Skip to content

si accendono (anche) pedalando

 2,593 Visite totali,  50 visite odierne

Trento Città del Natale, quest’anno le luci si accendono anche pedalando

Archivio APT Trento_ Balzanelli23novembre2021_208

Dal 19 novembre all’8 gennaio la città ospita la 28a edizione del suo Mercatino. Novità 2022: due speciali biciclette installate a Piazza Duomo permetteranno ai visitatori di dare il proprio contributo producendo l’energia necessaria a illuminare le luci della festa. Un modo originale per  ricordare l’importanza dei comportamenti individuali per consumi più attenti e consapevoli. Accanto ad esse, molte iniziative per rendere più green la manifestazione. E tanti immancabili appuntamenti per celebrare in allegria il momento più magico dell’anno

Trento, 15 novembre 2022 – Vin brulè, prelibatezze culinarie, aria impregnata di spezie: i profumi saranno gli stessi di ogni anno. Dolci ed entusiasmanti come un ricordo d’infanzia. Con la piacevolezza di un rito senza tempo. Ma a rendere speciale Trento città del Natale ed il Mercatino di Natale di Trento – giunto alla 28esima edizione – saranno due speciali biciclette, collocate a Piazza Duomo. Simboli più autentici di una manifestazione che vuole ricordare al mondo (e a ciascuno di noi) quanto sia profondo il legame tra i nostri comportamenti individuali e la possibilità di consumare energia in modo più pulito e consapevole.

Le due cyclette saranno attive, per tutta la durata del Mercatino (dal 19 novembre all’8 gennaio) in Piazza Duomo. Ciascun visitatore potrà provarle (e fare l’immancabile selfie da condividere sui social). Non un esercizio fisico fine a sé stesso. Ogni minuto di attività sui pedali infatti si trasforma in energia pulita e in un piccolo contributo a tenere accese le luci della festa. Grazie a un collegamento diretto con un accumulatore le bici infatti produrranno energia con il movimento dei pedali. “Questa iniziativa, fortemente voluta dal Comune di Trento, punta a lanciare un messaggio di cruciale importanza, ancor più quest’anno, caratterizzato dall’esigenza di ripensare e ottimizzare i consumi energetici: la transizione ecologica richiede il contributo di tutti. Ciascuno di noi può e deve fare la sua parte”, spiega Elisabetta Bozzarelli, assessore comunale al Turismo. “Ma le due cyclette saranno una delle tante iniziative volute dall’amministrazione e dall’azienda per il turismo per confermare la forte vocazione alla sostenibilità del nostro Natale cittadino”.

Dalla raccolta differenziata alle fonti rinnovabili, passando per i materiali eco-compatibili e la mobilità condivisa, la kermesse trentina infatti rinnova il suo impegno per l’ambiente. Dalle centrali idroelettriche gestite da Dolomiti Energia S.p.A. proviene l’energia pulita al 100%, con origine garantita dal Gestore dei Servizi Energetici, che illumina gli stand e le vie cittadine, mentre una serie di accorgimenti tecnici promossi dall’amministrazione comunale consentirà di ridurre i consumi del 20% rispetto allo scorso anno. Le stoviglie saranno, anche quest’anno, rigorosamente compostabili. Grandi protagonisti dell’evento, ovviamente, sono i produttori locali, esponenti di una filiera corta che trova negli stand la propria celebrazione. Infine i trasporti: il treno e i mezzi pubblici in generale, assicurano gli organizzatori, sono gli strumenti più idonei per raggiungere la manifestazione.

L’inaugurazione

L’appuntamento inaugurale è per sabato 19 nella cornice di Piazza Duomo quando, a partire dalle 16:15, ad accogliere i primi visitatori sarà l’inconfondibile vis comica di Antonio Ornano  volto celebre di Zelig, memorabile interprete di tanti personaggi ormai di culto. Il saluto speciale dell’autore accompagnerà i primi momenti della festa. Toccherà quindi al Sindaco Franco Ianeselli e alle autorità locali dare il via al momento più atteso: l’accensione del grande albero di Natale in Piazza Duomo. La Fanfara degli Alpini, infine, aprirà simbolicamente la kermesse organizzata dall’Azienda per il Turismo Trento, Monte Bondone, dal Comune di Trento, dal Consorzio Trento Iniziative, da Palazzo Roccabruna e dal Tavolo Tuttopace che si avvale della sponsorizzazione di due marchi consolidati: Cavit, Cantina Viticoltori del Trentino, e ITAS Mutua.

“Da sempre il Mercatino suscita una grande attesa e un forte entusiasmo e l’edizione di quest’anno non farà eccezione”, spiega Matteo Agnolin, direttore dell’Azienda per il turismo Trento e Monte Bondone. “Ancora una volta, Trento diventerà la vetrina di tutto il territorio trentino e le persone potranno esprimere pienamente la loro voglia di stare insieme e di condividere lunghi momenti di gioia”.

Il Natale… è sempre dei bambini

Dal momento in cui le luci si accenderanno sull’Albero di Piazza Duomo e lungo le vie del centro storico, Trento si trasformerà di nuovo ufficialmente nella Città del Natale. E gli occhi sono tutti inevitabilmente su di loro, i bambini e la loro gioia. Già, perché questa è prima di tutto la loro festa. Ad attendere i più piccoli, anche quest’anno, oltre alla ruota panoramica è il Villaggio incantato allestito in piazza Dante. La creazione è realizzata con legno e materiale naturale e include otto casette a tema. La lista comprende il punto informativo, la dimora di Babbo Natale, il suo laboratorio, l’ufficio postale, la sartoria, la stalla, la casa degli Elfi e la fabbrica dei giocattoli. Un microcosmo magico, tutto da sbirciare dalle finestre accompagnati da una voce in sottofondo che ne descrive i dettagli. Ma anche un mondo da scoprire con una vera e propria immersione nei fine settimana quando, prenotandosi, sarà possibile condurre i giovanissimi visitatori nel cuore delle casette per coglierne al meglio le ambientazioni e partecipare ai laboratori proposti. Ed è solo l’inizio…

La Città del Natale apre infatti le sue strade alla curiosità dei bambini grazie all’impiego di mezzi di trasporto senza tempo. E così, mentre l’affascinante carrozza a cavalli percorre le strade, sulle rotaie sfreccia l’attrazione più amata: il tradizionale Trenino elettrico.

 

Due fermate – la stessa Piazza Dante e la Chiesa di San Pietro – e tre vagoni, uno dei quali dotato di pedana per garantire l’accesso alle persone disabili.. Il trenino è di tutti, nessuno escluso. Prossima sosta? Divertimento. Lo sanno i bambini che ammirano il presepe di Piazza Santa Maria Maggiore, un’opera in legno – materiale simbolo di tradizione e sostenibilità che caratterizza anche i giochi per i più piccoli situati a poca distanza – costruita dagli studenti del Liceo Artistico Alessandro Vittoria e dai loro colleghi del Centro di Formazione Professionale Enaip di Villazzano. E lo sanno le loro famiglie che li guardano correre verso l’ampia pista (20 metri per 10) realizzata da Consorzio Trento Iniziative che sorge accanto al secondo grande albero di Natale cittadino, nel cuore di Piazza Dante. Il Monte Bondone è sbarcato in città: tutti sullo slittino, si scende e si risale. La felicità è tutta qui. Attenzione: per essere coerenti con la filosofia del risparmio energetico, la soluzione proposta dalla pista di slittino non prevede fiocchi di neve artificiale o impianti di refrigerazione in funzione: il grande scivolo sarà rivestito con un tessuto che simula la neve. Un altro segnale della gestione responsabile delle risorse.

 

Casette protagoniste

Al cuore dell’evento, anche quest’anno, ci sono ovviamente le casette e i loro espositori. Settantacinque stand, divisi tra Piazza Fiera e Piazza Battisti, accoglieranno ogni giorno i visitatori in un trionfo di luci, colori e profumi. È qui che si compie l’intrigante viaggio sulle strade della tradizione e della creatività di una manifattura di pregio capace di rinnovarsi continuamente nell’espressione delle eccellenze dell’artigianato e della cucina regionale. È qui che i visitatori si perdono piacevolmente tra ciondoli e pendenti decorati, addobbi, alberelli in legno, angeli e presepi in miniatura, articoli in pelle e abbigliamento, gioielli artigianali e sorprendenti prodotti di cosmesi naturale. Prima di concedersi una pausa gustando le creazioni della gastronomia locale.

Gli stand offrono specialità culinarie per tutti i gusti. Il menu prevede infatti lucanica, salametto natalizio, speck, porchetta, lardo alle erbette, cotechini e zamponi; e poi i formaggi, come Trentingrana, Puzzone di Moena Dop, Vezzena del Trentino, Casolet e tanti altri ancora. Infine i dolci, come Strudel di mele, Strauben, Zelten, treccia mochena, panettoni, biscotti, praline di cioccolato e specialità a base di miele, propoli, polline e pappa reale. Per tacere di tutto il resto.

 

Una Trento da bere

Il Natale, però, non è solo una festa per i più giovani. Anche “i grandi” sanno farsi travolgere dall’atmosfera e a forza di assaggi si fanno venire sete. E allora quale migliore occasione per concedersi un’appagante degustazione? L’appuntamento è all’Enoteca provinciale del Trentino, dal 22 novembre all’11 dicembre 2022, per lasciarsi ammaliare dalle bollicine di montagna dell’elegante Trentodoc. Frutto dell’impegno di 64 cantine e di una tradizione più che centenaria, questo prodotto è il riconosciuto testimone della qualità della vitivinicoltura trentina nel mondo. Realizzate secondo le regole del metodo classico, ovvero la rifermentazione in bottiglia, le bollicine trentine devono il loro gusto tanto all’esperienza e alla conoscenza di produttori, viticoltori ed enologi quanto alle caratteristiche del territorio. È la montagna, infatti, a costituire con il suo clima la vera ricetta segreta e inimitabile del Trentodoc.

 

Lhuman: l’arte fondata sulla collaborazione

L’enologia è notoriamente una scienza. Ma anche una forma d’arte. E proprio quest’ultima dimensione non poteva mancare nell’infinito elenco di proposte del Natale trentino. L’evento ha come protagonista la luce e la sua dimensione umana, intesa, spiegano gli autori, come la responsabilità di ciascun individuo di fare quello per cui è nato: risplendere. A partire dal 19 novembre, ogni sabato pomeriggio dalle 17 alle 19, per le vie del centro va in scena Lhuman, originale celebrazione del solstizio d’inverno attraverso una luce nascosta, attesa, in divenire, capace di collocarsi negli occhi di chi sa scorgerla.

A narrarla, le evoluzioni di trampolieri luminosi e artisti di strada ma anche l’impegno dei negozi coinvolti nel progetto che offriranno brevi racconti, testi di ispirazione e poesie. Muovendosi lungo le vie, i visitatori incontreranno gigantesche fate alate danzanti, mangiatori di fuoco, un corteo capitanato da una cometa luminosa e musica dal vivo. Contemporaneamente 100 persone provenienti da ambiti e luoghi del Trentino apparentemente lontani tra loro coloreranno altrettante tele abbozzate dall’artista Matteo Boato che, una volta unite tra loro, formeranno un’unica creazione di due metri per due che sarà esposta a partire dall’8 dicembre. Una vera e propria opera d’arte collaborativa che intende aggregare la visione e gli intenti di più persone verso un unico obiettivo: rendere la città di Trento ancora più bella, luminosa, inclusiva e consapevole. Il progetto Lhuman, che si avvale della direzione artistica di Federica Giulia Marchi, coinvolge l’associazione culturale “Il Vagabondo”, i trampolieri di “Lux Arcana” e tante altre realtà artistiche che nascono nei luoghi più diversi.

Eventi culturali e realtà virtuale

Arte chiama cultura. E Trento risponde presente, nel segno dell’originalità. I visitatori potranno sperimentare l’insolita esperienza dei Balconi in Musica, due serate di dialogo virtuale tra i prestigiosi palazzi Thun e Geremia, autentiche gemme del centro storico. L’appuntamento è per le serate del 16 e 17 dicembre per apprezzare le note caratteristiche di ottoni e cornamuse.

A spiccare, poi, sono i percorsi virtuali proposti dalla città a cominciare dalla visita guidata alla Cappella Vantini. Il programma prevede itinerari immersivi di 5 minuti che offrono al pubblico un’esperienza insolita e divertente. Basta accedere a una delle quattro postazioni presenti all’ingresso dell’edificio in via delle Orne e indossare il visore per seguire il Conte Matteo Thun in un percorso attraverso il suo palazzo, Torre Civica, Torre della Tromba e Torre Vanga. Un modo originale per rendere disponibili al pubblico questi luoghi spesso inaccessibili. La voce narrante è disponibile in italiano e in inglese.

 

Da segnalare, inoltre, l’inedita caccia al tesoro. Basta armarsi di telefono, scaricare Telegram e cercare il bot @Nett1, un utente virtuale programmato per accompagnare i partecipanti in questa curiosa esperienza. Sarà lui a indicare i luoghi da raggiungere, a raccontare storie e a proporre, soprattutto, indovinelli da risolvere. Realizzata da hiSTORIC, un’organizzazione informale che crea e gestisce cacce al tesoro pensate per valorizzare il territorio e il suo patrimonio, l’iniziativa è adatta a partecipanti di tutte le età, famiglie, coppie, gruppi di amici o turisti. La durata del gioco può essere impostata in base al desiderio degli utenti da un tempo minimo di 30 minuti a un massimo di due ore.

A Le Albere un Natale nel cuore della grande architettura

Le attività per bambini, dal treno elettrico alle discese in slittino, non sono l’unico tratto distintivo delle proposte natalizie de Le Albere. Musica, divertimento e nuovi sport da provare in una cornice architettonica esclusiva sono infatti di casa nell’innovativo quartiere progettato da Renzo Piano. Qui sorge una pista di ghiaccio di 200 metri quadrati realizzata nel pieno rispetto della sostenibilità ambientale e utilizzabile ogni giorno dalle 14 fino alle ore 21. Nel corso della manifestazione è prevista la partecipazione di ospiti d’eccezione come i campioni del curling e del pattinaggio Trentino.

Le attività natalizie sono anche l’occasione per accendere i riflettori su questa autentica gemma urbanistica frutto di un progetto di riqualificazione dell’area dell’ex stabilimento Michelin. Situato a ridosso del centro storico, il quartiere, caratterizzato da un connubio unico di corsi d’acqua e aree verdi, è presidiato idealmente dal magnifico Palazzo delle Albere, edificato nel XVI secolo e oggi sede di mostre ed eventi organizzati dal Museo di Arte Moderna e Contemporanea e dal Museo delle Scienze. Impossibile, dopo le evoluzioni sui pattini, non cogliere l’occasione per una visita.

 

di Edoardo Stucchi

 

logo_bikepoint

Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint  La mappa interattiva dei #BikePoint presenti sul territorio, viene costantemente aggiornata [visita la #MapHub] Diventa #BikePoint, compila il modulo di adesione
SCONTI E VANTAGGI AI SOCI DI N>O>I / RECSANDO / BICIPOLITANA NETWORKDIVENTA SOCIO