Home » Blog » Lettera a sua Santità da parte dei Giovani Musulmani

Lettera a sua Santità da parte dei Giovani Musulmani

Caro Sua Santità Papa Francesco,

Le scriviamo ai fini di chiederle un piccolo appoggio per una battaglia che ci siamo ritrovati a dover affrontare.

Scriviamo a nome dell’associazione araba Sabil, un centro islamico in via Menotti Serrati a San Giuliano Milanese, in provincia di Milano, presente da oltre 10 anni.

La scorsa settimana, alla riunione del Consiglio Comunale, nell’ordine del giorno vi era anche la mozione avente ad oggetto “Chiusura del Centro islamico Sabil, in contrasto con l’ordinamento costituzionale” presentata dal Gruppo Consiliare Lega Nord.

Essi infatti sostengono che la nostra religione sia anticostituzionale, in quanto, secondo loro, non segue l’articolo 2 della Costituzione, la quale garantisce e tutela i diritti inviolabili dell’uomo, o l’articolo 3, che assicura la pari dignità sociale, senza distinzione di sesso, razza, religione e opinioni politiche. Ciò che ci chiediamo è, ma siamo sicuri che invece loro tale articolo lo stiano rispettando, dal momento che cercano di sollevare severi paletti ai nostri incontri religiosi? Non abbiamo anche noi gli stessi diritti che hanno loro?

In base a quanto previsto nell’articolo 19 della nostra Costituzione, attraverso una serie di misure legislative specifiche per le confessioni religiose, è garantita la libertà di espressione e di diffusione del pensiero religioso anche attraverso i mezzi di comunicazione e di informazione. Si parla quindi di libertà religiosa, una libertà che ci vogliono vietare.

Infondo tutto ciò che chiediamo è un luogo per poter praticare il nostro culto e la nostra religione in una città abitata da circa 1800 cittadini musulmani. Inoltre questa associazione viene utilizzata anche per imparare la lingua araba con delle lezioni durante il weekend, o per aiutare le persone che hanno difficoltà economiche. In questi anni abbiamo intrapreso diverse iniziative in collaborazione con il Comune di San Giuliano, affinchè si verificasse realmente l’integrazione nella nostra città, e ormai operiamo sul territorio da 10 anni, perciò non si capisce perchè ora qualcuno abbia deciso di farci guerra così.

Le chiediamo gentilmente il suo appoggio, in modo da poter salvare la nostra associazione nella serata di martedì 18 Febbraio 2014, in cui durante la riunione del Consiglio Comunale avverranno le votazioni per la decisione finale.

Grazie per l’attenzione,

I giovani musulmani di San Giuliano Milanese

 34 Visite totali,  2 visite odierne