Bancarelle in ginocchio per la crisi

Bancarelle in ginocchio per la crisi

 Bancarelle in ginocchio per la crisi
Nel 2013 un calo del 30% e la conferma che anche San Donato risente del difficile momento causato da crisi e grande distribuzione.

Il crollo dei consumi tocca anche i mercati di strada, con ambulanti che lamentano una situazione pessima.

Un dato in controtendenza rispetto alla constatazione che vede in San Donato uno dei territori più opulenti del sud Milano e pertanto meno toccate dalle difficoltà economiche.

Ma camminando tra i banchi dei mercati di via Gramsci l’aria che si respira è di molto differente.

I commercianti lamentano un calo delle vendite di oltre il 30%, dato che non ha toccato invece il comune limitrofo di San Giuliano.

 Del resto la crisi, si sa, ha definitivamente messo in ginocchio i redditi bassi, target principale dei mercati di strada.

E così capita che già intorno alla metà del mese in poi gli incassi crollano con effetti preoccupanti per i commercianti, abituati ad una San Donato molto diversa.

Fino a quindici anni fa infatti era la piazza migliore. Da tre anni il crollo è libero con fatturati del 40-50% in meno.