Home » Blog » Ritorna a splendere San Giuliano Martire

Ritorna a splendere San Giuliano Martire

Dopo undici mesi di lavori di ristrutturazione, domenica 18 marzo viene “riconsegnata” alla comunità sangiulianese la Prepositurale vestita a nuovo.
Era infatti aprile dello scorso anno quando i sangiulianesi videro pian piano “scomparire” dietro i ponteggi e i teloni la facciata della chiesa centrale, deturpata nel tempo dalle intemperie.

Che ci fosse da metterci le mani, don Luca Violoni se ne era accorto fin dal suo arrivo nel 2014, e quasi subito aveva iniziato a metter le basi per il restauro contattando  aziende, architetti e progettisti  specializzati ,con l’intento di  riportare la facciata, risalente al 1600,  all’antico splendore. Perchè “la comunità,  (e la città),  meritava  la sua chiesa riportata alla sua  antica bellezza”. Così dice don Luca nella conferenza stampa convocata mercoledì mattina, insieme alle maestranze che hanno portato a termine il progetto: gli architetti Angela Baila e Lorenzo Mazza e il restauratore Giacomo Luzzana.
I risultati sono sorprendenti , si sapeva che sotto ” lo strato del tempo” c’era sicuramente del bello grazie a  ricordi e  testimonianze. Ma da come era “ridotta”, quasi appiattita,  si può pensare  che non ci fosse  la consapevolezza di quanta bellezza si nascondesse “sotto”. Quindi si è partiti con un lavoro di “scoperchiatura”. 
Così son  tornati  alla luce tutte le curve, spigoli , colori (che danno proprio l’aspetto tridimensionale) e soprattutto l’affresco,  posto centralmente nella parte superiore,  della Madonna del Rosario, alla quale è stato aggiunto San Giuliano (patrono della città) con una palma in mano, segno del martirio,  in ginocchio davanti a lei in segno di omaggio. Immagine  ritenuta molto significativa per i fedeli .  Oltretutto,  si è scoperto che fin dalla sua origine nel sesto secolo, la prima chiesetta qui edificata, di origine longobarda, era dedicata a Santa Maria. Quindi è proprio storica la devozione della città alla Madonna. E anche per questo che  la festa della città è sempre stata legata alla ricorrenza della Madonna del Rosario. 

SFOGLIA LA GALLERIA FOTOGRAFICA

Ritorna a splendere San Giuliano Martire
Questo risultato è stato possibile proprio avendo potuto  attingere al ricchissimo  archivio storico  della parrocchia, dice l’architetto Baila, ringraziando don Luca per averne permesso la consultazione. Lo studio è stato approfondito su tutta la parte architettonica interessata al restauro, compreso il campanile, che è stato il primo elemento a essere “liberato” già lo scorso anno. Gli studi preparatori , le tecniche utilizzate,  i materiali  sono stati  importantissimi per gli esecutori dei lavori, (della ditta Luzzana).  E fondamentale è stata la cura e la competenza  specialistica che questi hanno messo in ogni dettaglio. Così come il restauro del portone, eseguito dalla ditta Spinelli, che ha riportato a nuovo il portone originale. I danni  maggiore riscontrati, sono stati causati dalle infiltrazioni d’acqua dalla copertura poco efficiente, dice il sig. Luzzana, e i danni da esse causati, sono stati riparati in modo superficiale, (si sono scoperti sette strati di intonaci ). Molto importante sarebbe stata, e sarà,  la manutenzione costante. 
Non di secondaria importanza erano i costi dell’operazione  e il reperimento finanziamenti. Questi sono arrivati dalla Fondazione Cariplo, dalla Fondazione Lambriana- Fondazione per attività religiose e caritative della Diocesi-da fondi regionali, e dalla quota  (8%) che i comuni devono devolvere agli edifici  religiosi in base a una legge regionale, che sono derivanti da una percentuale degli oneri urbanizzazione secondaria  che incassano., E infine dalle offerte dei fedeli- ad oggi ca 80 mila euro!). Con quanto si è reperito, si è portato a termine il lavoro della copertura, delle parti antiche,  della facciata e dei  laterali  Per una spesa complessiva di circa 350.000 euro. Le prossime idee vanno verso la finizione delle due cappelle laterali e infine, la più importante,  della piazza.
Redazione RecSando Angela Vitanza
Fotografia: Angela Vitanza e Luìgi Sarzi Amadè
(nel collage di  foto si possono vedere le differenze nel tempo : la prima, con la vecchia foto risalente a circa 100 anni fa- gentilmente fornitaci dal Prof. Stefano Sportelli, studioso della storia della città-la seconda la facciata un anno fa e infine come è oggi).
 


Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint  La mappa interattiva dei #BikePoint presenti sul territorio, viene costantemente aggiornata [visita la #MapHub] Diventa #BikePoint, compila il modulo di adesione
 

 

 36 Visite totali,  2 visite odierne