Home » Rassegna Stampa » Melegnano » Page 3

Melegnano

A Melegnano la prima dei “Do di Petto” con Forza Venite Gente!

I debutti sono sempre emozionanti, lo sono maggiormente se a debuttare non è solo lo spettacolo ma anche la Compagnia che lo mette in scena. 
Do di Petto” nasce come Compagnia Teatrale Amatoriale circa un anno fa dall’esigenza di due amici da sempre, Giovanni Coppini e Gianni Boglioli, di mettersi in gioco e condividere con altri le proprie passioni per la musica, il canto, il ballo e il teatro.

 118 Visite totali

Taglio del nastro per la nuova struttura di viale Lazio

Taglio del nastro per la nuova struttura di viale Lazio
La nuova struttura di viale Lazio è stata inaugurata sabato 7 settembre da autorità e rappresentanti della scuola accolti da bambini e famiglie entusiaste di scoprire le aule dove, già in settimana, siederanno i piccoli studenti.
«Ringrazio chi ha creduto in questa scommessa – ha dichiarato il Sindaco Rodolfo Bertoli – tra questi anche la struttura comunale grazie alla quale siamo riusciti ad ottenere i 700 mila euro necessari per il progetto e l’ufficio tecnico che lo ha reso possibile. In vista della soluzione definitiva, cioè riportare gli alunni nella scuola di viale Lazio, lavoreremo per eliminare l’amianto e apportare gli accorgimenti antisismici così che gli studenti possano rientrare in ambienti sani e sicuri».

 101 Visite totali

CS MEL

In cammino verso la scuola: è iniziata la sperimentazione del Pedibus

Il Pedibus ha mosso i primi passi: giovedì 2 maggio è iniziata la sperimentazione del progetto per accompagnare i bambini a scuola fino al termine dell’anno scolastico.

Nella Città di Melegnano sono attualmente due i percorsi attivati in via sperimentale utili per accompagnare gli alunni della scuola primaria “G. Dezza” di via Cadorna:

* partenza alle ore 8.00 da largo Crocetta con fermate intermedie in piazza Vittoria e nei pressi  dell’asilo Trombini

* partenza alle ore 8.15 da via per Carpiano angolo via della Repubblica con arrivo in via Cadorna.

La fase sperimentale è iniziata con una decina di bambini e 13 accompagnatori tra volontari Fiab, genitori, nonni e altre persone.

«Il Pedibus – spiegano Roberta Salvaderi, Assessore alla Scuola e Marialuisa Ravarini, Assessora all’Ambiente – è un progetto che consente di accompagnare i bambini da casa a scuola lungo un percorso pedonale cittadino totalmente sicuro: gli alunni sono accompagnati da volontari in un tragitto con tappe intermedie nelle quali si uniscono altri studenti, come con il classico scuolabus. I vantaggi offerti dal Pedibus sono molti: innanzitutto è un sistema di mobilità sostenibile capace di ridurre l’inquinamento soprattutto in prossimità della scuola; è un ottimo modo per far fare movimento sia ai bambini sia ai volontari incentivando un corretto stile di vita; favorisce le relazioni perché fa socializzare gli alunni di classi diverse e con gli adulti; è un modo pratico e diretto per apprendere l’educazione stradale e sviluppare il senso civico».

 43 Visite totali

CS MEL

Presentata la 456a Fiera del Perdono

Il ricco programma di eventi della 456a Fiera del Perdono, protagonista a Melegnano dal 18 al 22 aprile 2019, è stato presentato giovedì mattina nella Sala della Giunta del Municipio.

«Mi piace definirla Festa del Perdono – sono state le prime parole del Sindaco di Melegnano Rodolfo Bertoli – Ringrazio il Comitato che ha lavorato per la realizzazione della manifestazione e tutti gli enti che hanno partecipato per la realizzazione di tutti gli eventi di calendario. Credo che questa edizione, come le diverse iniziative che abbiamo realizzato recentemente, testimoni la ricchezza di questa città, per questo rinnovo i complimenti a chi l’ha organizzata».

L’incontro è stato moderato da Roberto Silvestri, rappresentante Slow food Sud Milano che ha ricordato le radici storiche della manifestazione e coordinato gli interventi delle realtà che partecipano alla Fiera del Perdono 2019.

 47 Visite totali

CS MEL

Il cortile d’onore diventa “Art Gallery a cielo aperto”

Leonardo nasceva ad Anchiano, a circa 3 chilometri da Vinci, presso Firenze, il 15 aprile 1452.

Piero, il padre, era un notaio, Caterina, la madre, era una contadina.

Trasferitosi a Firenze, nel 1469 il giovane Leonardo divenne apprendista nella bottega di Andrea di Francesco di Cione detto il “Verrocchio”, che era scultore, pittore, orafo… e veniva considerato uomo di grande cultura, esperto anche di musica e matematica.

La formazione di Leonardo nella bottega del Verrocchio, si svolse insieme ad altri giovani pittori che diverranno i maggiori esponenti di fine quattrocento e inizio cinquecento: Sandro Botticelli, il Perugino, Domenico Ghirlandaio, Lorenzo di Credi.

Poco più che ventenne nel 1472 si iscrisse ad una corporazione dei pittori della Compagnia di San Luca dove cominciò a emergere l’aspetto della personalità di Leonardo.

 47 Visite totali

456° Festa del Perdono – Melegnano

Il ricco programma di eventi della 456a Fiera del Perdono, protagonista a Melegnanodal 18 al 22 aprile 2019, è stato presentato giovedì mattina nella Sala della Giunta del Municipio.
«Mi piace definirla Festa del Perdono – sono state le prime parole del Sindaco di Melegnano Rodolfo Bertoli– Ringrazio il Comitato che ha lavorato per la realizzazione della manifestazione e tutti gli enti che hanno partecipato per la realizzazione di tutti gli eventi di calendario. Credo che questa edizione, come le diverse iniziative che abbiamo realizzato recentemente, testimoni la ricchezza di questa città, per questo rinnovo i complimenti a chi l’ha organizzata».

 94 Visite totali

museo luisa carminati

Castello Mediceo Melegnano 5-14 aprile Mostra “Dall’erba …i formaggi”

Il Castello Mediceo di Melegnano ospita dal 5 al 14 aprile la mostra “Dall’erba…i formaggi”. La mostra con il patrocinio del comune di Melegnano e sostenuta dall’associazione Slow Food è curata e allestita dal Museo della civiltà contadina Luisa Carminati.

Il Basso Milanese, 

IN MOSTRA:con la fertilità del suo terreno, la capillarità della sua rete irrigua, l’ingeniosità di sistemi complessi come le marcite ideate dai monaci di Chiaravalle e Viboldone, ha portato allo sviluppo nei secoli di un’agricoltura fiorenete. L’abbondanza di foraggio ha permesso l’allevamento bovino e una vasta produzione di latte. La necessità della conservazione del prodotto deperibile ha stimolato la produzione di burro e formaggi quali il grana, il provolone (chiamato cacio), lo stracchino (prodotto dalle vacche “strache” di ritorno dell’alpeggio, alimentate col quartirolo, l’ultimo taglio di fieno) .

  • falci, rastrelli e forconi per sfalcio e fienagione
  •  scagni, secchi i per la mungitura
  • bidoni e mastelli per il trasporto del latte
  • zangola  e stampi per il burro
  • caldaia, spino e stampi per formaggi quali lo stracchino e grana
  • sistemi per la conservazione come la ghiacciaia, la muscheruola
  • gratugge, coltelli e paioli per l’alimentazione

Il tutto accompagnato dai quadri a matite colorate di Luisa Carminati che mostrano le varie fasi della preparazione dei prati, dello sfalcio della fienagione, dei lavori in stalla

 38 Visite totali