509 Visite totali,  1 visite odierne

Progetto WorkOut

Come nasce questo progetto e a chi è rivolto?

WorkOut nasce nel 2019 dalla collaborazione tra il Comune di Peschiera Borromeo e due cooperative sociali che operano nel settore delle Politiche Giovanili da molti anni: la Libera Compagnia di Arti & Mestieri Sociali e Spazio Aperto Servizi.

È stato pensato innanzi tutto per ascoltare i giovani e favorire il dialogo tra loro e il resto della comunità. Per giovani intendiamo una fascia molto ampia che va dai 13 ai 29 anni. Le proposte sono ovviamente diverse per fasce d’età ma hanno come denominatore comune lo sviluppo delle potenzialità di quella lunga strada che porta a diventare adulti.

Quante sono le adesioni e i ritorni sul nostro territorio?

In questi due anni di progetto abbiamo coinvolto più di cinquecento ragazzi attraverso i tre servizi che proponiamo.

Con l’Educativa di Strada incontriamo soprattutto adolescenti nei luoghi spontanei di aggregazione come parchi e piazze. In questo modo siamo riusciti a conoscere molte compagnie di giovani nelle diverse frazioni.

C’è poi l’Informagiovani, che accompagna i ragazzi più grandi nel mondo delle opportunità, dei corsi di formazione e del mondo del lavoro sostenendoli nella costruzione del proprio futuro. Al momento abbiamo avuto un riscontro positivo, soprattutto da quei ragazzi che si sono rivolti a noi per compilare o correggere il proprio curriculum vitae.

Infine abbiamo l’Orientamento Scolastico per le Scuole Secondarie di Primo Grado che si rivolge ogni anno a circa duecento studenti e le loro rispettive famiglie. Con questo importante servizio sosteniamo i ragazzi nel processo di scelta consapevole della scuola superiore. Non dimentichiamoci poi che Peschiera Borromeo è uno dei pochi comuni che prevede anche un servizio individuale di riorientamento per gli studenti delle superiori, studiato per prevenire l’abbandono scolastico.

Molto importanti sono anche le collaborazioni con le varie realtà del territorio. Tra queste ci sono il Teatro De Sica, gestito dall’associazione Oltheatre, la Comunità Pastorale San Carlo Borromeo, le associazioni di volontariato e sportive, il Consultorio. Dopo più di due anni oramai non è raro essere contattati da realtà di questo tipo perché capiscono il valore del lavoro con i giovani.

 Perché è importante rivolgersi a WorkOut?

WorkOut attraverso i suoi tre servizi offre la possibilità di fare esperienze nelle quali valorizzare le proprie potenzialità.

La collaborazione con Radio Active 20068 poi, permette a chi ha il desiderio di sperimentarsi e mettersi in gioco nel mondo della radio, di essere affiancati dagli operatori nel percorso che porta dalla progettazione alla realizzazione di un programma radiofonico o nella gestione della webradio. Tutti i ragazzi che hanno partecipato hanno vissuto esperienze positive di successo nelle quali hanno potuto coltivare i propri interessi e migliorare le proprie competenze relazionali e comunicative.

 Come vi approcciate al mondo giovanile?

È difficile rispondere perché i ragazzi sono come le impronte digitali: non ce n’è uno uguale all’altro!

Nonostante i servizi differenti che propone WorkOut, gli ingredienti fondamentali per entrare in relazione con i giovani sono l’ascolto dei loro bisogni, dei desideri e il riconoscimento delle loro competenze. Partendo dalle caratteristiche dei singoli e dei gruppi, cerchiamo di predisporre esperienze che possano farli sentire maggiormente motivati a prendere in mano la propria vita e quella della propria comunità.

Durante il lockdown abbiamo poi continuato il nostro lavoro con i ragazzi. Ci siamo spostati sul web, utilizzando i social più diffusi e sperimentando modi diversi di stare assieme.

Quali sono le tematiche che affrontate con gli adolescenti?

Durante le uscite dell’educativa di strada sul territorio gli operatori di WorkOut affrontano con i ragazzi argomenti legati alla loro fase di vita caratterizzata da cambiamenti, relazioni a volte intense e timori spesse volte inespressi. A volte abbiamo l’occasione di parlare di comportamenti a rischio, svolgendo anche un ruolo di prevenzione. Altra tematica trattata riguarda i progetti che si vorrebbero realizzare, sia per sé sia per per la propria città, e questo lo facciamo ascoltando i loro desideri e passioni.

 Se qualcuno fosse interessato a entrare in contatto con la Vs. realtà come deve fare?

Innanzitutto seguirci sui social, Facebook e Instagram, da cui può contattarci. E poi visitare il sito, www.progettoworkout.it che, oltre a contenere i nostri contatti istituzionali, è un collettore molto ampio di informazioni in modalità video sul mondo scuola, quello del lavoro e delle opportunità sul territorio. In questo modo è facile farsi un’idea più precisa di quello che facciamo e capire qual è il servizio migliore per chi visita il sito.

Abbiamo anche un programma radiofonico su RadioActive 20068, chiamato “Belle Storie a Casa WorkOut”, in cui di volta in volta intervistiamo persone, giovani o no, che ci raccontano che cosa vuol dire scegliere una strada e seguirla ascoltando le proprie passioni. Ascoltateci, trovate i podcast sul profilo Spreaker di RadioActive.

Da qualche mese abbiamo poi un luogo fisico, Casa WorkOut in via 2 giugno a Peschiera Borromeo. Consigliamo di prendere un appuntamento telefonico per incontrarci.

Carla Paola Arcaini

logo_bikepoint

Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint  La mappa interattiva dei #BikePoint presenti sul territorio, viene costantemente aggiornata [visita la #MapHub] Diventa #BikePoint, compila il modulo di adesione
SCONTI E VANTAGGI AI SOCI DI N>O>I / RECSANDO / BICIPOLITANA NETWORKDIVENTA SOCIO