Home » Blog » Roamning: da domani taglio dei costi per chiamate e internet all’estero

Roamning: da domani taglio dei costi per chiamate e internet all’estero

Roaming: da domani scatta il taglio dei costi per chiamate e Internet all’estero

Si avvicina la fine del roaming: da domani, sabato 30 aprile, arriva il maxitaglio dei sovrapprezzi per chiamare e navigare su internet dall’estero. È il primo passo che porterà alla scomparsa della tariffa maggiorata, prevista per il prossimo 15 giugno 2017, quando usare il telefono e la rete costerà come se si fosse in Italia.

aaaroaming

Come cambiano i costi

Da sabato, chiunque viaggerà in uno dei Paesi Ue vedrà tagliati di 3-4 volte i costi attuali: le chiamate, gli sms e il traffico dati saranno effettuati alla propria tariffa più un massimo rispettivamente di 5 centesimi, 2 centesimi e 5 centesimi (Iva esclusa).

Le tariffe pagate fino a oggi

Oggi l’attuale regolamento Ue in vigore dal 2012, che ha tagliato i prezzi l’ultima volta nel 2014, prevede sovra-costi di 19 centesimi per le chiamate, 6 per gli sms e 20 per i dati (sempre Iva esclusa). La Commissione Ue ha iniziato nel 2007 la battaglia contro le bollette telefoniche stratosferiche di cui molti sono stati vittime viaggiando all’estero, e da allora i costi sono stati ridotti dell’80%. E da sabato saranno ancora inferiori.

Cosa cambia dal 15 giugno 2017

Dal 15 giugno 2017 saranno infine ridotti a zero: tutto il traffico verrà dedotto dal proprio abbonamento o sarà effettuato alla propria tariffa, esattamente come a casa. Unico limite, che Bruxelles ha tempo sino a dicembre per definire con precisione legale: farne un “uso equo”, ovvero il divieto di abusi come l’acquisto di una sim straniera in un Paese in cui i prezzi sono inferiori per usarla in modo permanente nel proprio Paese di residenza.

Le sanzioni in caso di abusi

Resterà vietato quindi comprare una carta telefonica per esempio in Lettonia per usarla in modo permanente in Italia. In caso di abusi, l’operatore telefonico potrà infatti imporre al proprio utente un recupero dei costi. “È un assoluto cambio di mentalità, non c’è differenza se si va in vacanza due settimane o due mesi”, ha assicurato la relatrice dell’Europarlamento Pilar Del Castillo, che l’anno scorso strappò il sofferto accordo agli stati membri piuttosto allineati con le grandi compagnie telefoniche, da sempre ostili alla fine del roaming da cui hanno finora intascato introiti.

fonte: consumatrici.it

 38 Visite totali,  2 visite odierne