Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Covid e Trasporti Pubblici: Esiste un legame ?

Il Trasporto pubblico è diventato nel nostro paese il primo “untore “ di covid che procura contagio a causa “dell’  assembramento “ con cui si muovono i passeggeri sia sui mezzi ( bus , metro, treni locali ) che alle fermate.

Questa è la foto rappresentativa del problema Covid come viene percepito e visto dai media e dai cittadini (si viaggia ammassati pochi mezzi )

 

Da qui il rimpallo di responsabilità che va avanti da settimane sul perché bus e vagoni della metropolitana  ancora oggi continuano a viaggiare pieni zeppi in alcune “fasce orarie” ben oltre ogni limite di sicurezza e di buon senso : colpa del Governo, o delle Regioni ,del ministero dei trasporti  o di quello dell’istruzione ?

La verità è che c’è poco tempo e bisogna fare presto, l’imperativo è che “si deve ridurre la capienza.

Non è una soluzione facile ma con un po’ di fantasia e con la collaborazione dei vari soggetti qualcosa è possibile fare.

 Analizziamo le proposte in campo da parte dei nostri “ esperti “, i politici in testa, i media e poi i cittadini  a soffiare sul fuoco .

Leggi tutto...

Log in to comment

Analisi sugli effetti del progetto Espansione Policlinico sulla vita dei Cittadini

Una grande e nuova espansione del Policnico San Donato Milanese.
Un commento sugli effetti del progetto sulla vita dei cittadini e sui risultati di anni di contrattazione della amministrazione.

Dunque sembra che la nostra Amministrazione, nel prossimo Consiglio Comunale di novembre, si accinga a dare il via libera ad una nuova espansione del Policlinico San Donato Milanese.
Il progetto prevede l’edificazione di alcuni nuovi edifici, per una superficie complessiva di 24.000mq (ventiquattromila metri quadri), nonché la formazione di un parcheggio raso terra di 800 (ottocento) posti auto.

Stando al progetto, il nuovo volume edificato sarà suddiviso in 4.000mq per i laboratori di ricerca, 10.000mq per l’università, e circa 10.000mq per il cosiddetto “corpo volano ”, un nuovo edificio multipiano incastrato fra il “serpentone” di via Morandi ed altri edifici residenziali di via Pascoli.

E’ ben chiaro cosa questo implicherà per la nostra città: la disponibilità di alcuni nuovi servizi, nonché il transito di un gran numero aggiuntivo di persone sulle strade, e nuovo traffico veicolare, con ovvie conseguenze sull’inquinamento atmosferico ed acustico.

Il plesso ospedaliero oggi.

Attualmente il plesso ospedaliero si sviluppa su una superficie di circa 50.000 mq compresi fra la via Morandi (dove si trovava il vecchio ingresso all’ospedale), diversi edifici residenziali lungo la via Pascoli, e la via Leopardi, dove si trova il nuovo ingresso.
Il plesso confina inoltre verso Est e verso Nord con il territorio del parco Agricolo del sud Milano.
La grandissima parte del parcheggio esistente (circa 420 posti auto), nonché di tutta l’area dell’elisoccorso, si trovano già, per antica convezione, all’interno delle aree tutelate del parco Agricolo, su aree in parte di proprietà comunali ed in parte del Policnico.



Figura sopra: vista del plesso ospedaliero oggi, e, rappresentato dalla linea continua verde, il confine con il territorio del Parco Agricolo del Sud Milano. Con il tratteggio è rappresentata inoltre l’area del Parco Agricolo già occupata, per convenzione, dal parcheggio dell ’ospedale e dell’elisoccorso. Questa area non è proprietà del Policlinico.

Leggi tutto...

Log in to comment

"#DOPO LE 18": UN' OCCASIONE DI RILANCIO PER I BAR E PER LE ATTIVITÀ DI RISTORAZIONE DI SAN GIULIANO

CS SGMLa chiusura anticipata dei bar e delle attività di ristorazione rappresenta non solo una ulteriore battuta di arresto per l'economia locale, ma ridefinisce le abitudini dei cittadini costretti ad una nuova quotidianità e ad una diversa organizzazione del tempo libero serale. In risposta alla nuove misure restrittive, l'Amministrazione Comunale lancia l'iniziativa "#Dopo le 18" per dare visibilità sui propri canali di comunicazione istituzionali alle attività di ristorazione presenti sul territorio e riattivare nei cittadini la domanda di food&beverage d'asporto e a domicilio. L'iniziativa si pone un duplice obiettivo: rilanciare le attività di bar e ristoranti del territorio dopo le 18 e, nello stesso tempo, offrire ai cittadini un insieme di proposte eno-gastronomiche tra cui scegliere per rendere speciale la propria serata in casa. Compilando il modulo on line disponibile a breve sul sito del Comune e sulla pagina Facebook http://bit.ly/ modulo_dopole18 , gli esercenti possono promuovere la propria attività e segnalare offerte, menù speciali, iniziative originali per rendere ancora più accattivante la propria proposta. Ogni settimana sul sito istituzionale e sulla Pagina Facebook del Comune verrà pubblicata la lista di proposte gastronomiche tra cui i cittadini potranno scegliere e, attraverso i propri ordini , dare il proprio contributo a sostegno delle attività del territorio. Commenta il Sindaco, Marco Segala: "In questo momento di difficoltà abbiamo ritenuto opportuno scendere in campo al fianco dei bar e delle attività di ristorazione, tra le categorie a cui la pandemia ha richiesto i sacrifici più grandi. Ci auguriamo che questa iniziativa possa offrire agli esercenti un' opportunità per reinventarsi, per rendere più accattivante la propria offerta e per far conoscere la propria proposta ad un pubblico più vasto. Nello stesso tempo rivolgo ai cittadini l'invito a dare fiducia agli esercizi del territorio e a concedersi una cena a domicilio in più che fa bene all'economia del nostro territorio, al palato e all'umore familiare in questa nuova fase di isolamento". Commenta l'Assessore alla Comunicazione, Nicole Marnini: "La resilienza è la capacità di gestire e di affrontare una situazione critica ed è proprio la resilienza il principio ispiratore da cui prende le mosse #Dopole18, un'iniziativa originale e concreta per aiutare una categoria in questo momento in difficoltà. Ci aspettano settimane dure con nuove restrizioni e nuovi limiti, ma come istituzioni e come comunità dobbiamo riuscire a fare fronte comune facendo sentire la nostra vicinanza e solidarietà alle categorie più colpite dall'emergenza con un atteggiamento positivo e costruttivo per riuscire a guardare insieme al futuro con ottimismo".

Log in to comment

UC SANGIULIANESE: Riassunto di un 2020 in emergenza Covid-19

gruppo con ammiraglia

Per tutti il 2020 e' stato un anno a dir poco sconvolgente, programmi saltati, vita quotidiana da organizzare sotto ogni aspetto.

Anche le attività sportive ne hanno risentito parecchio, anche la stagione ciclistica dell'UC Sangiulianese è stata compromessa.

 

Per gli Esordienti l'anno è iniziato con gli immancabili allenamenti invernali in MountainBike, e poi da Febbraio si e' iniziato a macinare chilometri con le bici da strada, sotto la supervisione dei preparatori Claudio Scapin e Dario Rando, fino all'8 Marzo quando da DPCM di allora ci siamo dovuti fermare per il lockdown per contrastare l'epidemia di Covid-19.

Leggi tutto...

Log in to comment

ORIENTAWEEK, UNA SETTIMANA CHE VALE UN FUTURO

CS SDML’Infogiovani lancia la piattaforma, realizzata insieme alle scuole del territorio, dedicata ai ragazzi di terza media. Da sabato un fitto calendario di incontri orientativi via web

SCEGLIERE il proprio futuro è difficile. Farlo nel bel mezzo di una pandemia lo è ancor di più. Per questo il Comune, attraverso il servizio Infogiovani, vuole continuare ad aiutare i ragazzi che si trovano di fronte a un bivio: la scelta della scuola superiore. Data l’impossibilità di creare un “vetrina in presenza” degli istituti scolastici del territorio, insieme a questi ultimi, è stato realizzato un portale ricco di informazioni che, da sabato 31 e per tutta la settimana a seguire, ospiterà una serie di incontri virtuali per far conoscere ai ragazzi e ai loro genitori le potenziali vie che i giovani potranno percorrere.

Leggi tutto...

Log in to comment

SISTEMA DI SORVEGLIANZA INTEGRATO PUBBLICO PRIVATO E UNITÀ CINOFILE: INSIEME PER RENDERE SAN GIULIANO ANCORA PIÙ SICURA

CS SGMCon due provvedimenti entrambi promossi dall'Assessorato alla Sicurezza e alla Polizia Locale, l'Amministrazione Comunale dà una forte spinta al potenziamento del controllo del territorio. Grazie agli importanti investimenti sostenuti nell'ammodernamento della Centrale Operativa del Comando di Polizia Locale e nel rinnovamento dell'infrastruttura fisica della videosorveglianza, sarà presto possibile "ospitare" le telecamere dei sangiulianesi all'interno della Centrale Operativa della Polizia Locale.

La Giunta Comunale ha approvato un bando permanente per la sottoscrizione di un protocollo di intesa (valido per cinque anni) con cui i privati che dispongono sul territorio comunale di sistemi di videosorveglianza, potranno sottoporre a controllo aree pubbliche o aperte all'uso pubblico limitrofe ai propri immobili e collegare le proprie telecamere al sistema di videosorveglianza comunale. Le immagini registrate dai privati, nel rispetto della normativa sulla privacy e del regolamento comunale sulla video sorveglianza, saranno a disposizione del Comando della Polizia Locale e degli organi di Polizia, che, grazie ad una completa mappatura delle aree pubbliche potranno individuare, con maggiore efficacia e celerità, gli autori dei reati. Le spese per l'acquisto e per l'installazione delle telecamere, oggetto del protocollo, sarà a carico dei privati, previa valutazione del Comando di Polizia Locale che esaminerà gli aspetti più tecnici dell'impianto (posizione, modalità di collegamento, compatibilità con il sistema di videosorveglianza comunale).

Leggi tutto...

Log in to comment

ROCCA BRIVIO DOPO 20 ANNI DI FALLIMENTI POLITICI RISCHIAMO DI PERDERE LA SENTINELLA DEL PARCO SUD MILANO

Incredibile, approfittando delle giornate del F.A.I. su iniziativa della Associazione Amici di Rocca Brivio è stato aperto al pubblico lo “scrigno del Sud Milano “con visite guidate , pur contingentate ,che si sono rilevate un successo di partecipazione ( tutto esaurito ) dimostrando grande entusiasmo.  La buona cultura paga sempre.

Visite di mezzora che hanno consentito un excursus storico ammirando le bellezze esterne, il cortile interno e ciò che resta del giardino all’italiana , le scuderie , le sale nobili , la cappella ,ed il piano “ sottotetto “  ristrutturato.

 Questo interesse dimostra da un lato “ la fame di cultura “che è palpabile fra le nostre genti e di contro dimostra la incapacità di una classe politica non in grado  di gestire un bene cosi prezioso.

Una storia quella di Rocca Brivio di oltre 20 anni  che è arrivata al suo epilogo; una “ battaglia di cultura “  che vede impegnati Cittadini ed Associazioni  battersi  per impedire che la struttura pubblica venga ceduta all’asta senza obiettivi , senza prospettive , senza un progetto  che ne garantisca un futuro.

UNA STORIA LUNGA 20 ANNI:

"da quanto i Comuni di San Donato Milanese, San Giuliano Milanese, Melegnano con la Associazione Rocca Brivio nel 1997 hanno acquistato dalla famiglia Sforza il gioiello Rocca Brivio ad un prezzo di 3 miliardi di lire coinvolgendo qualche anno dopo  nel 2005  il TASM ( oggi CAP Holding ) società pubblica di distribuzione acque partecipata dai Comuni del Milanese ( e non solo) come SOCIO FINANZIATORE , in che modo ? Assumendo  TASM  circa un miliardo di costi relativi alle  attuali ristrutturazioni accollandosi il relativo mutuo regionale  acquisendo in tal modo  il 51% del capitale attraverso un aumento di capitale sociale.
TASM Ha inoltre assunto l’impegno a  conferire  “ denaro fresco “ per 2,5 milioni da utilizzare per il proseguimento dei lavori di ristrutturazione , naturalmente questo denaro era a carico anche degli altri azionisti ( i Comuni ) secondo le quote di partecipazione.   Di fatto questi interventi di ristrutturazioni non sono stati ne programmati ne effettuati."

Leggi tutto...

Log in to comment

Rimini: non soltanto bagni e piadina





Rimini: non soltanto bagni e piadina

L’estate è finita, ma a Rimini la vacanza non finisce mai perché le proposte vanno oltre i bagni e l’enogastronomia: cultura, benessere, sport e lifestyle sono al centro della nuova proposta inno vativa di VisitRimini tutto l’anno.

 

 

Rimini non è soltanto mare, perché sia la città, sia il suo entroterra hanno molto da offrire anche dopo l’estate. Innanzitutto una città aperta tutto l’anno, ben collegata, che garantisce servizi senza soluzione di continuità, dove c’è vita anche in pieno inverno e dove la proverbiale accoglienza romagnola non viene mai meno. Il paragone con Miami è sotto gli occhi di tutti, soprattutto in questa stagione, dove la vacanza si è trasferita dalla spiaggia alla città, due entità separate da un parco verde del mare dove la passeggiata è rialzata rispetto al piano stradale e alla spiaggia, che è ormai soltanto un ricordo”Ma è tutto pronto per accogliere i turisti anche in questa stagione, fino all’estate prossima, - ha detto Valeria Guarisco, destination manager di VisitRimini- alla conferenza stampa nel corso della Fiera del turismo (TTG) conclusasi nella città romagnola venerdì 16 ottobre. ‘VisitRimini lancia il progetto Rimini oltre l'estate - ha aggiunto Valeria Guarisco - perché ormai Rimini non è più solo destinazione balneare ed è il momento di comunicarlo in modo concreto, attraverso proposte di vacanze acquistabili direttamente online per rispondere alla domanda, frequente sui social media, che cosa si può fare a Rimini durante l'anno?”

 

Destinazione perfetta - Rimini è una destinazione perfetta per un break durante l’anno, dove arte, cultura, wellness, borghi antichi, tipicità enogastronomiche, divertimento, mare, sport, negozi di qualità e ampi spazi a contatto con la natura fanno da scenario alle esperienze più autentiche dentro e fuori dal centro storico riminese che, mai come quest’anno, è diventato il fulcro d’interesse per i turisti italiani e stranieri che hanno popolato Rimini anche in una situazione di emergenza sanitaria determinata dal coronavirus.  

 

L’offerta culturale - Rimini non è soltanto mare, perchè ci sono le novità che negli ultimi anni hanno rafforzato la qualità della proposta turistica riminese: il Museo d’Arte Contemporanea PART, inaugurato il 24 settembre scorso, la Piazza sull’acqua, ricavata dalla riqualificazione dell’area attorno al bimillenario Ponte di Tiberio, la realizzazione del Parco del Mare, il waterfront di 15 chilometri (ancora in parte in fase di realizzazione) che ricostruisce la duna, con la vegetazione tipica, i percorsi pedonali e ciclabili, i salotti e le isole wellness; il restauro filologico dell’ottocentesco Teatro Galli, l’estensione delle piste ciclabili fino a contare 120 chilometri che collegano la città all’entroterra, la tutela del mare con il Piano di Salvaguardia della Balneazione Ottimale che è  stato inserito tra le best practise dell’agenda 2030 dell’ONU, la celebrazione della figura di Federico Fellini, in occasione del centenario della nascita, con il recupero del Cinema Fulgor, il Museo internazionale a lui dedicato che sarà inaugurato nei prossimi mesi nel medievale-rinascimentale Castel Sismondo e la Piazza dei Sogni in fase di realizzazione.

 

Insomma, una città dove è facile programmare una breve vacanza, per rilassarsi, divertirsi, praticare sport e… innamorarsi. Qualunque sia la motivazione di viaggio, Rimini ha una proposta adeguata a soddisfarla, perché offre il meglio dell’Italia in pochi chilometri, dagli Appennini al Mare Adriatico, in quella “Romagna solatia, dolce paese” cantata dal poeta (Giovanni Pascoli), che non ha mai perso il suo fascino. E la stagione appena conclusa ne è stata la riprova.

 

La campagna promozionale è stata anticipata da un’iniziativa speciale che è il Foto contest online #Riminilifestyle, aperto da agosto a fine ottobre, nel quale i partecipanti (oltre 600 per ora) stanno ritraendo Rimini con le luci dell’autunno, per restituire le immagini fresche e spontanee che potranno essere riproposte nel corso della campagna. La prima azione promozionale di Rimini oltre l’estate è stata avviata a metà settembre, con la campagna stampa e social media sullo smart working, che è una modalità inedita di vivere Rimini tutto l’anno, per la quale molte strutture si stanno attrezzando. Le card - Altri progetti speciali saranno lanciati nelle prossime settimane: le visit card, volte a valorizzare altrettante eccellenze: l’arte, l’entroterra e la tipicità dello stile riminese. Rispettivamente Art card con i percorsi museali e le esperienze culturali, la Country card con le visite alle rocche e grotte dell’entroterra, la Style card (di cui oggi offriamo un’anteprima), con un circuito di sconti presso negozi di abbigliamento e oggettistica, ristoranti, bar, pasticcerie, librerie, profumerie e le terme cittadine selezionati tutti per la loro tipicità.

 

Particolarmente innovativo poi è Tu che Rimini Sei? Un format di promozione turistica costruito su una strategia di matching tra i viaggiatori e la destinazione che si basa sulle leve motivazionali del gioco a quiz e della condivisione del risultato sui social, che sarà lanciato attraverso una strategia di influencer marketing che durerà un anno.

 

Il progetto Rimini oltre l’estate, si protrarrà fino alla prossima primavera e incrocerà la realizzazione del nuovo portale visitrimini.com. L’innovazione turistica è nel DNA di Rimini… a partire dal lontano 1843, con l’apertura del primo stabilimento balneare. Lo ha confermato l’Assessore del Comune di Rimini, Gianluca Brasini con deleghe al bilancio, patrimonio, sport, fundraising e rapporti con le società partecipate, dicendo: ‘Oggi abbiamo tutti gli elementi per lavorare sulla destinazione perché abbiamo ampliato la gamma di prodotti: i nuovi contenitori culturali, gli impianti sportivi, il quartiere fieristico e il Palacongressi. Siamo pronti a fare quello che avevamo in animo da tanti anni, ovvero destagionalizzare. Non è solo un tema di competitività, è una questione di diluire nel tempo e nello spazio le presenze per rendere più strutturale l'offerta, creando valore anche per i lavoratori del settore. Il dato da cui partiamo è che il sistema per ora ci ha creduto e ha reagito.’

Questo progetto, anzi questa innovazione- ha detto Chiara Astolfi, direttore della Destinazione turistica della Romagna – sarà un invito a innovarsi per tutta la costiera. ‘Rimini ha dimostrato capacità di reagire e di innovare e questo progetto va in quella direzione: migliorare la fruizione del territorio attraverso l'innovazione di prodotto. Noi abbiamo il compito di mettere assieme servizi, territorio e programmi, promuovendo una proposta nuova’

Edoardo Stucchi

 


Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint  La mappa interattiva dei #BikePoint presenti sul territorio, viene costantemente aggiornata [visita la #MapHub] Diventa #BikePoint, compila il modulo di adesione
SCONTI E VANTAGGI AI SOCI DI RECSANDO / BICIPOLITANA NETWORK - DIVENTA SOCIO

 

 
 
Log in to comment

LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE IN PIAZZA DELLA VITTORIA: PROVA DI CARICO PER UNA PIAZZA PIÙ SICURA

CS SGMGrande attenzione al tema sicurezza nei lavori di riqualificazione dell’attesa Piazza della Vittoria: martedì 13 ottobre alle ore 16, durante i lavori di pavimentazione della piazza, è stata effettuata una prova di carico con mezzo d’opera a pieno carico nel tratto in corrispondenza del passaggio della Roggia Spazzola. In considerazione del fatto che, come previsto nel progetto, una parte della pavimentazione sarà interessata dal passaggio dei veicoli, la Direzione dei Lavori ha ritenuto opportuno far eseguire all’azienda fornitrice una prova di carico per verificare la tenuta statica della soletta in calcestruzzo armato che ricopre la roggia Spazzola e per valutare, in base ai risultati della prova, la necessità di un intervento di “rafforzamento” della copertura.

Leggi tutto...

Log in to comment

Rocca Brivio: le Giornate d’Autunno del FAI sono “sold out”

roccabrivioUn grande risultato dovuto alla collaborazione tra FAI Sud Est Milano, Associazione Roccabrivio e Comitato Amici del Cuore di Rocca Brivio Il prossimo weekend Rocca Brivio apre le sue porte e le sue stanze ai visitatori che la vorranno ammirare in occasione delle Giornate d’Autunno del FAI – Fondo Ambiente Italiano. In pochissimi giorni tutti i posti disponibili, a prenotazione obbligatoria sul sito del FAI, sono andati esauriti ed è possibile inserirsi solo nelle liste di attesa. Sabato 17 e domenica 18 ottobre tante persone contribuiranno a garantire che tutto si svolga nel pieno rispetto delle normative Covid: le guide “prestate” al FAI dall’associazione e dal comitato, l’accoglienza dei volontari del FAI, gli addetti al controllo. La collaborazione tra il gruppo Fai di Milano Sud Est, l’Associazione Roccabrivio ed il Comitato Amici del Cuore di Rocca Brivio e la forte risposta dei cittadini testimoniano il grande interesse ed affetto per questo Bene Comune. A dar ancora più forza a quest’ultima affermazione, continuano senza sosta le sottoscrizioni per la rocca come “Luogo del Cuore”: 2.361 voti ad oggi e sito più votato della Città Metropolitana di Milano nello speciale censimento biennale del FAI (*).

Leggi tutto...

Log in to comment

Una brutta pagina di storia, uno schiaffo alla democrazia, sul mensile del Comune di San Donato Milanese


SUCCEDE A SAN DONATO: CENSURATO SU SDMESE di Ottobre 2020 IL MOVIMENTO POLITICO SAN DONATO RIPARTE

Una brutta pagina di storia, uno schiaffo alla democrazia, sul mensile del Comune di San Donato Milanese.
È stata censurata una forza politica attiva in consiglio comunale per aver espresso opinioni diverse dalla Amministrazione su problemi concreti, togliendogli lo spazio sancito da accordi decennali. Ecco in estrema sintesi i fatti

Potete leggere il Comunicato Stampa di SAN DONATO RIPARTE, pervenuto alla redazione di RecSando:
Siamo vittime della censura del Sindaco Andrea Checchi

Cosi scriveva SANDONATO RIPARTE: sconcertante episodio di censura da parte del Sindaco Checchi che ha vietato la pubblicazione del nostro articolo su SDmese nello spazio istituzionale dedicato al nostro gruppo, del tutto indifferente sulla vicenda il presidente del Consiglio Comunale Sargenti .

Leggi tutto...

Log in to comment

Siamo vittime della censura del Sindaco Andrea Checchi

Sconcertante episodio di censura da parte del sindaco Checchi che ha vietato la pubblicazione del nostro articolo su SDMese, nello spazio istituzionalmente dedicato a San Donato Riparte.

Del tutto indifferente alla vicenda il  presidente del Consiglio Comunale Sargenti.

 

SAN DONATO MILANESE – Dovevano avere la coda di paglia, sia il sindaco Checchi che l’assessore Papetti, per zittire una forza politica presente in consiglio comunale e non permettere critiche pubbliche sulla vicenda scuola a San Donato Milanese. La mannaia della censura si è abbattuta sul gruppo consigliare San Donato Riparte, che si è visto oscurare – anzi, lasciare del tutto in bianco, nemmeno il simbolo del gruppo è stato risparmiato!! - il proprio spazio sul numero di Ottobre 2020 di SDMese, il periodico dell’amministrazione comunale in distribuzione in questi giorni, con grave ritardo, nelle cassette della posta di tutte le famiglie sandonatesi.

Con scuse puerili e del tutto ingiustificate, gli uffici e poi direttamente il sindaco mi hanno tolto la parola – afferma Marco Pagliotta, capogruppo di san Donato Riparte in consiglio comunale – “Hanno impedito a un consigliere comunale di esercitare il sacrosanto diritto-dovere di esprimere il proprio pensiero e rendere pubbliche le critiche che già da tempo avevo avanzato nei confronti di un’amministrazione comunale sorda e inerte di fronte alle difficoltà di centinaia di famiglie alle prese con la riapertura delle scuole.”

Con spirito costruttivo, San Donato Riparte aveva da mesi sollecitato un Piano Comunale per la Ripartenza post-Covid, un piano dettagliato che prevedesse più scenari, allocasse risorse economiche e prevedesse azioni e progetti mirati per far fronte alle tante difficoltà ed emergenze da affrontare. In più occasioni San Donato Riparte aveva richiamato l’attenzione sulla riapertura delle scuole, chiedendo che le famiglie non fossero lasciate sole di fronte a possibili ritardi ministeriali o alla burocrazia e ai rimpalli tra enti.

Tutto ciò è rimasto inascoltato e per più di un mese. Dal giorno della riapertura del 14 settembre ad oggi sono state centinaia le famiglie in difficoltà, che devono conciliare i tempi di vita quotidiana con la necessità di andare a riprendere e poi seguire i propri bambini e ragazzi che frequentano scuole e asili con orari di lezione ridotti.

Leggi tutto...

Log in to comment