Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Christmas in Jazz

Musiche e brani jazz scelti ed eseguiti dalla Flight Band per offrire un concerto in occasione delle imminenti festività di Natale 2015, presso la struttura Yabboq di San Donato Milanese, .
Il complesso strumentale era formato da 16 elementi: piano, batteria, chitarra, basso elettrico e 12 fiati (trombe e sax).
Sotto la direzione di Alberto Caiani (tromba), la Flight Band ha intrattenuto il pubblico con alcuni esempi di questo tipo di musica, definita come standard jazz.
Questo prodotto musicale ha origine negli USA nel secolo scorso ed ha come caratteristica principale la contaminazione reciproca fra la musica europea e la musica ritmica africana, ma non solo.
E' a partire da questo tipo di influenza che uno dei fondatori della Flight Band, Giuseppe Fiorito (piano), ha presentato alcuni brani famosi di Duke Ellington e di Henry Mancini, ma anche di atmosfere rock-funky in “Grapevine” di Marvin Gaye, o di blues come quelle sentite in “Stolen Moments” di Oliver Nelson, oppure del mambo cubano in un brano di Tito Puente.
Per richiamare l'atmosfera natalizia, non sono mancati brevi accenni a brani classici come “White Christmas” e “Jingle Bells” eseguiti nelle forme ritmiche di improvvisazione e variazioni jazzistiche.
Il seguitissimo concerto è poi proseguito con appassionate interpretazioni di grandi successi del jazz resi famosi da Ella Fitzgerald e Frank Sinatra, come “Fly me to the moon” ed “Angel Eyes”.
E per terminare, ancora brani che hanno influenzato l'atmosfera musicale del '900, come “Imagination” e “Perdido”.
Nel concludere il concerto, Giuseppe Fiorito ha ricordato l'invito al versamento del prossimo 5 per mille a favore della cooperativa sociale Yabboq, per contribuire al miglioramento delle condizioni di vita di persone con disabilità.

Redazione Recsando – Luciano Monti
foto di Pietro Del Monte

Pur con una qualità limitata dall'ambiente e dalle attrezzature disponibili, riteniamo comunque utile mettere a disposizione la registrazione audio del concerto, che può essere ascoltato in podcast