La carica dei 500 e 1

Sono infatti arrivati a questo numero i soci dell'Associazione Solidarietà e Sviluppo guidata dalla dottoressa Eliana Cardella .

Un sodalizio nato a marzo del 2014 per dare continuità agli impegni in campo sociale e solidale,  dopo che è terminato il suo rapporto con l'amministrazione comunale, dove per diversi anni aveva ricoperto il ruolo di assessore ai servizi sociali. 

In questi quasi due anni di vita,  l'associazione si è occupata di varie tematiche a sfondo sociale, ma anche  incontri e conferenze sulla salute,  sulla burocrazia (interessante quello fatto per spiegare cosa bisogna fare in caso di domanda d' invalidità) con la presenza di esperti in matera.  

Ha poi iniziato a organizzare viaggi, visite culturali e pellegrinaggi, per stare insieme, conoscersi, e organizzare attività ricreative. L'ultima delle iniziative, è stata l'Expò dei sapori, sotto la tensostruttura dell'Oratorio San Carlo, coinvolgendo i rappresentanti di 20 paesi esteri  che hanno presentato ai sangiulianesi   i loro piatti tradizionali.

Perchè l'Associazione  " è nata  per dar voce a tutti i cittadini che ritengono indispensabile per la crescita di una comunità il confronto, il dialogo, l’ascolto attento di ogni bisogno, lo scambio di esperienze e opinioni.”

 

E domenica 13 Dicembre ,  al pomeriggio organizzato presso la sede di via della Repubblica   per lo scambio degli auguri con e tra i soci,  ha presenziato l'Assessore della Regione Lombardia con deleghe alla  Fragilità sociale, al  volontariato, all' associazionismo e al  terzo settore,    Giulio Gallera,  che si è   congratulato  con la Dottoressa Cardella per   l'azione positiva che svolge sul territorio.  

Interessante è  il fatto che all'Associazione ci sono iscritti anche parecchi giovani, che hanno le idee chiare circa il loro futuro  nell'ambito lavorativo senza tralasciare i doveri civici e i bisogni del prossimo.  

E  proprio un giovane,   23enne studente d'ingegneria, Sinan Al Qudah, italiano di seconda generazione, è stato premiato con la targa d'iscrizione numero 501.  

Mentre la targa numero 500, è stata consegnata a Maria Rosa Marano, titolare del Bar Principe a Zivido.  Conosciutissima  nella comunità sangiulianese, per il suo altruismo e la sua bontà, sempre a disposizione "del prossimo".

 

Redazione RecSando Angela Vitanza