Acconto TASI: il calcolatore è online

La prima scadenza per tutti gli immobili, comprese le abitazioni principali, è giovedì 16 ottobre
 
Con il decreto legge del 6 giugno, il Consiglio dei ministri ha stabilito alcune modifiche riguardanti la TAssa Servizi Indivisibili (TASI). Tra queste, innanzitutto, le scadenze: diversamente da quanto riportato in precedenza, l’acconto dell’imposta dovrà essere pagato, per tutti gli immobili comprese le abitazioni principali, entro il 16 ottobre, mentre il saldo dovrà essere effettuato entro il 16 dicembre.
 
Da oggi, sull’homepage comunale (www.comune.sandonatomilanese.mi.it, nella sezioneIN PRIMO PIANO) è disponibile il calcolatore elettronico che permetterà di elaborare i conteggi e stampare il modello F24 (il modello unificato valido per tutti i cittadini per il versamento di tributi, contributi e premi) da consegnare in banca o in posta al momento del pagamento. Per l’elaborazione dei conteggi – da effettuarsi a cura dei contribuenti – occorre disporre della rendita catastale dell'immobile, rintracciabile sull'atto di compravendita, oppure sul contratto di affitto (per gli inquilini). La rendita catastale è anche scaricabile dal portale dell'Agenzia del Territorio formulando online richiesta di visura catastale.  
La TASI, essendo riferita ad alcuni servizi accessori legati alle abitazioni (come illuminazione pubblica e manutenzione stradale), è a carico del proprietario (o titolare di altro diritto reale sull’immobile quale usufrutto abitazione) nella misura dell’80%; la restante quota del 20% è a carico dell’occupante (inquilino, comodatario ecc.).