Melegnano: Agli Alpini una casa confiscata alla criminalità organizzata

E' stata inaugurata sabato pomeriggio 1 Aprile  con una cerimonia ufficiale,  la sede per il  gruppo di nuova costituzione che  riunisce gli Alpini di Melegnano – Mediglia e  Vizzolo Predabissi -facente parte della della Sezione A.N.A. Sezione di Milano. Ricca di significato l'ubicazione di via Lodi, in quanto si tratta di un immobile confiscato alla criminalità organizzata.

Il Gruppo  nato circa un anno fa  grazie allo spirito  di iniziativa del Consigliere della Sezione di Milano Benito Tinti, (nella foto con il Sindaco Bellomo) presente alla cerimonia unitamente al vice-Presidente Valerio Fusar Imperatore ,  va a integrarsi con le  realtà locali del volontariato sociale, in particolare con la Protezione Civile.
Alla cerimonia hanno partecipato i sindaci di Melegnano – Vito Bellomo; di Mediglia – Paolo Bianchi e di Vizzolo Predabissi – Mario Mazza.

{gallery}https://www.flickr.com/photos/recsando/sets/72157682040271816/{/gallery}
 

Come di consuetudine in queste occasioni, erano presenti i rappresentanti delle autorità civili e militari e l'associazione dei Carabinieri in Congedo. Da sottolineare la presenza di numerosi Gruppi Alpini con i rispettivi Gagliardetti che come sempre in queste circostanze hanno voluto dimostrare la loro solidarietà e sostentamento ai fratelli Alpini del nuovo Gruppo.
Ricco il programma della  manifestazione,  allietata in gran parte  dalle fanfare Orobica e  Ombriano (CR), e dal coro "Monte Cervino" di Gessate. Prevedeva infatti  il ritrovo in Piazza della Vittoria (di fronte al Castello) – dove è stato eseguito l'alzabandiera e la deposizione di una corona al monumento ai caduti-  a cui è seguito il corteo, molto partecipato,  verso l'Ossario di via Vittorio Veneto. Infine, dopo i discorsi delle autorità intervenute,  la Santa Messa nella Basilica di San Giovanni.
La Festa è proseguita domenica mattina con il concerto della Fanfara e il "Rancio Alpino" in Piazza della Vittoria.
Redazione Recsando Angela Vitanza –
Foto  Giovanni Pirola  (capogruppo degli Alpini di Cavenago di Brianza)