Home » Blog » Con il bike sharing il furto ha le gambe corte

Con il bike sharing il furto ha le gambe corte

Negli scorsi giorni la bicicletta numero 39, sottratta illegalmente, è stata individuata con la geolocalizzazione e recuperata anche grazie alla collaborazione di un commerciante di Melegnano
 
 
La fuga è finita a Melegnano. Il ladruncolo ha pedalato per una decina di chilometri, non sapendo che, grazie alla geolocalizzazione, la bicicletta numero 39 non è mai uscita dai “radar” di Bicincittà, gestore del servizio di bike sharing cittadino. Il mezzo, sottratto da uno degli stalli – complice probabilmente una riconsegna non accurata (per aver certezza del corretto aggancio alla postazione fissa bisogna accertarsi dell’emissione di un triplice avviso sonoro) – è stato recuperato dopo poche ore, grazie a un gioco di squadra tra tecnologia e senso civico.

 
La bicicletta 39 è stata individuata via satellite nei pressi di via Vittorio Veneto a Melegnano dove, contestualmente alla geolocalizzazione, è stata presa in consegna dal proprietario della Panetteria pasticceria Vitali che, individuato il logo del Comune di San Donato sulla livrea del mezzo, non ha esitato a contattare il Municipio. Giusto il tempo di inviare un addetto per ritirarla e la bicicletta è stata reimmessa nel sistema che nel primo mese di attività ha già totalizzato più di 600 prelievi.
 
«Nel rivolgere un ringraziamento al signor Vitali per aver contribuito al recupero della bicicletta, dimostrando grande senso civico – commenta l’Assessore alla Mobilità Serenella Natella – registriamo positivamente come il servizio di bike sharing, in questo primo mese di “rodaggio” abbia già iniziato a “pedalare” bene. Contiamo a breve di ultimare l’installazione delle stazioni mancanti affinché il sistema possa iniziare a lavorare a pieno regime».
 
L’Ufficio Mobilità, infine, consiglia agli utenti di accertarsi bene del corretto aggancio delle biciclette agli stalli. Se al momento del deposito non viene emesso un triplo bip, il mezzo non risulta riconsegnato e può essere prelevato da chiunque (malintenzionati inclusi) risultando comunque ancora in prestito all’ultimo utilizzatore.
 
 
nella foto, la bicicletta parcheggiata di fronte al negozio di Melegnano dove è stata recuperata

 9 Visite totali,  4 visite odierne