Home » Blog » Per la Giornata Internazionale dell’infanzia, giochi , diritti e regole.

Per la Giornata Internazionale dell’infanzia, giochi , diritti e regole.

Sono stati  giorni di allegria  ma anche impegnativi quelli del fine settimana, per i bambini che hanno partecipato alle iniziative organizzate dall’Amministrazione Comunale in occasione della 27ma Giornata Internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, ricordata  in quasi tutti i paesi del mondo. (Come non far correre la mente in tutti quei paesi dove i bambini non hanno diritto a giocare, per povertà o perchè sono in guerra?)

Sabato 19 novembre , il primo appuntamento in sala Previato con lo spettacolo realizzato  dai bambini e ragazzi dei corsi di recitazione curati da MollettaTeatro.
“I bambini ci raccontano cosa li fa star bene e cosa li fa stare male, alternando momenti di gioco”, scrive l’Assessora  Magro, presente a tutti gli incontri. Nella loro rappresentazione, i giovani attori in erba, hanno parlato  di violazione e negazione di diritti,  quali giocare o studiare.

Galleria Fotografica

{gallery}https://www.flickr.com/photos/recsando/sets/72157675299428662/{/gallery}

E proprio il diritto al gioco è stato il tema-guida scelto dall’assessorato all’istruzione e alle politiche giovanili, essendo basilare per lo sviluppo e la formazione della persona.
Il giorno successivo, domenica 20 novembre, un gruppetto di piccoli accompagnati dai genitori, si è dilettato con album e colori. Sotto la guida delle maestre Rita e Katia, hanno colorato un Puzzle che rappresentava una fiaba: la Fiaba di Re Fiore. Una Fiaba a lieto fine, dovuto proprio all’utilizzo delle regole e la voglia di giocare con altri bambini.
Il progetto è stato realizzato con l’aiuto dell’Associazione Valeria, che da 15 anni si occupa insegnare, spiegare e sensibilizzare la cultura della legalità soprattutto nelle scuole, attraverso l’utilizzo di metodi interattivi e strumenti di gioco, avvalendosi della collaborazione di giuristi e esperti  di diritto minorile e di famiglia.
Dopo la lettura della Fiaba, i bambini si sono dilettati a  “tradurre” il racconto fatto di gioco e di regole in disegni, che alla fine diventano un Puzzle da comporre. Tutti contenti   per esserci riusciti, si sono guadagnati una dolce merenda.

Redazione RecSando Angela Vitanza-foto Luigi Sarzi Amadè

 25 Visite totali,  2 visite odierne