Peschiera Borromeo: una bomba per svaligiare la banca muoiono 2 dei 5 rapinatori

Nella notte di sabato 31 Gennaio una potente detonazione fa tremare muri e finestre delle palazzine di via Liberazione 55.

Foto di Michele Coppola

Intorno alle 3 del mattino di sabato 31 gennaio, una forte esplosione fa tremare muri e finestre svegliando di soprassalto i residenti delle palazzine di via Liberazione, zona civico 55.
Si tratta di una rapina ai danni della filiale di peschiera Borromeo della banca popolare dell'Emilia Romagna.
«Mi sveglio di sobbalzo ed esco sul balcone per capire cosa sia successo. Vedo parecchio fumo, un forte odore di gas e zolfo e tre uomini incappucciati salire di corsa su un Audi nera! – dichiara M.C. che abita sopra la filiale – Uno di loro grida "Andiamo Andiamo!!" E in pochi secondi l' Audi sgommando corre via!» La bomboletta di gas, utilizzata per l'esplosione, non riesce però a compromettere il bancomat, obiettivo dei rapinatori. Fallito il colpo i 5 malviventi, pare tutti nomadi di Milano, si sono allontanati a folle velocità, ma vengono intercettati da una gazzella dei carabinieri, giunti sul posto dopo le numerose chimaate dei residenti. Ne è nato un inseguimento durante il quale, sulla Paullese in direzione Tangenziale Est all’immissione con la Statale Paullese, i ladri hanno perso il controllo della vettura, un'Audi S6 ribaltandosi rovinosamente.
Due di loro muoiono sul colpo gli altri tre feriti, si trovano piantonati in ospedale in gravi condizioni. Nessun altro è rimasto coinvolto nell’incidente. 

Foto di Michele Coppola Gli interni della banca sventrata

Foto di Michele Coppola

Foto di Michele Coppola

 

Foto di Michele Coppola

Foto di Michele Coppola Il bancomat ha resistito all'esplosione