Home » Blog » Ente e cittadini insieme per migliorare la città, scattano i Patti di collaborazione

Ente e cittadini insieme per migliorare la città, scattano i Patti di collaborazione

Domenica 21 giugno con PuliAMO San Donato parte la prima iniziativa frutto del Regolamento per la cura e la valorizzazione condivisa dei beni comuni urbani
  
Un pomeriggio per prendersi cura della città, restituendola più bella, pulita e ordinata. È l’intento che muove l’iniziativa PuliAMO San Donato, al via domenica prossima (21 giugno) dalla sede comunale di via Cesare Battisti, quando il drappello di volontari coordinato dagli ideatori della proposta, Bruna Biagioni e Italo Scardovelli, si ritroverà per raccogliere i materiali per la pulizia offerti da Amsa, Sepe e Rykem, le tre società partner assieme al Comune della giornata, e per dare il via ai lavori di rimozione di graffiti, scritte e adesivi da cartelli, segnaletica, cestini, cabine elettriche, ecc. oltre che di raccolta dei piccoli rifiuti lasciati abbandonati per le vie della città.  
Si tratta del primo Patto di collaborazione Ente/cittadini scaturito all’indomani dell’approvazione in Consiglio Comunale, nelle scorse settimane, del Regolamento per la collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la valorizzazione dei beni comuni urbani, un documento ispirato al concetto della sussidiarietà, divenuto principio costituzionale con la revisione del 2001 (l’art. 118 cita testualmente che «Stato, Regioni, Province, Città metropolitane e Comuni favoriscono l’autonoma iniziativa dei cittadini singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà»).
 
«Quando ho incrociato questa esperienza, questa “buona pratica” mi sono attivato per portarla nella nostra città – spiega l’Assessore alla Partecipazione Gianfranco Ginelli – da qui nasce il progetto San Donato Condivisa, che si è sviluppato in questi mesi e che sarà da ora in avanti il “contenitore” all’interno del quale saranno gestiti i progetti di “cittadinanza attiva” che saranno regolati nella forma dei Patti sottoscritti fra le due parti coinvolte: Ente e cittadini. Tutto questo parte infatti dal presupposto che le persone sono portatrici non solo di bisogni ma anche di capacità e che è possibile che queste capacità siano messe a disposizione della comunità per contribuire a dare soluzione, insieme con le amministrazioni pubbliche, ai problemi di interesse generale».
 
Ginelli, che in una logica analoga sta lavorando per portare a termine già quest’anno anche il progetto del Bilancio partecipato, si dice molto fiducioso che San Donato saprà rispondere alla sfida, come peraltro dimostra già l’iniziativa in programma domenica prossima. «La nostra città – aggiunge il Sindaco Andrea Checchi – ha molte risorse, singoli cittadini, associazioni, comitati, persone che si rendono disponibili a dedicare tempo, competenze, idee a sostegno della propria comunità. Ora abbiamo una possibilità in più per renderli partecipi; stiamo dando un segnale anche culturale oltre che civico importante, contribuendo a questa rivoluzione civica che vede i cittadini direttamente coinvolti per la cura dei beni comuni e dimostrando che l’alleanza tra cittadini e istituzioni è non solo teoricamente auspicabile, ma anche realmente possibile».
 
Sandonatesi chiamati a raccolta, dunque, domenica prossima, armati solo di scope, palette, stracci, spugne, guantoni e tanta buona volontà, per avviare il primo esempio di questo percorso: l’appuntamento è alle 14.30/15 davanti al Comune per la raccolta dei prodotti, poi i volontari si distribuiranno nelle varie aree urbane (Libertà, Metanopoli, Di Vittorio, piazza Bobbio e Morandi) e il tutto si concluderà alle 19, sempre in via Battisti, con un saluto conclusivo.
 
Gli aggiornamenti e le adesioni si possono raccogliere sulla pagina Facebook dell’eventoInsieme puliAMO San Donato o via mail, scrivendo a sdmcondivisa@comune.sandonatomilanese.mi.it.

 5 Visite totali,  2 visite odierne