Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente



Giovedi 7 novembre, la Trattoria Primavera di San Giuliano Milanese, ha ospitato una delle “cene con l’autore” che il Circolo Culturale Il Picchio sta organizzando con cadenza mensile o quasi, in attesa della nuova edizione di “Maggio in Giallo”, la rassegna di Noir che nel 2020 giungerà alla sua quinta edizione, avendo al suo attivo la presentazione di circa cento autori in quattro anni.

La serata dì giovedì ha avuto come protagonista lo scrittore e giornalista di Repubblica Valerio Varesi, un ospite e soprattutto un amico importantissimo della Rassegna, di Gino Marchitelli, Presidente del Circolo Culturale il Picchio, e naturalmente di tutti noi appassionati di noir e, più in generale, di letteratura. Nel corso della cena, seguendo la formula ormai collaudata dell’intervista intervallata dalle varie pietanze, si è parlato e ragionato sull’ultimo romanzo di Valerio “Gli invisibili”. Ed è proprio partendo dal titolo, molto attuale, soprattutto se riferito alla realtà che stiamo vivendo negli ultimi anni, dove gli “invisibili”, siano essi i migranti, i poveri della Terra, gli emarginati, che il,discorso si è sviluppato.

Nel romanzo di Valerio Varesi, l’invisibilità assume diverse forme: prima di tutto, una forma umana, rappresentata, dal cadavere trovato nel Po, senza una identità, di cui nessuno reclama il corpo, come se non fosse mai esistito. Accanto a questa, anzi, intorno a questa, una forma inanimata, ma non meno inquietante e cioè, la nebbia che, come giustamente sottolineato da Gino Marchitelli nel corso dell’intervista, può essere definita una delle principali protagoniste del racconto. È la nebbia della Val Padana e del Po, dei luoghi, cioè, che spesso fanno da sfondo ai romanzi dell’autore, ma è anche la nebbia simbolica che, per l’autore, rappresenta il disorientamento che proviamo sempre più spesso di fronte ad una realtà che facciamo fatica a comprendere e ad accettare. È sempre Valerio Varesi poi a fornirci un’altra possibile chiave di lettura di questa nebbia, intesa come spinta creativa, perché, nascondendo le cose, ci costringe a dare spazio all’immaginazione. L’altro grande protagonista del romanzo è il Po, il fiume che custodisce la memoria e la storia delle popolazioni che lungo le sue rive hanno fondato, nei secoli, civiltà e tradizioni importantissime (come del resto è accaduto per tutti i grandi fiumi, dal Mississippi in USA, al Nilo in Egitto e così via) e che, come dice l’autore sia in questo romanzo, che ne “Il Fiume delle Nebbie”, “restituisce sempre tutto”.

E lungo il Po, si muovono tutti i personaggi principali de “Gli Invisibili”, l’ineffabile commissario Soneri, i pescatori, i barcaioli, e tanti altri, tra cui Casimiro, “il matto” che, come la maggior parte dei “matti” letterari (si pensi, ad esempio, ai buffoni della tradizione letteraria inglese, come il Fool di “King Lear”, o il jester di Hamlet) è poi l’unico che dice la verità. Insomma, ancora una volta, leggendo il romanzo di Valerio Varesi, non si assiste al semplice svolgimento di una trama “poliziesca”, ma si colgono molti spunti di riflessione sulla realtà che ci circonda e sulla natura umana: comunque, sempre con grande divertimento, perché uno degli aspetti che colpiscono leggendo queste narrazioni è la “leggerezza” (non intesa come superficialità) dei toni e della scrittura, che “corre via veloce”. E questa è una dote che molti scrittori noir italiani contemporanei hanno in comune con Valerio Varesi, anche se ogni scrittore resta un “mondo a se’”, con le proprie particolarità, nel bene e nel male. Ed è anche per questa ragione che vi invitiamo a partecipare alle “cene con l’autore” future, in attesa della prossima edizione di Maggio in Giallo.

  Redazione - Circolo 6x4 - Piera Scudeletti


Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint  La mappa interattiva dei #BikePoint presenti sul territorio, viene costantemente aggiornata [visita la #MapHub] Diventa #BikePoint, compila il modulo di adesione
SCONTI E VANTAGGI AI SOCI DI RECSANDO / BICIPOLITANA NETWORK - DIVENTA SOCIO

 

 
Log in to comment

Il Salotto Letterario