Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

FrontePopolareE’ ancora Domenica, e vedo cittadini di Paullo che per prendere un bus da / per Milano devono andare sulla paullese nuova e rischiare la pelle, per le fermate praticamente inesistenti. Lo stesso accade a Zelo e altrove: dal Luglio 2017 le linee Z411 e Z412 non passano piu’ nei nostri paesi.

Perche’ noi cittadini dobbiamo subire un danno economico (hanno tagliato i bus ma i prezzi degli abbonamenti rimangono uguali)? Perche’ i nostri paesi devno subire un danno morale? nessuna possibilita’ di arrivarci la Domenica senza auto, secondo voi una comunita’ in questa condizione di “isolamento” guadagna o perde in attrattivita’?    Perche’ sfavorire l’ uso dei mezzi pubblici nel 2018, in una delle Pianure piu’ inquinate d’ Europa,a 10Km da Milano?

Qui e’ chiaramente negato il diritto alla libera circolazione delle persone: si deve pretendere che i bus passino tutti i giorni e le strade siano moderne e sicure, e i servizi per cui paghiamo le tasse devono funzionare. E se non succede bisogna lottare, che e’ ben altra cosa rispetto al fare dei post sui social. Sui social si puo’ fare della buona propaganda, ma solo organizzandosi,studiando, mettendoci la testa ed anche il corpo ci si impegna davvero, e si prova  a cambiare lo stato di cose esistente!

 

Come comunista credo poi che ognuno debba sempre combattere le logiche individualiste ed egoiste del “tanto io ho la macchina sono a posto”: bisogna essere solidali verso chi la macchina non ce l’ha, e ricordarci che a tutti nella vita capita di aver bisogno di un bus pubblico, o di non essere in condizione di guidare.

Spero quindi che tanti cittadini,associazioni, partiti, riflettano su questo grave problema sociale e politico e lavorino, da Peschiera a Spino, per riportare i bus la domenica nei nostri paesi, indipendentemente dalle promesse che sentiamo “a Luglio vedremo, a Settembre sara’ tutto a posto” . Se stiamo zitti a subire prima o poi ci fregheranno anche gli autobus al Sabato!

Per quanto mi riguarda, come sempre cerco di unire la teoria alla pratica e da 8 mesi, insieme ad tanti altri cittadini, mi impegno in un comitato qui a Paullo per riavere i bus la Domenica. La prima manifestazione di piazza l’abbiamo fatta il 4 Febbraio, e’ arrivata in paullese con 100 partecipanti. Altre iniziative sono in preparazione: per chi volesse partecipare il contatto e’ Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o su FB comitato dei pendolari in lotta - Paullo

In particolare rinnovo l’ appello ai Sindaci perche’ si facciano sentire presso il gestore di servizio, e chiedano urgentemente di incontrarlo: il gestore lavora con i soldi dei cittadini,e quindi deve rispondere allo Stato se il servizio pubblico offerto non e’ soddisfacente. Mai dimenticare: sui servizi pubblici non si devono fare profitti!

Giancarlo Broglia – Paullo

Segretario FRONTE POPOLARE MILANO