Home » Blog » La testimonianza di Richard Gere

La testimonianza di Richard Gere

  • Tibet
  • 2 min read

Richard Gere

"Prima dell'invasione cinese del 1950, quello tibetano era un popolo straordinariamente pacifico e felice".

Isolati per secoli da un mondo caotico di cui essi diffidavano ampiamente, hanno sviluppato una straordinaria e meravigliosa civiltà, fondata interamente sulla pratica dei più elevati ideali del buddismo.Il loro e stato un rivoluzionario esperimento sociale fondato su profonde intuizioni spirituali, psicologiche e filosofiche che ci forniscono modelli per instaurare un'intima e creativa relazione con i vasti e profondi segreti dell'animo umano.  

I tibetani sono un popolo che sta rischiando il completo genocidio.

C'e un solo precedente nella storia: quello che il nazismo fece con gli ebrei, ma per i tibetani nessuno fa niente.

Ciò che mi colpisce e l'indifferenza: se torturassero cani e gatti come trattano i tibetani sentiremmo ovunque urla di protesta.

L'importanza del Tibet per il nostro tempo e per il futuro stesso della terra non è mai stata cosi cruciale.

Il Tibet, e l'equilibrio e la salute mentale che esso rappresenta, è il nostro più vitale e vibrante legame con le antiche tradizioni sapienziali: la saggezza tibetana rappresenta l'ultima tradizione mistica tuttora viva nel nostro pianeta.

Non dobbiamo permettere che scompaia una esperienza spirituale di millecinquecento anni, che ha un grande valore per tutta l'umanità".

 240 Visite totali,  2 visite odierne