Home » Blog » Il Sinodo dei giovani è passato anche da San Giuliano

Il Sinodo dei giovani è passato anche da San Giuliano

Si sta svolgendo proprio in questi giorni a Romai un incontro speciale dei vescovi -detto sinodo- che porterà la Chiesa a prendersi cura delle nuove generazioni, riflettendo sul loro vissuto, la loro vocazione, le loro scelte.

Cosa c’entra San Giuliano? 

Per celebrare questo evento, l’Associazione don Zilli e la Fondazione San Paolo hanno promosso una mostra itinerante per le città  italiane.  Si chiama  «I santi della porta accanto», dedicata  a  giovani testimoni della fede.
E’ la mostra ” I Santi della Porta Accanto” inaugurata sabato 6 ottobre in sala Tapia Radic, patrocinata dall’Amministrazione comunale nell’ambito della Festa della Città, che quest’anno aveva per titolo “Voglio tutto! la Bellezza della Libertà”. 
I giovani aspirano sempre a qualche libertà, ma  non tutti i 24 di cui si parla, hanno potuto decidere della loro Libertà. Sono ventiquattro   ragazzi raffigurati su  pannelli, scelti dal giornalista Gerolamo Fazzini, che ha ideato e curato l’iniziativa con la collaborazione di Stefano Femminis, Ilaria Nava, Mariagrazia Tentori e dell’artista camerunese Afran che ne ha ridisegnato i volti. I pannelli  sono trentadue: ventiquattro dedicati ai profili e gli altri con frasi di papa Francesco sui giovani e la santità oggi. Si parte da alcune figure del Novecento ancora  oggi attuali: i beati Pier Giorgio Frassati, ( figlio del fondatore de la Stampa di Torino, che contrasse la poliomelite che lo portò alla morte  visitando i poveri. Attività di cui i genitori non ne sapevano nulla, e così rimasero stupiti di quanti ve ne fossero al suo funerale).  Teresio Olivelli , alpino, torturato e ucciso dalle SS,  Alberto Marvelli  fondatore delle Acli, ma anche Mario Fanin sindacalista  scomodo dei contadini  e Rosario Livatino il giudice “ragazzino” siciliano ucciso dalla mafia. E poi tanti giovani italiani, in grande maggioranza laici, vissuti tra gli anni Ottanta e gli anni Duemila. Ognuno con una storia, finita troppo presto. Santa Scorese, prima martire dello stalking, è stata uccisa dal suo persecutore a 23 anni. Avrebbe voluto diventare suora, in punto di morte perdona il suo assassino. Sandra Sabattini muore in un incidente a 23 anni, si dedicava ai disabili.  Carlo Acutis, morto di cancro a 15 anni, un mago del web, mache dedicava tempo ai poveri. Beata Chiara Luce Badano, morta di sarcoma a 19 anni con il sorriso sulle labbra.E ancora Mario Restivo, scout morto in un incidente stradale a 19 anni. Marco Gallo, investito a 17 anni mentre andava a scuola. Filippo Gagliardi, morto di tumore a 30 anni.Gli amici Alberto Michelotti e Carlo Grisola Uno cade durante una gita in montagna, all’altro il giorno dopo viene diagnosticato un tumore, e muore 40 giorni dopo. Chiara Corbella ha perso due bimbi uno dopo l’altro, il terzo nasce sano, ma si ammala lei e muore un anno dopo. Angelica Tiraboschi, morta di cancro al seno a soli 19 anni. Maria Cristina Mocellin, anche lei vittima del cancro a 26 anni lasciando tre bambini. Gian Luca Firetti invece di anni ne aveva 21 e Carlotta Nobile 24. Giovani che avevano in comune una grande Fede in Dio.
 
E infine i coraggiosi che si sono opposti alle mafie:Ezechiele Ramin, Padovano, Missionario comboniano ucciso in Brasile difendendo i poveri; Beato Mario Borzaga, di Trento, missionario  viene ucciso dai guerriglieri in Laos negli anni 60. Giulio Rocca, ucciso nelle Andedai terroristi di Sandero Luminoso, aveva 30 anni. E poi le conversioni, da attrice a suora, Clare Crockett, irlandese, muore sotto le macerie del terremoto in Equador. Ragheed Ganni, prete coraggio, ucciso in Irak da in miliziano. Floribert Bwana Chui, congolese, ucciso per non aver accettato una “mazzetta”. Ha preferito morire pur di salvare i bambini a cui era destinata una partita di riso avariata, facendola distruggere.
Questi giovani hanno dimostrato che libertà è anche morire col sorriso sulle labbra.

 

Redazione RecSando Angela Vitanza

 

 


Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint  La mappa interattiva dei #BikePoint presenti sul territorio, viene costantemente aggiornata [visita la #MapHub] Diventa #BikePoint, compila il modulo di adesione
SCONTI E VANTAGGI AI SOCI DI RECSANDO / BICIPOLITANA NETWORKDIVENTA SOCIO

 

 

 

 43 Visite totali,  2 visite odierne