219 Visite totali,  2 visite odierne

Il Bosco di Bolgiano: Alberi abbattuti a San Donato Milanese

Bosco di Bolgiano – San Donato Milanese
Bosco di Bogiano: Alberi Abbattuti

Tanti saluti agli alberi del bosco (vincolato) di Bolgiano.

Recentemente Syndial, proprietaria dell’area, ha eseguito pesantissimi lavori di taglio degli alberi del bosco, sottoposto a vincolo, situato lungo Viale De Gasperi a Bolgiano.

Gli interventi non si sono limitati alla sola rimozione delle parti secche con potature mirate o di quelle pochissime piante pericolanti (forse una sola), ma hanno interessato anche alberi più o meno grandi che sono stati abbattuti, stravolgendo completamente quello che per tutti era il bosco di Bolgiano.

Come associazione non possiamo far altro che esprimere il nostro disappunto per un intervento che ha il sapore di una gestione del verde in ambito urbano, vecchia di decenni.

San Donato Milanese si vanta di essere la città dell’hinterland con la più alta percentuale di verde, guardando l’ultimo intervento ci chiediamo se questa condizione sia un fattore di pregio per i diversi soggetti preposti alla tutela o semplicemente uno slogan.

Facciamo presente che si trattava di un bosco urbano, un ambiente preziosissimo proprio perché situato all’interno del tessuto cittadino, un elemento capace di attutire i rumori, di abbattere le polveri disperse nell’aria e contrastare a livello locale gli effetti sempre più fastidiosi dell’isola di calore urbana.

Concludiamo facendo presente che:

  • I benefici erogati da alberi di 40 – 60 anni (tanti ne avevano quelli abbattuti) non possono essere compensati da alberi piantati in sostituzione, ci vorranno almeno 10 anni per che ciò avvenga (ammesso che i programmi di manutenzione siano adeguati a farli sopravvivere);
  • Potare alberi che si trovano in un bosco, anche se questi hanno un portamento filante a causa della competizione per la luce, non ha senso! Nei boschi gli alberi si comportano esattamente così.
  • Riteniamo che applicare un esasperato concetto di sicurezza (legato alla prevenzione della caduta degli alberi) sia sbagliato, soprattutto dove la fruizione è minima.

Concludendo chiediamo con forza maggiore attenzione da parte di chi deve controllare e chi deve rilasciare i permessi e chiediamo un approccio moderno alla gestione del verde in città.

WWF Sud Milano

 

Bosco di Bolgiano
Bosco di Bolgiano