caduti di Nassiriya

Per non dimenticare i caduti di Nassiriya

Erano le ore 10.40 (8.40 in Italia) del 12 novembre 2003, quando un camion cisterna imbottito di esplosivo venne fatto scoppiare davanti alla base militare italiana “Maestrale” a Nassiriya in Iraq, provocando la morte di 28 persone, 12 carabinieri e 5 soldati, 2 civili italiani, 9 iracheni e ben 140 feriti.

Il contingente italiano della missione “Antica Babilonia” era impegnato in operazioni di peacekeeping sul territorio.
“Con questa semplice ma sentita cerimonia, miriamo a tenere viva la memoria di un sacrificio reso nell’adempimento del dovere a favore del popolo iracheno e per l’intera comunità internazionale. Sono trascorsi 13 anni da quel tragico evento ma sono rimasti intatti la commozione e il riconoscimento degli italiani a ricordo degli eroici caduti che donarono il bene supremo della vita ispirandosi a un nobile evento di pace e mirando a sostenere la rinascita del popolo iracheno, divenendo così un esempio mirabile di dedizione e senso del dovere e dell’amor patriae.”

 9 Visite totali