Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

SONO MATTIA, SCALA C di Alberto Piazzi – Ed. Le Giraffe

 

La definizione di ROMANZO DI FORMAZIONE di Wikipedia recita: “Il romanzo di formazione o Bildungsroman (dal tedesco) è un genere letterario riguardante l'evoluzione del protagonista verso la maturazione e l'età adulta, nonché la sua origine storica. In passato lo scopo del romanzo di formazione era quello di promuovere l'integrazione sociale del protagonista, mentre oggi è quello di raccontarne emozioni, sentimenti, progetti, azioni viste nel loro nascere dall'interno. “

Questa definizione calza a pennello per SONO MATTIA, SCALA C, storia di Mattia Castagna, nato negli anni ’60 a Sesto San Giovanni, cuore pulsante, allora dell’industria milanese, sede della Breda, della Falck, della Magneti Marelli e tanti altri colossi della siderurgia, della chimica ecc., città operaia per definizione.

E’ qui che Mattia cresce, ed è qui che molto presto impara ad affrontare le difficoltà della vita e il dolore. Alla morte del padre, una morte bianca, improvvisa, che lascia Mattia, la mamma Agnese e il fratellino Uccio in una situazione disperata, dalla quale sembra impossibile uscire. Le difficoltà nel trovare lavoro, per un ragazzo intelligente e generoso come Mattia, in una periferia nord di Milano che, alle soglie degli anni ’70, comincia a soffrire della crisi economica seguita al boom degli anni ’50 e ’60, insieme alla disperazione data dalla consapevolezza di non riuscire ad essere di aiuto alla madre vedova, porta ben presto Mattia su quella che i benpensanti definiscono “la cattiva strada”. In seguito ad una bravata, Mattia viene mandato a Pizzighettone, nella casa-famiglia” Villa dei Gerani, ex-riformatorio. E a Pizzighettone, Mattia troverà l’amicizia di alcuni “ospiti” di Villa dei Gerani, una amicizia travagliata ma che durerà per tutta la vita, e l’amore di Stella, anche questo piuttosto travagliato, ma più forte delle traversie e degli ostacoli che Mattia incontrerà ancora nel corso della vita, vissuta tra Pizzighettone, Sesto San Giovanni, Cremona e le montagne bergamasche, tutti luoghi che l’autore, Alberto Piazzi, sembra conoscere ad amare profondamente.

Fin dalle prime pagine, la narrazione ti cattura e non ti molla più fino alla fine: una trama avvincente, che alterna momenti drammatici e momenti quasi comici, con un linguaggio a volte poetico, a volte duro e spietato, sapientemente utilizzato e calibrato, mai ridondante, anche quando le situazioni descritte nel romanzo potrebbero indurre l’autore a scivolare nel melodramma.

Abbiamo detto un romanzo di formazione: ma SONO MATTIA, SCALA C, è anche una riflessione sulla storia degli ultimi trent’anni del secolo scorso, che ora ci sembrano così lontani, profondamente diversi dal periodo in cui stiamo vivendo. Un romanzo in cui, oltre ai personaggi e alle loro vicende, ci sono due altri importantissimi protagonisti: il cinema, centrale nella vita di Mattia, e ben rappresentato dalle numerosissime citazioni di film che hanno fatto la storia del cinema italiano e internazionale (Da “per un pugno di dollari” al “Mucchio Selvaggio”, a “Todo Modo” e molti altri), e la musica, anch’essa presente in maniera preponderante per tutto il corso del romanzo, una vera e propria colonna sonora. Letteratura, Cinema e Musica: una triade che rende questo romanzo assolutamente imperdibile.

 

Biografia di Alberto Piazzi

Alberto Piazzi è nato a Soresina nel 1952, ha vissuto a Pizzighettone fino al 1970. Successivamente si è trasferito a Milano e poi in Belgio.

Il suo primo romanzo si intitola “Il dossier E”, un giallo ambientato a Bruxelles, pubblicato nel 2018 da ROBIN EDITORE.

Circolo 6 x4

Piera Scudeletti

Log in to comment

Il Salotto Letterario