Virgo Fidelis, “Nei Secoli Fedeli” festa dei Carabinieri, ricordo dei caduti di Nassiriya

Pioggia e freddo questa mattina non hanno fermato tanti componenti delle Associazioni “sorelle per l’impegno sociale” per far festa con l’Arma dei Carabinieri che festeggiava oggi la propria patrona , la Virgo Fidelis,  appellativo  cattolico di Maria, madre di Gesù, scelta quale patrona dell’Arma dei Carabinieri l’11 novembre 1949, data della promulgazione di un apposito Breve apostolico da parte di papa Pio XII. La ricorrenza della Patrona è stata fissata dallo stesso papa Pio XII per il 21 novembre, giorno in cui cade la Presentazione della Beata Vergine Maria e la ricorrenza della battaglia di Culqualber. Il titolo di “Virgo Fidelis” era stato sollecitato in relazione al motto araldico dell’Arma “Fedele nei secoli”.
E quindi sotto la pioggia ha suonato la Banda del Corpo Musicale della Libertà, sotto la pioggia le autorità civili e militari, sindaco Segala e Maggiore Ruotolo insieme  a don Luca Violoni che ne ha effettuato la benedizione, hanno posto la corona di alloro al monumento dei caduti di via Piave, e ancora sotto la pioggia hanno pronunciato i discorsi, soprattutto ai caduti dell’arma nell’intento di proteggere le popolazioni   e ricordando i Caduti di Nassiriya di cui si è da poco ricordato  l’anniversario dell’accaduto sedici anni fa.
 

{gallery}04631_festa_virgo{/gallery}

fotocopertina