Home » Blog » Redazione RecSando: Primo passo … Spazio ai Giovani

Redazione RecSando: Primo passo … Spazio ai Giovani

Civesio : Passo primo,  spazio ai giovani!

Venerdì 25 ottobre scorso si è svolta l’inaugurazione di “Spazio Giovani”,  in via Civesio 32  un nuovo luogo di aggregazione a disposizione dei ragazzi della frazione sangiulianese di Civesio, alla presenza del Sindaco Lorenzano, del Vice-sindaco Zanone, dell’Assessore alla Cultura e alle Politiche Giovanili, Maria Morena Lucà, e dell’Assessore alle Opere Pubbliche, Mario Oro. 
 

 


IMG 3063Abbiamo chiesto alla signora Anna Ingrid Haase, che è stata una delle promotrici dell’iniziativa, insieme ad altri genitori, come è nata questa iniziativa andata a buon fine. Ed ecco quanto ci ha raccontato:
Civesio
  in questi ultimi anni, grazie alle nuove costruzioni, si è popolata soprattutto di coppie giovani.

 Per questo motivo tra giovani e giovanissimi ci sono decine di presenze. Qui ci si conosce un po’ tutti e soprattutto la fascia giovane è molto unita. Si conoscono e si ritrovano ogni giorno praticamente fin dall’asilo anche perché vanno a scuola tutti insieme e prendono tutti lo stesso bus anche se vanno in scuole diverse alle superiori. Nel tempo libero, se in estate si ritrovano al parco, per l’inverno non c’erano alternative.

 

Nessun bar è aperto alla sera, nemmeno la Bindi che all’inizio della ristrutturazione era aperta fino alle 23. Non ci sono locali di ritrovo nelle vicinanze e nella frazione non è attivo nemmeno un oratorio, tranne che alla domenica pomeriggio ma compreso in un percorso di catechesi. Quindi del tutto diverso da quella che è l’esigenza che sentono gli adolescenti. Nel loro desiderio di autonomia, i ragazzini, quando fa freddo o piove, si ritrovano a ripararsi in gruppi molto numerosi sotto i portici dei palazzi oppure in casa di qualche genitore disponibile. Però alla lunga diventa pesante ospitare fino a 20 ragazzi e/o ragazzini che chiedono solo di starsene un po’ a chiacchierare tra amici e guardare magari la tv per conto loro. Sono troppi per qualunque famiglia. Lo scorso anno al sabato sostavano in mezzo alla neve sulle panchine e tornavano a casa fradici. Anche consumare una pizza sotto la pioggia pur di ritagliarsi uno spazio, credo non sia il massimo.

 

Abbiamo quindi pensato che non si può sempre far finta di niente. Anno dopo anno i numeri degli amici crescono e i gruppi si fanno sempre più numerosi. Ne abbiamo contati una sessantina in giro, nella fascia da 12 a 18 anni. Per non parlare di quelli che non escono proprio perché qui c’è il nulla o di quelli che si fanno portare e lasciare al cinema o al bowling o al centro commerciale, giusto per passeggiare.

A noi genitori fa solo piacere che siano tanto uniti e così ci siamo confrontati per cercare delle soluzioni a quello che, secondo i più accorti, sta diventando un problema sociale.

Ci siamo messi in pista e abbiamo scandagliato la frazione alla ricerca di qualcosa e dopo aver anche valutato la possibilità di affittare dei locali, considerandone i costi, abbiamo dovuto scartare l’idea.

IMG 3046Alla fine, dopo esserci confrontati anche con il Comitato di Civesio, la scelta più logica ci è sembrata quella di puntare sui locali che anni fa occupava il medico, ed erano rimasti vuoti ed inutilizzati. Ci siamo quindi rivolti, come ultima soluzione dopo averle percorse tutte, all’Amministrazione Comunale per proporre la nostra iniziativa, suggerendo diverse varianti che comprendevano, soprattutto, la nostra disponibilità totale. Già lo scorso inverno ci eravamo incontrati con l’Assessore Lucà per la fattibilità dell’operazione ed hanno fatto alcuni sopralluoghi prima di darci notizie positive. Negli ultimi mesi ci siamo incontrati diverse volte sia con l’Assessore Lucà che con l’Assessore Oro, per definire i dettagli.

IMG 3051Devo dire che l’Amministrazione ha accolto favorevolmente l’iniziativa fin dal primo momento, dichiarandosi disponibile, pur se i tempi si sono protratti per intoppi burocratici.  L’importante era partire prima che arrivasse nuovamente il freddo e ce l’abbiamo fatta, pur considerando per il momento l’attività ancora sperimentale. Ovviamente va implementata, ad esempio, con degli spazi dedicati allo studio. Non appena il Comune metterà il wi fi, contiamo di proporre un paio di pomeriggi sperimentali dedicati allo studio od attività similari come, se solo riuscissimo ad avere più spazio, ad aprire anche una biblioteca. Abbiamo già la persona volontaria per gestirla al meglio, con esperienza nel settore. Con due soli locali sarà impossibile, ma noi non escludiamo che tutto si possa valutare. Ci stiamo confrontando con i ragazzi per verificare le esigenze delle varie fasce di età e ci stiamo turnando volontariamente con una dozzina di genitori e ragazzi maggiorenni, per la necessaria attività di sorveglianza durante gli orari di apertura. Al momento siamo autorizzati a tenere aperto il venerdì ed il sabato sera e la domenica pomeriggio. Nell’attesa del bando, vedremo di aggiustare il tiro. 
Noi ci crediamo ed abbiamo trovato nell’Amministrazione un appoggio superiore alle aspettative.

Gli orari di apertura dello spazio aggregativo, attiguo ai locali dell’anagrafe saranno:
venerdì: 21,00-23,30/sabato: 20.30-23,30/domenica: 16,00-19,00
In  occasione della serata di Halloween, giovedì 31 ottobre prossimo, lo spazio aprirà dalle ore 19.00

Per Redazione RecSando:

Testimonianza raccolta da Angela Vitanza
Foto dell’inaugurazione a cura di Luigi Sarzi Amadè

 

 

 

 

 36 Visite totali,  2 visite odierne

IMG 3043