Home » Blog » Anche la Corte dei Conti approva il piano di riequilibrio

Anche la Corte dei Conti approva il piano di riequilibrio

In data odierna, dopo 16 mesi dall’invio del Piano di riequilibrio finanziario pluriennale alla Commissione per la stabilità finanziaria degli Enti Locali presso il Ministero dell’Interno, anche la Corte dei Conti – sez. Regione Lombardia, ha approvato il documento predisposto dal Comune.
Questo il commento del Sindaco, Marco Segala: ”Siamo particolarmente fieri di questo risultato fondamentale e che definirei il primo step concreto per la ripartenza della città. Sono stati mesi di costante impegno per la nostra Amministrazione, al fine di portare avanti questa operazione di risanamento strutturale senza precedenti: il piano infatti è stato lo strumento teso a scongiurare l’ipotesi del dissesto finanziario che avrebbe certamente provocato pesanti conseguenze per l’intera comunità. Abbiamo effettuato un enorme lavoro sui conti e sull’emersione dei debiti fuori bilancio, tant’è che gli stessi magistrati hanno richiesto tutte le delibere di riconoscimento dei suddetti debiti che ammontano ad oltre 2 milioni di euro (mancati pagamenti dei servizi erogati dal 2010 al 2016: ATM, quote associative PIM, utenze campi sportivi, ecc.), a cui va aggiunta la proposta di Concordato di Genia per 6 milioni di euro, al fine di rientrare in possesso del patrimonio pubblico. Ora infatti attendiamo che arrivi l’auspicata approvazione del Concordato Genia così potremo guardare al futuro con maggiore serenità.”
Continua il Vice Sindaco e Asssessore al Bilancio, Mario Grioni. “E’ certamente un impegno ambizioso ripristinare l’equilibrio di bilancio e quindi ripianare tutte le passività in 7 anni rispetto ai 10 anni consentiti dalla legge, senza ulteriori indebitamenti, ma con misure che prevedono una costante revisione della spesa, al fine di dare maggiore spazio di manovra all’ente sui futuri esercizi. Confermo che il nostro obiettivo è quello di ripianare il 90% del debito nei primi 4 anni: abbiamo iniziato nel 2017 con l’abbattimento del 30% e proseguiremo nel 2018 con il 31%, il 18% nel 2019 e il 10% nel 2020. Proseguiremo quindi nell’ottica del risanamento, mantenendo in ordine i conti pubblici e di questo nostro impegno informeremo puntualmente la cittadinanza”.

 40 Visite totali,  2 visite odierne

CS SGM