Home » Blog » L’Amministrazione Comunale respinge la richiesta danni sul PII di Bellaria

L’Amministrazione Comunale respinge la richiesta danni sul PII di Bellaria

In funzione della richiesta di risarcimento danni protocollata presso gli uffici comunali in data 2 maggio dalla Società Cooperativa Edilizia San Giuseppe, il Sindaco Caterina Molinari dichiara:
“Abbiamo preso atto della decisione di richiesta danni inoltrata dalla cooperativa San Giuseppe, al quale diamo seguito secondo i pareri legali espressi dagli avvocati che stanno rappresentando l'ente.
Posso quindi affermare la scelta della nostra Amministrazione di respingere qualunque richiesta di risarcimento del danno o indennizzo, in quanto del tutto infondata. Con riferimento alla sentenza del Consiglio di Stato 294/2017, ribadiamo che oggi il PII di Bellaria risulta illegittimo e quindi annullato, pertanto ne consegue l'impossibilità di realizzazione del lotto due e delle opere previste originariamente, quali la scuola materna e il parco pubblico.

La richiesta di danno, non dimostrato e quantificato genericamente in € 5.000.000, non può evidentemente trovare nessuna valida fondatezza nella pretesa di responsabilità da parte dell'ente. La nostra Amministrazione, come già condiviso con i cittadini nell'ultimo recente incontro, si è già mossa attraverso un'ordinanza volta alla risoluzione dei disagi dovuti alla mancata chiusura del cantiere. IdeaFimit è tenuta a mettere in sicurezza le aree e a realizzare la parte di piazza oggi edificabile. L'Amministrazione si sta prodigando perché questo avvenga in favore di una maggiore vivibilità della zona. Questo è quanto oggi ci è consentito agire, nell'esclusivo e unico interesse dei cittadini.
I rapporti con la cooperativa San Giuseppe e quindi con il suo rappresentante sig. Tirloni, proseguiranno alla presenza dei nostri legali, scelta inevitabile in considerazione della causa aperta nei confronti dell'ente. Al fine della corretta e completa esposizione dei fatti, è doveroso ricordare che lo stesso sig. Tirloni era partecipe il 4 aprile 2007 all’avvio di tutta questa discussa vicenda, in quanto fu incredibilmente tra consiglieri comunali che approvarono in Consiglio il PII di Bellaria, oggi tanto dibattuto e causa della richiesta di risarcimento da lui stesso presentata.
La nostra Amministrazione non si è mai sottratta a un confronto all'interno di questa articolata vicenda. Riteniamo che sia doveroso da parte nostra confrontarci con gli opportuni interlocutori solo di fronte ai passaggi che la legge ci consente di fare e quindi che risultano legittimamente comunicabili. La priorità oggi è la messa in sicurezza e la garanzia di vivibilità dell'area, l'eventuale contenzioso esposto dalla cooperativa San Giuseppe esula da questi temi".

 29 Visite totali,  2 visite odierne