Home » Blog » Terremoto centr’Italia: I giovani del Rugby “portano” solidarietà sui campi nelle città colpite

Terremoto centr’Italia: I giovani del Rugby “portano” solidarietà sui campi nelle città colpite

Si sono mobilitati in tanti sul nostro territorio per portare aiuti materiali con generi di prima necessità nelle zone colpite. Tra altri, a "scendere in campo" mettendoci tempo, braccia e cuore,  anche società di sport "minori" come il Rugby. 

Giovedì e Venerdì sera, nel parcheggio davanti al Comune di San Giuliano Milanese,  (ma anche a Melegnano e Opera) giocatori della ASD Mastini Rugby 2007 di Opera, società che milita in Serie C 2, hanno organizzato una raccolta di generi di prima necessità – non alimentari – per cui  detersivi, detergenti, prodotti di cura per la persona,  vestiti, coperte, medicinali, piatti, bicchieri di plastica, carta igienica, pannolini e giochi per bambini etc. Raccolta organizzata in collegamento con la Squadra di Rugby di Rieti. Infatti tutto il materiale raccolto, al termine saranno 6 furgoni della Protezione Civile, è stato portato al campo sportivo della città laziale duramente colpita. 
"Il Rugby più che uno sport è un Movimento", ci dice Leandro Lombardi, passato da Opera  all'ASD Rugby Milano in Serie A. "Già il fatto che una squadra è composta da 15 giocatori, ma quelli che stanno in panchina incitano e aiutano i compagni come se fossero in campo, porta a pensare alla solidarietà e all'attenzione per il prossimo. E' proprio uno sport con particolare attenzione al sociale. Siamo andati a spalare fango anche dopo l'alluvione di Genova qualche anno fa".
Il rugby è uno sport collettivo, e sta veramente prendendo…piede, tra i giovanissimi dai 6 anni in su.
 
Ad aiutare i giocatori della Mastini Rugby nelle operazioni di logistica, anche l'amministrazione comunale, con il sindaco Marco Segàla, l'assessore allo sport Maria Grazia Ravara e  alcuni consiglieri comunali. Inoltre semplici cittadini, i volontari della Protezione Civile e il Comandante della Polizia Locale Marco Simighini, che  ha guidato la spedizione munito delle necessarie comunicazioni agli organi competenti. 
"Più avanti, quando la situazione sarà più stabilizzata, faremo altre iniziative", ci dice il primo cittadino. "Ci siamo già messi in moto contattando il sindaco di Amandola, una città colpita ma non molto menzionata dai media, dove a essere seriamente danneggiato è l'ospedale. Il ricavato di queste iniziative  sarà devoluto alla ricostruzione dell'edificio".
Redazione RecSando Angela Vitanza-Foto Luigi Sarzi Amadè

 15 Visite totali,  2 visite odierne