Home » Blog » Nasce il gruppo: “No alle Violenze sulle Donne SGM

Nasce il gruppo: “No alle Violenze sulle Donne SGM

Questa sera alle ore 20,30  presso  lo Spazio Cultura   di piazza della Vittoria ,  patrocinato  dal Comune di San Giuliano Milanese  e con la presenza dell'Assessore alle Politiche di Genere Maria Morena Lucà, si  terrà un incontro-dibattito su un  tema  sempre più di stretta attualità, ovvero  il crescendo di episodi di violenza di diversa natura diretti alle donne.
Parteciperanno i rappresentanti delle associazioni INDI  (Istituto Nazionale per i diritti dell'Individuo), AMFA  (Associazione Multiprofessionale per la Famiglia),  dei Carabinieri di San Giuliano,  il presidente dell'Associazione “Fermati Otello!”  e fa la sua comparsa sul territorio  il neonato gruppo  "No alle Violenze sulle Donne SGM".

Un sodalizio di donne che si definisce  < gruppo trasversale>,  facente parte della società civile, che semplicemente discutendo sul tema, ha realizzato che a San Giuliano c'è un "buco istituzionale". Mentre nelle due città limitrofe sull'asse via Emilia, ovvero San Donato e Melegnano,  esiste un centro antiviolenza, a San Giuliano no. Si propone quindi di svolgere un'azione di stimolo alle istituzioni atte a  colmare questa mancanza, ponendo come obiettivo la  costituzione di un punto di supporto per donne che dovessero trovarsi in difficoltà di questo genere.
 Giusto per dare un'idea…In caso di bisogno, una donna di San Giuliano, attualmente può comporre il numero nazionale 1522. L'operatrice che risponde fornisce il riferimento del centro di assistenza più vicino che è Pieve Emanuele.

Lo sportello risponde in determinati orari, non tutti i giorni, ed è gestito da volontari, con apposita formazione. Ma…Pieve Emanuele, pur vicino in linea aerea, per una persona già in difficoltà, non è facilmente raggiungibile. Altro numero, fornito dal 1522 è la clinica Mangiagalli, dove c'è anche il pronto soccorso….Oltre, nei dintorni,  non c'è nulla. E a San Giuliano, sembra che questi atti criminosi siano tra i più frequenti. Purtroppo le vittime non hanno la forza di denunciare, ma neanche uno sportello d'aiuto su cui contare.
Dopo gli interventi, la proiezione del film “Un giorno perfetto” di F. Ozpetek."
Redazione RecSando Angela Vitanza

 35 Visite totali,  2 visite odierne