Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

L'Urlo di Munch: l'icona della paura & ScivolARTI addosso


Tutta all’insegna delle arti figurative la serata in Cascina Roma, organizzata dal Circolo Culturale G. Leopardi San Donato Milanese, per la rassegna sul tema della paura organizzata dal Forum delle Associazioni Culturali per il mese delle associazioni.
La relatrice, prof.ssa Anna Torterolo, ha proposto un itinerario attraverso alcuni grandi classici della storia dell’arte dal frontone del tempio di Pergamo al notissimo Urlo di Munch, per poi spingersi fino alla contemporaneità.

Il filo conduttore era la rappresentazione della paura nella scultura e nella pittura.

 

Galleria dell'urlo di Munch

View the embedded image gallery online at:
http://www.recsando.it/urlo-di-munch#sigProIdd9ad283b13

E’ stato sottolineato il fatto che per molto tempo la paura era rappresentata secondo canoni di compostezza o secondo obiettivi didascalici (cfr. le immagini del diavolo orientate a creare paura  nell’osservatore). Solo a partire da Munch si è scelto di rappresentare senza censure tutta l’angoscia della condizione umana che è oggetto di tanta parte dell’arte contemporanea.

La Redazione RecSando ritiene utile rendere disponibile la registrazione audio della relazione, che può essere ascoltata in podcast anche da chi non era presente.


In chiusura della serata il pubblico numeroso ha partecipato con vivo interesse anche alla perfomance “ScivolARTI addosso“ proposta da Flight Band e Associazione Calimera che hanno voluto rappresentare in modo plastico la capacità della paura di “chiudere“ l’uomo in una solitudine cieca, ma anche la possibilità di “uscire“ alla vita grazie al reciproco sostegno.

Galleria del ScivolARTI addosso
View the embedded image gallery online at:
http://www.recsando.it/urlo-di-munch#sigProIdde6cc8083b

Redazione RecSando – staff
Foto di Flaminio Fani e Pietro Del Monte