Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Guerra in Yugoslavia

Cronistoria della Guerra in Yugoslavia

23 marzo - Cominciano i Bombardamenti NATO sulla Serbia
29 marzo - Il tentativo di mediazione del russo Primakov viene affondato
5 aprile - Cade un missile nel centro di Aleksinac: dodici morti. I profughi Kosovari in Albania sono duecentomila, in Macedonia sessantacinquemila
13 aprile - Un missile lanciato da un aereo della NATO colpisce un treno: 9 morti
14 aprile - Un missile NATO centra un convoglio di civili, oltre 60 morti
23 aprile - La televisione di Belgrado viene bombardata: 12 morti
28 aprile - Le bombe della NATO centrano il paese di Surdulica. 20 morti, di cui 11 bambini. Fino a questa data le vittime civili definite "danni collaterali" sono 500
1 maggio - Nuovo tentativo di mediazione russo
3 maggio - Di nuovo centrato un autobus da una bomba NATO, 20 morti. I profughi kosovari raggiungono la cifra di 450 mila.
5 maggio - Il leader kosovaro Rugova raggiunge l'Italia, con il permesso delle autorità di Belgrado
6 maggio - L'Onu rientra in gioco dopo che la NATO e la Russia durante la riunione del G8 concorda i punti che dovrebbero essere la base delle trattative
7 maggio - Le bombe della NATO colpiscono un ospedale a Nis; l'ospedale e il mercato: 20 morti
10 maggio - Un missile della NATO centra l'ambasciata cinese a Belgrado, due morti. La Cina pretende scuse ufficiali. La via del negoziato diventa più difficile