Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Un'idea da seguire: Spiaggia senza tabacco

Spiaggia senza tabacco: è questo slogan che campeggia sulla spiaggia di Calvi in Corsica.


Un invito della Lega contro il cancro a tutti i bagnanti per salvaguardare la propria salute e la salute dell’ambiente, perché la sigaretta non fa male soltanto all’uomo, ma anche alla terra.

La dispersione di mozziconi arreca danni perchè attraverso la degenerazione arrivano al terreno e all’acqua delle falde. L’invito è apprezzabile e sostenibile e lo condivido. Conosco l’impegno delle Associazioni ambientaliste corse impegnate da anni a promuovere la sostenibilità ambientale, bandendo per primi in Europa i sacchetti di plastica per la spesa.

In Italia, invece, si assiste al solito paradosso. Abbiamo una legge contro il fumo che vieta la sigaretta in ambienti chiusi, più per proteggere i non fumatori, che gli stessi amanti delle “bionde”.

Si lascia, infatti, che chi fuma lo faccia liberamente all’aperto. Ma che squallore vedere contenitori di mozziconi davanti ai reparti ospedalieri o alle sedi istituzionali della Salute e dell’Educazione, scuole comprese.
Come dire, se vuoi nuocerti, fallo pure, ma non danneggiare gli altri. Le Istituzioni, invece, dovrebbero tutelare la salute di tutti, fumatori compresi, limitando la diffusione delle aree ammesse al fumo, visto che le sollecitazioni a smettere di fumare non vengono prese in considerazione se non in caso di gravi malattie.
Se il fumo di sigaretta fa male, è dannoso anche fuori dagli ambienti chiusi, quindi, a mio parere, il divieto di fumare dovrebbe essere allargato anche negli ambienti aperti che fanno parte di strutture pubbliche come ospedali, scuole, tribunali, sedi di comuni e regioni, centri sportivi e luoghi all’aperto di grande afflusso turistico.

L’esempio di Calvi è un monito da seguire.

 Redazione RecSando - Edoardo Stucchi

Log in to comment

...nasce il Blog "San Donato Bella"


 

Si scrive "bellasandonato" si legge "San Donato Bella"


Cari amici di RecSando, vi presentiamo San Donato Bella  ( bellasandonato.blogspot.it )
San Donato Bella nasce da una serie di incontri tra un gruppo di cittadini sandonatesi (gruppo che coinvolge ormai davvero molte persone) che non si rassegna a quello che appare l'inevitabile progressivo declino della nostra città.

Leggi tutto...

Log in to comment

11 Settembre - Biclettando all'alba del Sud Est Milano

11 Settembre  - Biciclettata all'alba

... biciclettando all'alba del Sud Est Milano


Dicono che l' 11 settembre il mondo sia cambiato, noi vogliamo ricambiarlo, vogliamo riprenderci la città.
Un facile percorso lungo la SS9 da San Giuliano verso MILANO ROCKGOREDO :-) per arrivare fino a Porta Romana. La durata di circa un'ora, il momento magico dell'alba ci consentirà di viverla in modo diverso, come mai l'abbiamo vista e riusciremo a cogliere ogni sfumatura, ogni piccolo messaggio audio visivo che questo nostro luogo del Sud Est Milano ci vuole trasmettere
RITROVO: ore 06:30 in Piazza della Vittoria a San Giuliano Milanese
PARTENZA: ore 06:45
PERCORSO: Da San Giuliano Milanese a Milano Porta Romana sulla SS9 Via Emilia
RITORNO: Sosta in Piazza della Pieve a San Donato Milanese

Leggi tutto...

Log in to comment

Un'idea solidale: Il Panino Sospeso

Il Panino Sospeso

A noi di RecSando e al nostro dipartimento culturale Bicipolitana, piace questa iniziativa ideata dalla nostra concittadina Gina Falbo, intendiamo promuoverla per farla conoscere a tutti i cittadini e fare in modo che si diffonda a macchia d'olio in tutto il Sud Est Milano.

E' l'iniziativa del Panino Sospeso, o meglio dell'alimento/medicinale sospeso.


L’iniziativa del “panino/pane/farmaco sospeso” consiste in un semplice meccanismo per cui chi va a mangiare, ad esempio, un panino al bar, al momento di pagare potrà pagare due panini, uno che è quello consumato e l’altro che lascia “sospeso”.

La persona in difficoltà - una volta identificato il locale che offre l’alimento (o il farmaco) sospeso e che abbiamo denominato “LIA” (“Locale In Attesa”) e che esporrebbe un apposito cartello, come quello allegato - entrerà e chiederà se c’è un panino o altro articolo alimentare (o medicale) sospeso e, in caso di risposta affermativa, potrà consumarlo senza pagare alcunché;

Questo meccanismo potrebbe essere esteso a tutti gli articoli alimentari (pane, pizza, acqua, caffè, piatto di pasta, frutta, etc) e non solo. Si pensi, infatti, ad altri beni di prima necessità, come i farmaci. Per analogia, si potrebbe quindi adottare tale formula anche per il “farmaco sospeso” e così via.

Tale iniziativa consentirebbe di “innescare” e “innestare” una rete di solidarietà formidabile che darebbe un po’ di respiro a chi ha serie difficoltà economiche e non riesce a nutrirsi (o curarsi) in maniera adeguata ma non vuole chiedere aiuto per una sua dignità o riserbo personale.

 
Inoltre, si promuoverebbero i consumi e ne usufruirebbero quindi in primis gli esercizi commerciali della città che potrebbero ad esempio assicurare una scontistica a chi paga un bene sospeso.

I Cittadini potrebbero essere solidali con semplici iniziative che non peserebbero comunque eccessivamente sulla loro situazione finanziaria.


Per l'esercizio commerciale (fai clic sull'immagine, visualizzala nel formato originale, stampala e esponila nel negozio per far sapere che aderisci all'iniziativa




Per l'esercizio commerciale (fai clic sull'immagine, visualizzala nel formato originale, stampala e esponila nel negozio per far sapere che aderisci all'iniziativa



Log in to comment

Bicipolitana Network

Bicipolitana diventa un dipartimento culturale di RecSando (art. 4 dello statuto di RecSando) condividendo lo spirito della Rete Civica, si occupa di portare avanti sul territorio iniziative di socializzazione e azioni mirate all’accrescimento di una cultura orientata alla mobilità sostenibile. Ha un canale privilegiato con l’associazione RecSando che gli consente di utilizzare i canali di comunicazione, il patrocinio per iniziative e portare avanti nei confronti delle istituzioni consigli e suggerimenti per un piano di mobilità ciclabile. Con www.bicipolitana.it estende il progetto con l'obiettivo di collegare l'Italia [Bicipolitana Network]  Crea Eventi ricorrenti sul territorio, per promuovere l'uso della bicicletta.

Il Progetto si è subito evoluto

Tracciato Bicipolitana M3- GSD - Bis Biblio_Pratone_scuola_Parco NordAbbiamo appreso che il Pratone, il nostro caro Pratone è per l’80% di uso pubblico e quando scadrà la convenzione nel 2017 potrebbe anche esserlo per il 100%

E cosi abbiamo pensato che il percorso aureo iniziale , potesse ulteriormente espandersi e arrivare fino al Comune vicino, passando per la Biblioteca Centrale, il Pratone, il Parco Nord.

Il progetto con questa ulteriore passo avanti prende quindi un’altra direzione, un’altra prospettiva, e diventa di fatto BICIPOLITANA NETWORK per portare in Italia la cultura all’uso della bicicletta e valorizzarne il territorio. ( I comuni d’Italia sono visti quindi come dei pezzi di puzzle che hanno come compito quello di creare delle piste ciclabili che raggiungano tutti i comuni con loro confinanti e avere quini una rete (network) ciclabile utilizzabile da tutti sia per andare al lavoro, a scuola, per divertirsi e per cicloturismo, con tante stazioni e punti di ristoro e ciclo-officine ad uso dei velocipedi. Un modo per valorizzare l’Italia e creare nuove opportunità di lavoro e di attrazione.

Il progetto si è allargato e sono nate attorno tante altre iniziative, tutte con al centro la mobilità dolce, quella in bicicletta, salutare, ecologica, che fa risparmiare tempo.

Bicipolitana diventa un dipartimento di RecSando

Bicipolitana diventa un dipartimento culturale di RecSando (art. 4 dello statuto di RecSando) condividendo lo spirito della Rete Civica, si occupa di portare avanti sul territorio iniziative di socializzazione e azioni mirate all’accrescimento di una cultura orientata alla mobilità sostenibile. Ha un canale privilegiato con l’associazione RecSando per consentire attraverso di essa di utilizzare i canali di comunicazione, il patrocinio per iniziative e portare avanti nei confronti delle istituzioni consigli e suggerimenti per un piano di mobilità ciclabile.

Eventi ricorrenti sul territorio

( la prima domenica del mese al mattino e l’ultimo venerdì del mese alla sera) Lo scopo di questi incontri è quello di creare cultura, interesse e socializzare con i cittadini della città metropolitana. L’obiettivo è anche educare all’uso della bicicletta rispettando le regole del Codice della Strada

Una chat per i “Bicipolitaners”

E’ stata creata una chat di gruppo utilizzando Telegram che ha lo scopo di ottenere informazioni sugli eventi e di raccogliere le idee. Utile anche quando si arriva in ritardo agli eventi, per sapere dove sono gli amici bicittadini

Bicipolitana Network

Iniziamo dal Sud Est  verso Milano a Nord e verso Sud a Lodi credendo fortemente nel Sentiero dei Monaci (Via Francigena).

WHYTE_COLLEGHIAMOCI

Bicittadinanza

Nasce l’idea di creare una bicittadinanza, ovvero un progetto che mira a premiare il cittadino che con il suo uso quotidiano della bicicletta ( ricavabile dall’app ) possa ottenere dei bonus sul territorio, e avere anche facilitazioni per assicurazioni che lo garantiscano nei confronti di furti, incidenti, infortuni durante l’uso del velocipede

Podcast

 

Nasce l’idea, in collaborazione con RecSando e RadioCodaRitorta di realizzare delle trasmissioni sul tema bicicletta e ambiente ascoltabili dal proprio smartphone o dal computer, la prima radio on demand

BikeDonato

Pensando alla manifestazione podistica RUNDONATO che si svolge ogni anno a San Donato Milanese, Bicipolitana ha pensato di creare un evento ricorrente chiamato BIKEDONATO. A questo fine si cercano sponsor, aiuti da parte di tutti, cittadini, aziende pubbliche e private.

Estensione del progetto all’Italia

Incontri con Amministrazioni, comitati e associazioni

Adesioni a iniziative create da altri soggetti

Partecipazione a iniziative

Abbiamo deciso insieme a RecSando di avere un sito dedicato a Bicipolitana un sito tutto nostro. BICIPOLITANA.IT
Dopo 20 anni di rete virtuale, RecSando sentiva l'esigenza di creare oltre che una rete virtuale anche una rete reale di socializzazioen sul territorio del sud est milano. Di fatto il progetto Bicipolitana, nato a San Donato Milanese è già in volo verso il sud est Millano e calza a pennello perchè come nuoi vuole creare una vero network ciclabile partendo dal basso.

Creare quindi una rete di collegamento reale  e virtuale che porti socialità, lavoro, educazione e rispetto, per costruire un mondo nuovo e smart piace a entrambi.

Bicipolitana sta cercando partner, sponsor, amici che credano in questo progetto e dei cittadini che vogliano trasformarsi, acquistando la bicittadinanza ... diventando veri #bicipolitaners




 

Log in to comment
Commenta nel forum (1 replies).

Un impegno concreto, salvare il prato dietro al Municipio di San Donato Milanese

Una sbarra non conforme all'articolo 50 del Codice della Strada, favorisce il degrado e la devastazione dell'ambiente


#Amici, #cittadini, #associazioni, #comitati, #istituzioni, #sandonauti.


E' a voi tutti che ci appelliamo affinché venga fermata la devastazione del verde, nel prato dietro al Comune di San Donato Milanese.


Come potete osservare dalla foto nella via pedonale e ciclabile che si trova dietro al Comune di San Donato Milanese è stata installata una nuova barriera archietettonica per impedire che le bicclette e i motorini possano transitare senza essere costretti a effettuare delle gincane. E' un'idea irrispettosa dell'ambiente, non idonea e inutile. Con questa barriera archietettonica non solo si rende la città meno attenta ai segnali di futuro che stanno arrivando da tutta Europa, ma di fatto si è creato con questa installazione l'inizio della devastazione del prato.

Leggi tutto...

Log in to comment

Podcast e Slide sulla riqualificazione di Via Kennedy

Gli interventi per riqualificare il quartiere Kennedy



Il sindaco di San Donato Milanese Andrea Checchi con gli assessori Gianfranco Ginelli (Partecipazione) e Andrea Battocchio (Lavori pubblici) hanno presentato nel corso di un’assemblea pubblica presso la scuola Mazzini gli interventi in corso e quelli proposti per migliorare la qualità della vita del quartiere di via Kennedy, al confine tra San Donato e Milano.
Alcuni già avviati, come il rifacimento e ampliamento del parco Tadini (per una spesa di 264mila euro), e la riqualificazione energetica della scuola Mazzini con la risistemazione degli spazi esterni (per un costo stimato sui 700mila euro) in programma dopo la fine dell'anno scolastico in corso.
Ma gli argomenti principali affrontati giovedì sera sono state le 3 ipotesi progettuali studiate dall'Ufficio Tecnico e proposte dalla Giunta per affrontare i disagi che gli abitanti di via Kennedy soffrono da anni, legati alla viabilità, ai marciapiedi dissestati e alle barriere architettoniche.
Le tre soluzioni (con un costo stimato intorno al milione di euro) variano per la diversa modulazione dei corsi di marcia dei veicoli (senso unico parziale, totale o doppio senso di circolazione), per la collocazione del percorso ciclabile (in sede propria o meno) e per il numero di parcheggi sacrificati.
Sono inoltre previsti dissuasori per limitare la velocità a 30 kmh e una ZTL (negli orari di punta) per limitare l'accesso ai non residenti (è stata rilevata una media di ben 968 passaggi di attraversamento nell'ora dalle 8 alle 9  del mattino).

Leggi tutto...

Log in to comment
Commenta nel forum (1 replies).

Bicipolitana in viaggio verso Chiaravalle - Nocetum

Questa è la seconda parte del video da Viboldone a Chiaravalle.
Qui partendo dalla Campagnetta di San Donato MIlanese abbiamo percorso la strada per perlustrare la zona in direzione Poasco sul ponte che porta a Chiaravalle e siamo andati a "Nocetum"


A Chiaravalle ci siamo fermati a fotografare il vecchio sentiero della ferrovia, che nei progetti doveva diventare una pista ciclabile che collegava Poasco con Rogoredo. Come potete vedere dal filmato, sopra i binari sono cresciuti arbusti e vegetazione. Quello che se fatto subito appena si era deciso ci sarebbe costato poco in termini di denaro, oggi sarà sicuramente maggiore perchè si dovranno togliere i new jersey e gli arbusti che nel frattempo sono cresciuti.

Noi di Bicipolitana ora diciamo basta, vogliamo che questa pista ciclabile da Poasco a Rogoredo sia compiuta, che il tracciato prenda vita.
Noi di Bicipolitana ora diciamo basta, vogliamo che questa pista cicabile da Viboldone a Chiaravalle sia compiuta, che il tracciato prenda vita.


Leggi tutto...

Log in to comment