1,297 Visite totali,  1 visite odierne

Presidio “La Scuola si fa a scuola”

Sabato 20 MARZO 2021,  alle ore 17:00 nella piazza davanti al Comune di San Donato Milanese si è svolto un presidio organizzato dal comitato “LA SCUOLA SI FA  A SCUOLA” , per richiedere la riapertura della scuola!

Presenti molti cittadini, per far valere il diritto alla vera istruzione di tutti gli studenti!

Il Presidio, autorizzato dalla questura, si è svolto rispettando le misure precauzionali nel rispetto delle norme anti Covid vigenti nella zona rossa (mascherina e distanziamento).

Il Comitato chiede il  “rispetto della Costituzione italiana e della crescita didattica, sociale e umana dei nostri figli, futuro del Paese”, la riapertura immediata, in sicurezza, di tutte le scuole di ordine e grado d’Italia “da equiparare a servizio essenziale”. La scuola deve rimanere aperta sempre e a prescindere dai colori delle regioni. Un’alternativa alla chiusura c’è e il Governo deve trovarla”.

Ad un anno dall’inizio della pandemia, le Istituzioni continuano a non riconoscere l’istruzione in presenza come diritto fondamentale ed essenziale, in violazione della Costituzione. La scuola, ci ricorda l’art. 34 della stessa, è “aperta a tutti” e tutti i giovani hanno diritto a un percorso di studi di qualità.

Gli studenti, e le loro famiglie, stanno ancora una volta pagando un prezzo altissimo, sia in termini di istruzione negata, sia a causa del danno psicologico e sociale imposto dall’uso prolungato della Didattica a Distanza e dell’obbligo innaturale all’isolamento.

Sconcertati dalla mancanza di presa di posizione del Governo su un tema fondamentale per il futuro del nostro Paese e preoccupati dalla crescente disuguaglianza sociale, la Rete Nazionale Scuola in Presenza” chiede il ripristino immediato della didattica in presenza per ogni ordine e grado d’istruzione.

Chiedono che non venga rimandata l’apertura oltre l’8 aprile e che la didattica a distanza non venga adottata come “soluzione” di lungo termine al problema della pandemia mentre altri paesi europei lottano per difendere l’istruzione in presenza.