadini omosessuali ma invece lascia trasparire una mentalità ancora discriminante e a tratti offensiva. Nell’OdG si parla del Convegno del 17 gennaio “Difendere la Famiglia per difendere la comunità” patrocinato dalla Regione Lombardia, ed organizzato, tra gli altri, dall’Associazione Obiettivo Chaire, e si chiede di togliere il patrocinio di EXPO 2015, sostenendo che tale Associazione consideri l’omosessualità una malattia e quindi il patrocinio rischi di danneggiare il turismo durante la manifestazione di EXPO. Infatti nel testo i cittadini vengono classificati per categorie, per reddito e per capacità di spesa: si teme quindi il danno economico causato dalla mancata  partecipazione ad EXPO da parte di cittadini omosessuali a causa del patrocinio di questo convegno. 

Ancora in tanti a pulire la facciata del nostro circolo da scritte offensive

Questa mattina (sabato 17, ndr) i sandonatesi che transitavano in via Libertà hanno assistito al replay d’una scena già vista circa un mese fa e cioè quella di molte persone che, davanti alla sede del PD, ripulivano le porte e i muri esterni del Circolo, di nuovo imbrattati da scritte offensive.
 
Per la seconda volta nei primi giorni dell’anno, infatti, sconosciuti vandali hanno sporcato di nuovo l’esterno del circolo PD con parole che avrebbero voluto insultare ma che, essendo prive di contenuti, hanno lasciato il tempo che trovano. 
Anche questa volta Carlo Barone, segretario del PD cittadino, ha sporto denuncia contro ignoti presso i carabinieri. Alcune persone del partito hanno invece chiesto ai negozi vicini, attrezzati di telecamere, il favore di visionare le riprese dei primi giorni del 2015. Nel caso si riesca a individuare chi effettua gli imbrattamenti si procederà ad intervenire con una denuncia alle autorità competenti.

CS PD: In tanti a ripulire la facciata del nostro circolo dalle scritte offensive

Su suggerimento del consigliere comunale Andrea Pasqualini, una quindicina di persone del PD cittadino si son date appuntamento per sabato prossimo dalle 10 alle 12 davanti alla sede del partito di Via della Libertà, per ripulirne la porta a vetri e il muro imbrattati
poco più di un mese fa da sconosciuti.
Giustamente denunciato ai carabinieri dal segretario del PD Carlo Barone, il fatto è avvenuto il 7 novembre. Dopo l’iniziativa “La buona scuola”, tenutasi in sala consiliare, qualcuno aveva allora impiastricciato le porte e i muri esterni del circolo. 
In base alla firma (il simbolo dei centri sociali molto usato dagli studenti durante le occupazioni e le autogestioni scolastiche) la cosa era stata giudicata subito come una ragazzata e pertanto il PD gli aveva dato l’importanza che riteneva si meritasse.
Poche parole offensive e prive di contenuti denunciano, infatti, solo puro vandalismo e non meritano alcuna considerazione.

logo PD sdm

CS PD SDM: Lavorare per il bene della città

Sono state fatte scelte politiche da entrambe le parti. Facciamo chiarezza sulle nostre ragioni. Noi continueremo a lavorare per i nostri concittadini e per il bene della città in cui viviamo.

Il Partito Democratico ribadisce con forza quanto già espresso nel Comunicato Stampa congiunto con la Lista Civica “Noi per la città” del 17 marzo, in merito alla presa di posizione del gruppo SEL-VERDI nei confronti della maggioranza di governo della città.

Con le dichiarazioni rese in Consiglio comunale dal proprio Capogruppo Marco Menichetti il partito SEL-VERDI ha di fatto deciso di chiamarsi fuori dall’ambito di discussione di questa maggioranza.

Pur non votando contro la delibera sull’ “Icon Tower” e sulle variazioni al PGT, le affermazioni e le accuse mosse in sede consiliare dal consigliere Menichetti ai propri colleghi e all’Amministrazione sono inaccettabili e vengono respinte con forza dal Partito Democratico. Altrettanto inaccettabile è il metodo con cui la forza SEL-Verdi ha disertato, di fatto, i luoghi di confronto della maggioranza in cui si sono affrontate le delibere in questione, evitando i numerosi momenti di chiarimento e di confronto avuti all’interno della coalizione di governo, anche a seguito del voto negativo espresso dal Consigliere Menichetti nella commissione territorio antecedente la seduta del Consiglio Comunale.