Home » Blog » Eugenio Finardi – Ritorna… Fibrillante, in Piazza della Pieve » Page 2

Eugenio Finardi – Ritorna… Fibrillante, in Piazza della Pieve

 “Questo Fibrillante è un disco di lotta, Eugenio non si chiama fuori, anzi. Si stupisce però non ci sia un’insurrezione in Italia davanti ai compensi osceni di personaggi come Sergio Marchionne”.

 

Eugenio ritrova la rabbia e la coscienza degli anni Settanta. “Un lavoro contro gli ideologi cresciuti alla Bocconi, gli economisti e i professori che spacciano prediche e valori”. E così FIBRILLANTE ha in sé la bellezza che hanno tutte le cose che nascono senz’altro sforzo di quello di voler vivere. E’ un disco potente, fatto di suoni “profondi”, sia che vadano nella consueta direzione “rock” tipica di Eugenio sia che esplorino altri tipi di percorso, suoni in grado di rispecchiare la sua intensità espressiva tanto dal punto di vista vocale che da quello poetico.
Le nuove canzoni sono:
01.  Aspettando
02.  Come Savonarola

 

03.  Lei s’illumina
04.  Cadere sognare

 

 

05.  La storia di Franco

 

06.  Fibrillante

 

07.  Le donne piangono in macchina
08.  Fortefragile
09.  Moderato
10. Me ne vado

 

 

 

cover fibrillanteFIBRILLANTE è un disco arrabbiato, che pone domande scomode e le mescola alle frustrazioni e alle delusioni di una lunga stagione ormai da chiudersi. Ha un suono “fibrillante”, proprio come lo era il suono dei vecchi dischi incisi da Eugenio a metà degli anni ’70 per la gloriosa Cramps; pulsante, nervoso, irregolare, libero, ma scritto e suonato nella lingua di oggi. E’ un album in cui “politico” e “personale”, per citare una antica bipartizione di quel periodo, tornano a congiungersi nel modo giusto nelle canzoni, che denunciano le criticità di una società che sembra aver perso una direzione in grado di darle speranza, e come queste si riflettano nella vicenda personale di ognuno di noi. E’ un lavoro che guarda al futuro ma non dimentica ciò che è stato, fotografando a tratti impietosamente la realtà e il disagio sociale in cui tutti siamo immersi. Canzoni come l’iniziale “Cadere sognare”, “La storia di Franco”, sembrano fatti di cronaca trasposti in musica, mentre “Come Savonarola” – che per pochi attimi cita affettuosamente il riff immortale di “Extraterrestre”, quasi a raccoglierne il testimone – lascia esplodere l’urlo che diviene il tema dominante dell’album, urlo ripreso anche in canzoni come l’iniziale “Aspettando” e la conclusiva “Me ne vado”, quest’ultima un vero e proprio spoken che riassume l’impazzimento dell’economia avvenuto negli ultimi decenni a causa di politiche deficitarie.

FIBRILLANTE contiene canzoni delicate come carezze, quasi a risarcire le persone della durezza dei tempi: “Lei si illumina”, “Le donne piangono in macchina” e “La storia di Franco” regalano momenti di grandissima emozione, mentre la title-track e “Fortefragile” sono due dichiarazioni d’amore appassionate e vitali, che sposano bene serietà e divertimento.

 

 155 Visite totali,  6 visite odierne

Pages: 1 2 3 4 5
Copertina tour finardi