Home » Blog » SEL SGM: Gli avvisi di garanzia a S.Giuliano M.se

SEL SGM: Gli avvisi di garanzia a S.Giuliano M.se

Da circa una settimana sono stati recapitati in Comune una serie di avvisi di garanzia; il tema è quello dell’area in via Risorgimento, ex centro natatorio.. o meglio: ex maneggio e la sua trasformazione in area edificabile con la motivazione della copertura economica di parte del deficit di Genia.
Una scelta sbagliata (Del. CC 77/12) contro la quale ci siamo espressi con voto contrario. Una scelta che, tra l’altro, contraddiceva la disposizione di solo un anno prima dello stesso Consiglio Comunale (Del. 53/11 del 19.12.2011) “(area) nella quale dovrà essere chiaramente esplicitato il permanere della destinazione a servizi per la comunità”, come facemmo provocatoriamente rilevare nel nostro emendamento approvato nel corso della discussione consiliare e che trovate a pag. 22 della Del. 77 linkata qui sopra).

Sul Cittadino di oggi 26 novembre, una serie di informazioni, e soprattutto i nomi dei destinatari, nonché la replica di Sindaco Lorenzano e di Gina Greco (scarica QUI la pagina).

Non stiamo a ripercorrere la vicenda, che trovate in parte riassunta nell’articolo; ci preme invece chiarire la nostra posizione, in quanto non avevamo sottoscritto l’esposto che è alla base dell’indagine. Non lo avevamo sottoscritto per ragioni politiche, e non lo avevamo sottoscritto in quanto, ad una valutazione, ci era parso prematuro l’avvio di un percorso extra-amministrativo a fronte di una delibera che, per quanto forzata in maniera evidente, era pur sempre una delibera di indirizzo, per giunta con un emendamento proposto proprio da Gina Greco che ribadiva la necessità di un percorso ordinario e non agevolato per la variante (differenza non da poco, a pag. 24 della Del. 77, numero 5).

Siamo convinti della carenza di legittimità di molte scelte di questa amministrazione (se dovute a incapacità o calcolo non sappiamo, forse un po’ di tutto ma alla fine conta il risultato). Se dietro questa illegittimità ci sia interesse e/o dolo lo valuterà la magistratura.

Quel che è certo, e deve essere il nostro punto di riferimento politico, è che con la sottovalutazione delle regole si creano le premesse per perdere il controllo delle procedure (pensiamo alla gara sull’igiene urbana solo per avere un esempio tra i tanti). Su questo tema abbiamo da tempo puntato la nostra attenzione e su questa strada sentiamo la necessità di dare sempre più voce al nostro scontento nei confronti di questa Amministrazione e di questa Maggioranza.

Su questi temi lanciamo una sfida per una città più trasparente e condivisa, per risolvere i problemi della città senza svendere il territorio.

Gruppo Consigliare Sinistra Ecologia Libertà, Città che sale, Federazione della Sinistra

Massimo Molteni
Francesco Marchini

Clicca QUI per navigare sull’area in Google Earth (devi avere l’applicazione installata)

Dai precedenti post una fiabesca reinterpretazione di Giuseppe Landolfi Petrone di tutta la vicenda

 33 Visite totali,  2 visite odierne