Home » Blog » Parco Mattei: La riqualificazione non ci sarà

Parco Mattei: La riqualificazione non ci sarà

PARCO MATTEI: LA RIQUALIFICAZIONE NON CI SARA’

Lo scorso 24 marzo, la giunta Checchi ha annunciato, per il Parco Mattei, l’arrivo di un’unica offerta (da parte di un costituendo Raggruppamento di Imprese, tra cui Eni), per un importo di circa 5 milioni e mezzo, che riguarderebbe la piscina coperta e un centro fitness, da realizzare nella stessa struttura della piscina.
Un bando iniziato nel 2013 con un valore di 25 milioni, poi dimezzato a 12, si chiude con un’offerta di poco più di 5 milioni di euro.

A manifestare interesse nel 2013 furono sei soggetti. Oggi offre solo uno e, come indicato nella Determina Dirigenziale n. 142 del 25 marzo 2016, con un progetto difforme rispetto alle richieste del Bando del Comune. Per tale ragione, la Commissione valutatrice ha rinviato gli atti alla Giunta affinché si esprima su questa offerta poiché diversa rispetto al Bando di gara e a quanto deliberato dalla Giunta stessa.
E per il resto del Parco? Il nulla assoluto.

Per il momento il Comune ha negato al gruppo consiliare di opposizione “Insieme per San Donato” di accedere all’offerta. Con questo atto gravissimo, si impedisce una prerogativa concessa ai consiglieri. La Giunta redige un comunicato stampa sugli esiti della gara ma ai consiglieri non si dà accesso agli atti, impedendoci lo svolgimento democratico della nostra funzione istituzionale che è quella di vigilare e controllare il regolare e corretto espletamento dell'intera procedura.

Per questo motivo e pubblicamente facciamo le nostre domande al Sindaco, Andrea Checchi:

  1. Cosa prevede esattamente il progetto di Eni e come diverge dal progetto del Comune?
  2. Il progetto proposto da Eni è conforme e sostenibile rispetto ad una rinascita complessiva del Centro Mattei?
  3. Chi si occuperà della fase progettuale, della fase esecutiva, della Direzione Lavori?
  4. Chi avrà la gestione delle piscine, anche di quella scoperta, e del centro fitness; per quanti anni e con quali introiti per il Comune?
  5. La manutenzione ordinaria sarà a carico del gestore delle piscine e del centro fitness?
  6. Come, quando e da chi sarà riqualificata la piscina esterna?
  7. Relativamente al rifacimento della pista di atletica, per la quale la Giunta ha annunciato di voler partecipare a un bando regionale per un finanziamento, quale finalità e sviluppo pensate di ottenere senza aver sviluppato un progetto complessivo che includa il rifacimento degli spogliatoi, della tribuna coperta, del campo di calcio?
  8. Quali interventi attuerete per i campi da tennis rovinati, abbandonati, in stato di disfacimento, quando potrebbero costituire uno dei Circoli di Tennis di prestigio della Provincia di Milano?
  9. Perché San Donato non ha un Palazzetto dello Sport? Non è forse ora di valutare se la Struttura Centrale presente nel Parco sia in grado di diventarlo? Ristrutturandolo o ricostruendolo, per renderlo polifunzionale, a norma di sicurezza, moderno, capiente, per essere il centro di tutte le manifestazioni e campionati di pallacanestro, pallavolo, pallamano, calcio a 5 e qualsiasi altro sport al coperto?

I consiglieri comunali di minoranza
Gina Falbo   Roberto Ponte   Vincenzo Di Gangi    Marco Menichetti    Manolo Lusetti     Emilio Beatrice
Francesco Forenza    Innocente Curci    Ezio Fronterotta   Giacinto Calculli

 

Potrebbe essere di tuo interesse approfondire l'argomento leggendo alcuni articoli pubblicati nel passato che parlano del Parco Mattei

PARCO MATTEI: COSA STA SUCCEDENDO?
Parco Mattei, Eni in campo con un pool di partner
Parco Mattei, prorogati di due mesi i termini per partecipare al Bando di riqualificazione della struttura
Parco Mattei, via libera al bando per la riqualificazione
Parco Mattei, varate le linee guida per la riqualificazione Al via il bando per avviare l’iter degli interventi
Parco Mattei, 20 milioni di euro e sei soggetti per la riqualificazione
Parco Mattei, al via il percorso di riqualificazione
Riqualifica Parco Mattei

 38 Visite totali,  2 visite odierne