A casa Cechov tutto bene, per ora

Sabato 22 aprile debutta lo spettacolo della compagnia I4senza

Da Goldoni a Cechov il passo sembrerebbe azzardato ma, come dice Popova (L'orso), "è soltato un'impressione". Quello che affronteranno I4senza è un Cechov più "leggero", che nel 1898 si dedicava ad opere in stile vaudeville. Commedie borghesi ambientate nella steppa, non lontane da quelle in scena tra i canali veneziani. Cambiano i luoghi e i costumi, rimangono i litigi e le maschere.

Casa Cechov – al debutto sabato 22 aprile alle 21.25 al Teatro Oratorio San Donato (San Donato Milanese) – intreccia in un unico salotto le storie di 5 personaggi tratti dallo scrittore russo: Olga, domestica paziente (Martina Arosio); Natalia, zitella manianca dell'ordine (Luisa Tafuri); Popova, vedova inconsolabile ma non troppo (Valeria Dainese); Ivan, vicino ipocondriaco (Stefano Maffei) e Smirnov, creditore dai modi spicci (Andrea Piva). I due atti saranno accompagnati dagli intervalli musicali della pianista sandonatese Giulia Albini. Costumi a cura della sartoria teatrale Streghe e fate di Cinisello Balsamo. Regia e scenografie a cura de I4senza.

 

L'ingresso sarà a offerta libera, il ricavato devoluto alla Cooperativa Sociale Yabboq.