San Donato monta in sella e pedala verso il futuro

Martedì 12 sarà presentato il Biciplan, il piano urbano della mobilità ciclistica ideato con l’obiettivo di ridefinire il modo di muoversi in città nel segno della sostenibilità

 «Ridare il cuore della città in mano alle persone e liberare l’aria dall’emissione di anidride carbonica». Questi e altri ambiziosi obiettivi sono stati anticipati dal Vicesindaco Gianfranco Ginelli sulle pagine di SanDonatoM.ese nell’articolo di lancio della serata di presentazione del Biciplan, piano urbano della mobilità ciclistica con cui l’Amministrazione punta a ridefinire le dinamiche degli spostamenti in città.

 La logica e le linee guida del documento – stilato con la consulenza tecnica dell’ingegner Enrico Chiarini, titolare di uno studio con esperienza pluriennale in progettazione di soluzioni di mobilità dolce in diverse città italiane (Brescia, Cagliari, Foggia, Parma, Rovereto…) – saranno illustrate compiutamente martedì 12 in sala Consiliare alle ore 21. Oltre a Chiarini, a presentare il documento vi sarà anche Paolo Ruffino, esperto di mobilità ciclistica, che nel suo curriculum include un’attività di consulenza per la provincia di Amsterdam per la progettazione di un’autostrada “a due ruote” tra Hoofddorp ad Aalsmeer.

 «Il tema della mobilità è uno dei principali perni attorno a cui ruoterà il futuro dell’intero pianeta – spiega il Vicesindaco Ginelli –; il sistema attuale sta mostrando i suoi limiti e la sua non sostenibilità. Ciò impone a chi amministra i territori, a qualsiasi livello, di adottare scelte in grado di introdurre e facilitare sistemi più ecologici di muoversi. Questo è quanto stiamo facendo, non solo con il Biciplan, ma attraverso un’idea innovativa e integrata di mobilità locale e sovracomunale».

 «Il Biciplan – conclude il Sindaco Andrea Checchi – aggiunge un nuovo capitolo nel rapporto “storico” tra San Donato e la bicicletta. Da decenni la nostra città è all’avanguardia nella sperimentazione e nell’adozione di novità e buone pratiche ideate per semplificare e stimolare gli spostamenti a pedali».

 

CS SDM