Bimba di tre anni cade dal balcone e muore

 

 

Tre anni e mezzo, un metro di altezza, era curiosa di vedere cosa era andato a fare papà in cortile. E’ forse questa la spiegazione della tragedia che si è consumata sabato in una bella palazzina di via Cavour, a San Giuliano Milanese. Alessia T., 3 anni compiuti a giugno, è precipitata dal balcone della sua abitazione, al secondo piano della palazzina che si affaccia su una strada privata. La bimba, secondo una prima ricostruzione, si sarebbe arrampicata su una cassettiera appoggiata contro la balaustra del balconcino.

VOLO DI 8 METRI – Tra le ipotesi, proprio che volesse vedere cosa stava facendo il papà, appena sceso in cortile. Un’imprudenza che, a 3 anni, non ha avuto modo di valutare in tutta la sua gravità. Un attimo, e la piccola è caduta, un volo di quasi 8 metri sul selciato del cortiletto interno. Subito soccorsa da inquilini e familiari, la piccola è stata portata, in elicottero, all’ospedale Niguarda di Milano dove i medici hanno lottato per ore nel disperato tentativo di salvarla. La piccola, però, non ce l’ha fatta, troppo gravi le lesioni riportate nel tragico volo.

MOBILI APPOGGIATI – Sull’episodio stanno adesso indagando i carabinieri di San Giuliano Milanese, ai quali spetterà accertare l’esatta dinamica di quello che, a prima vista, appare come un tragico incidente. Dovranno essere ascoltati i genitori, una coppia di romeni che vive nella palazzina da un anno e che i vicini descrivono come discreti e riservati, al momento entrambi sotto choc e sottoposti a terapie mediche. Da chiarire come la bimba sia sfuggita al controllo dei genitori e sia uscita sul balconcino dove, appunto, alcuni mobili appoggiati al parapetto avrebbero favorito la tragica arrampicata.Tre anni e mezzo, un metro di altezza, era curiosa di vedere cosa era andato a fare papà in cortile. E’ forse questa la spiegazione della tragedia che si è consumata sabato in una bella palazzina di via Cavour, a San Giuliano Milanese. Alessia T., 3 anni compiuti a giugno, è precipitata dal balcone della sua abitazione, al secondo piano della palazzina che si affaccia su una strada privata. La bimba, secondo una prima ricostruzione, si sarebbe arrampicata su una cassettiera appoggiata contro la balaustra del balconcino.