Riapre il sottopasso IKEA

RIAPRE IL SOTTOPASSO IKEA

Dopo la completa sostituzione dell’impianto delle pompe di sollevamento e il buon esito del collaudo finale che ha accertato anche la corretta messa a punto degli aspetti legati a viabilità e segnaletica, il sottopasso  riapre al traffico oggi, martedì 27 febbraio 2018.

Con la Delibera di Giunta n. 284 del 30/11/2017, l’Amministrazione ha approvato un atto ricognitorio volto a ricostruire la complessa vicenda del piano attuativo “Via Po- Volturno” da un punto di vista contabile. Infatti, oltre alla vicenda prettamente mediatica del “sottopasso”, è stato necessario ridefinire l’intera contabilità di lavori oggetto dello scomputo oneri, approvati dalla precedente Amministrazione. Da una puntuale ricostruzione, a fronte di lavori eseguiti da Vitali Spa che l’Amministrazione Comunale aveva quantificato in quasi € 800.000, è stato possibile recuperare a favore della collettività € 189.516,98, già accertati nel bilancio 2017.

All’interno di queste ingenti risorse sono stati reperiti € 44.347 per la completa sostituzione dell’impianto del gruppo di sollevamento pompe. L’intervento realizzato è frutto di un studio progettuale redatto da un ingegnere idraulico, nominato dall’Amministrazione Comunale, il quale ha confermato il sovradimensionamento dell’impianto di sollevamento pompe installato in origine e il non regolare funzionamento del sistema che, determinando vibrazioni, danneggiava le condotte di scarico.

“Siamo finalmente riusciti a restituire ai cittadini e al territorio – commenta il Sindaco, Marco Segala – un’opera che riteniamo importante per una migliore viabilità della zona e quindi per un deflusso più ordinato del traffico, data la vicinanza con l’imbocco della tangenziale e con le zone commerciali di Sesto Ulteriano e Civesio. Questo era l’obiettivo finale, conseguito al termine di una vicenda che, appena insediati, abbiamo cercato di affrontare e risolvere nel più breve tempo possibile. Sono stati necessari approfondimenti tecnici e analisi strutturali sull’intero manufatto per individuare con precisione il vero problema – il sovradimensionamento del sistema idraulico rispetto alla portata della struttura esistente – che per anni ne ha impedito l’utilizzo. Da qui, la soluzione progettuale consistente nella completa sostituzione dell’impianto delle pompe di sollevamento, per una spesa complessiva pari a € 44.347.

Naturalmente, il nostro impegno non finisce qui: continuerà infatti nelle prossime settimane il monitoraggio delle nuove componenti idrauliche, soprattutto in caso di pioggia.

Arrivare fino a qui è stato un traguardo molto impegnativo e, proprio per il senso di responsabilità che contraddistingue la nostra azione, cercheremo di accertare anche eventuali responsabilità in merito a investimenti che sul piano tecnico non si sono rivelati risolutivi”.

 

VIDEO RECSANDO

 

 

CS SGM