Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

In giro per Milano con i Gatti Spiazzati

Dopo aver saputo dell'esistenza di questa Associazione, ho iniziato a fare ricerche sui " Gatti" e poi a seguirli sui social. Ben presto però ho avuto l'occasione di vederli all'opera.
La commissione  cultura delle 7 Parrocchie ha infatti proposto e organizzato la prima uscita culturale dell'anno, la visita di due luoghi, contattando loro per  farci da guida.
Le mete le ha scelte la Commissione: La Basilica di San Nazzaro, in corso di Porta Romana e a seguire Il Museo Diocesano intitolato a Carlo Maria Martini,  per ammirare "L'Adorazione dei Magi", di Artemisia Gentileschi. 
E Sabato 18 gennaio abbiamo così conosciuto Aldo, Onofrio, Gianni e Nicole, quattro degli attuali componenti dell'Associazione i "Gatti  Spiazzati". Onofrio all'inizio ci ha raccontato qualcosa di loro. Personalmente non ho voluto fare domande. 
Dal Web: "L'associazione "I Gatti Spiazzati"   è stata creata nel 2016 da un gruppo di senza fissa dimora che frequenta il centro  diurno per senza tetto "La Piazzetta" di Caritas Ambrosiana. Sono autori della guida “I Gatti di Milano non toccano terra” (che contiene nove degli itinerari che propongono), edita dal giornale di strada Scarp de’ tenis in vendita nelle botteghe del commercio equo “Altro mercato – Chico Mendes” di Milano. Da luglio 2017 hanno organizzato più di 100 tour guidati per la città, per oltre 5mila visitatori. Si autofinanziano con la vendita della guida e le offerte raccolte durante i tour. . Le loro passeggiate conviviali in  Milano hanno una prospettiva particolare: a tenerle sono esodati, disoccupati, senza tetto e in generale persone con disagio, che mostrano la città attraverso i loro occhi. Tra i giri da loro organizzati “Il parco della Basiliche e il quartiere intorno  ricchi di storia, come sottolinea  Aldo Scaiano, uno dei fondatori . Molti non sanno che sotto alcune delle vie scorre il Naviglio, che una volta era scoperto. Portano anche a vedere le ‘pietre d’inciampo. Nella città di Milano ce ne  sono 32 di quei cubetti di pietra ricoperti da ottone con inciso il nome dei deportati nei campi di sterminio, che sono stati posti in questi anni sotto le case da cui queste persone furono deportate”.

Leggi tutto...

Log in to comment

Valtellina per tutti i gusti

Valtellina per tutti i gusti

In Valtellina l'inizio dell'anno nuovo non è solo sinonimo di buoni propositi ma anche di nuovi appuntamenti. Gennaio e febbraio sono ricchi di eventi tutti da scoprire e per tutti i gusti.
 

Leggi tutto...

Log in to comment

Più facile raggiungere le Tofane di Cortina con un nuovo impianto

Più facile raggiungere le Tofane di Cortina con un nuovo impianto
Prima cabinovia a Cortina d’Ampezzo per il rinnovo del suo look invernale in vista dei Mondiali 2021 e le Olimpiadi del 2026.
 
La stagione invernale 2019/2020 ha presentato un importante cambio di look per lo storico complesso funiviario Tofana - Freccia nel Cielo, sostituendo il vecchio impianto del primo troncone con una nuova e moderna cabinovia. Collegando la stazione a valle con quella di Col Druscié (1788 m), il nuovo impianto si compone di 47 moderne cabine in grado di trasportare 1800 persone all’ora, diminuisce al massimo i tempi di attesa e assicura alti standard in termini di qualità, comfort e tecnologia.
“Futuro al vertice” - Questo lo slogan scelto per il grande e atteso evento inaugurale della nuova cabinovia di Tofana – Freccia nel Cielo; lo storico impianto di risalita, che da oltre 50 anni rende accessibile una tra le cime più alte delle Dolomiti Patrimonio Unesco, si rinnova in vista di un futuro che vedrà ancora grandi protagonisti per Cortina e il suo territorio. La nuova cabinovia, realizzata da Tofana srl con Leitner e lo studio di progettazione G22 Projects, attraverso un bando pubblico, ha visto il coinvolgimento sinergico di più amministrazioni quali il Commissario di Governo, la Regione Veneto, la Provincia di Belluno e il Comune di Cortina, tutte orientate a garantire gli obiettivi volti ad assicurare il progetto sportivo Cortina 2021. Le nuove 47 cabine avanzano alla velocità di 6 metri al secondo e sono in grado di portare fino a 1800 persone all’ora. Questi i numeri che permetteranno alla rinnovata Freccia del Cielo, unica cabinovia di Cortina d’Ampezzo, di diminuire al minimo i tempi di attesa rispondendo ai moderni standard di comfort, qualità e tecnologia e favorendo la sostenibilità in termini di mobilità e accessibilità, grazie anche alla realizzazione della stazione intermedia a Colfiere che accoglierà gli spettatori per la Coppa del Mondo nel 2020 e per i Mondiali di sci alpino nel 2021, oltre che per i giochi Olimpici invernali del 2026. Anche la stazione di partenza è completamente rinnovata. La copertura inclinata con diverse pendenze richiama visivamente al concetto di freccia, mantenendo una continuità ideale con la precedente struttura; ampie vetrate permettono una visuale aperta sulla grande piazza antistante. Un progetto architettonico e impiantistico studiato per essere altamente funzionale e che ben si inserisce nello splendido contesto paesaggistico circostante.
 
Sabato 11 gennaio 2020 taglio del nastro ufficiale e benedizione per la nuova cabinovia che sostituisce il primo tratto della famosa e storica funivia Tofana – Freccia nel Cielo. L’atteso evento inaugurale ha visto la presenza di numerose autorità coinvolte a vario titolo alla realizzazione di questo primo importante obiettivo. L’inaugurazione promossa dall’Ing. Luigivalerio Sant’Andrea, Commissario di Governo per il progetto sportivo Cortina 2021, ha avuto inizio alle ore 16:00 presso la stazione a valle della Freccia nel Cielo, ospitata dal padrone di casa Ing. Mario VascellariPresidente di Tofana 2021 Srl.
 Sono intervenuti alla cerimonia di inaugurazione Gianpietro Ghedina, Sindaco di Cortina d’Ampezzo, Luigivalerio Sant’Andrea, Commissario per la realizzazione del progetto sportivo dei campionati mondiali di sci alpino - Cortina 2021, Federico D’Incà, Ministro per i rapporti con il Parlamento e le riforme, Giovanni Panebianco, Capo di Gabinetto Ministro per le politiche giovanili e lo sport, Roger De Menech, presidente del Fondo dei Comuni Confinanti, Federico Caner, Ass. Regione Veneto e Fondazione Dolomiti Unesco, Roberto Padrin, presidente della Provincia di Belluno, Alessandro Benetton, presidente Fondazione Cortina 2021, Anton Seeber, presidente Leitner Spa, Valeria Ghezzi, presidente ANEF, Sandro Lazzari, presidente Dolomiti Superski, Lorraine Berton, presidente di Confindustria Belluno, Marco Zardini, presidente Skipass Cortina e l’ing. Mario Vascellari, presidente Tofana 2021 Srl.
 
Un’occasione in cui il Commissario di Governo per la realizzazione del progetto sportivo delle finali di coppa del mondo e dei campionati mondiali di sci alpinoIng. Luigivalerio Sant’Andrea, ha consegnato simbolicamente a tutta la cittadinanza gli interventi strategici attuati: in particolare le piste Druscié A e B e il relativo impianto di innevamento programmato, le piste Olympia e Vertigine e relativi tunnel di collegamento, la nuova pista Lino Lacedelli nel comprensorio delle Cinque Torri, la Finish Area Rumerlo, un nuovo sistema per il distacco controllato di valanghe e interventi di accessibilità.
Ma questo è soltanto il primo passo del Rinascimento della Regina delle nevi, Cortina, che con nuovi impianti di collegamento funiviario, sistemazioni alla viabilità di accesso alla cittadina e la realizzazione di parcheggi sotterranei vuole presentarsi nel 2026 con un biglietto da visita degno delle Olimpiadi.
Edoardo Stucchi
 
Log in to comment

Musicista suona durante l'intervento chirurgico al suo cervello all'ospedale Molinette di Torino



Musicista suona durante l'intervento chirurgico al suo cervello
all'ospedale Molinette di Torino


Nei giorni scorsi é stato effettuato un importante intervento chirurgico con tecnica asleep - awake, presso la Neurochirurgia universitaria dell'ospedale Molinette  della  Città della Salute di  Torino (diretta dal professor Diego Garbossa), su un giovane musicista di professione, monitorandone la creatività mediante il suono di strumenti musicali in sala operatoria. Insomma il paziente durante l'intervento al cervello era sveglio e suonava. Il giovane paziente di 35 anni musicista di professione, polistrumentista e compositore di una nota band torinese La stanza di Greta, già vincitrice nel 2017 della Targa Tenco per la migliore opera
prima,   era   portatore   di   estesa   neoformazione   a   livello   del   lobo   temporale   ed   insulare   destro. L'intervento richiedeva di preservare, con la massima probabilità possibile, le sue abilità creative e di improvvisazione musicale, cardine fondante della sua vita privata e lavorativa.

Leggi tutto...

Log in to comment

AIR EUROPA 2020: Time to Fly

IL 2020 DI AIR EUROPA INIZIA CON LE OFFERTE IMBATTIBILI DI "TIME TO FLY"
Air Europa inaugura il 2020 con la nuova campagna "Time To Fly" che propone le migliori offerte per tutte le destinazioni del network e che consente di volare, a prezzi imbattibili, dal prossimo 7 gennaio fino al 18 giugno. “Time to Fly” offre voli a partire da 89 euro per la Spagna, mentre si potrà viaggiare ai Caraibi e in Centro America con quote da 449€ e in Sud America da 499€. Le offerte sono valide per prenotazioni effettuate entro il prossimo 19 gennaio per partenze entro metà giugno, ad eccezione di alcuni periodi di blackout. La tariffa più economica include il bagaglio a mano, mentre sui voli tra le isole spagnole viene estesa al bagaglio in stiva. Per verificare le condizioni della campagna "Time To Fly" si può consultare il sito web www.aireuropa.com
Air Europa è membro dell'alleanza SkyTeam, composta da 19 compagnie aeree che danno accesso a una rete globale di oltre 14.500 voli giornalieri, verso 1.150 destinazioni, in oltre 175 paesi. La flotta di Air Europa è una delle più moderne del continente ed è composta da 51 aerei la cui età media non supera i 4 anni. L'azienda fa parte della holding Globalia, il più grande gruppo turistico spagnolo, ed è leader nei processi di conservazione ambientale. Nel 2018, l'organizzazione ambientalista tedesca Atmosfair ha descritto Air Europa come la più efficiente compagnia aerea europea. L'anno scorso, Air Europa ha superato gli 11 milioni di passeggeri trasportati.
Edoardo Stucchi
Log in to comment

A cena sulle nevi del Tonale dopo il concerto di ghiaccio

A cena sulle nevi del Tonale dopo il concerto di ghiaccio
Il 4 gennaio si alzerà il sipario sul teatro di ghiaccio denominato EQ ICE DOME (in riferimento al marchio 100% elettrico di Mercedes-Benz, che sponsorizza il progetto) che ospiterà la 2a edizione dell'Ice Music Festival, la kermesse musicale organizzata dal Consorzio Pontedilegno-Tonale,  dall'APT Val di Sole e da Trentino Marketing, già divenuta celebre per la sua peculiarità: gli spettacoli si terranno all'interno di un igloo da 300 posti costruito a quota 2600 metri di altezza sul Ghiacciaio Presena. Straordinaria la location ma anche gli strumenti musicali utilizzati nei concerti: 16 tra violini, viole, violoncelli, chitarre, un enorme xilofono e percussioni composti interamente di ghiaccio. Vere opere d'arte realizzate dalle mani dell’artista statunitense Tim Linhart che ha coordinato anche i lavori di edificazione dell’EQ ICE DOME.

Leggi tutto...

Log in to comment

Brexit: la disgregazione dell’Unione Europea o del Regno Unito? 2/2

Brexit: la disgregazione dell’Unione Europea o del Regno Unito?
Franco Oriti
Parte II (ultima)




Riprendiamo il nostro discorso ipotizzando quale potrebbe essere il futuro dell’Unione Europa (UE) ma non prima di aver speso qualche parola ancora sul Regno Unito di cui nella mia prima parte ho gia’ parlato.
Mi preme ricordare qui che non sempre i governanti del Regno Unito nel secolo scorso sono stati contrari all’idea di “Europa”; per esempio, il 1 dicembre 1925 a Locarno, in Svizzera, il britannico Joseph Austen Chamberlain insieme al tedesco Aristide Briand e al tedesco Gustav Stresemann dichiaravano “We met together, we spoke European”. Altro esempio, il 19 settembre 1946 a Zurigo, sempre in Svizzera, Winston Churchill alla fine di un suo discorso all’Universita’ dichiarava “Let Europe arise”.
Se poi ci riferissimo a tempi piu’ recenti e cioe’ al 1995, la volonta’ di non proseguire verso gli Stati Uniti d’Europa viene enfatizzata da Margaret Thatcher che proponeva gia’ l’uscita del Regno Unito dalla Comunita’ Europea (CE), era contraria alla costituzione di una moneta unica europea e auspicava la creazione del “North Atlantic Free Trade Area”.

Leggi tutto...

Log in to comment

Brexit: la disgregazione dell’Unione Europea o del Regno Unito?

"Riceviamo da un nostro fondatore Franco Oriti, un articolo in esclusiva per RecSando, la rete civica del Sud Est Milano, con un' immagine da lui realizzata che ci cede in gentile concessione gratutita.
E' con immenso piacere che pubblichiamo questa interessante analisi dal titolo " Brexit: la disgregazione dell’Unione Europea o del Regno Unito?"





Brexit: la disgregazione dell’Unione Europea o del Regno Unito?
Franco Oriti
Parte I
Giovedì 12 dicembre 2019 il Regno Unito ha ri-votato, volente o nolente, su Brexit anche se si trattava di elezioni politiche ma che in effetti metteva i Leavers in contrapposizione ai Remainers.
Tre anni fa al primo referendum su Brexit, e dopo l’assassinio di Jo Cox avvenuto qualche giorno prima, i britannici di misura si esprimevano a favore dell’uscita del Regno Unito (Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord) dall’Unione Europea (UE).

Leggi tutto...

Log in to comment

Musei a tema, itinerari green, chiese, castelli e ville storiche, archeologia industriale ed eventi Turismo

Musei a tema, itinerari green, chiese, castelli e ville storiche, archeologia industriale ed eventi Turismo, ecco i 34 attrattori innovativi di Milano Monza Brianza Lodi
Proposte di valorizzazione: più percorsi e visite guidate (44%), maggiore comunicazione e segnaletica (23,5%), fare rete sia in Italia che all’estero e realizzare più eventi (11,8%)
 
Dal museo degli scooter alla strumentoteca musicale, dalle centrali idroelettriche in stile liberty al castello trecentesco, dal museo di arte moderna “en plein air” al parco presepe, fino al patrimonio faunistico della confluenza tra Po e Adda o al festival musicale ospitato in un’antica chiesetta in stile gotico lombardo.

Sono solo alcuni dei 34 attrattori turistici innovativi individuati sui territori di Milano, Monza Brianza e Lodi https://www.milomb.camcom.it/cultura-attrattori-innovativi. È quanto emerge dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi sullo studio realizzato con Unioncamere Lombardia insieme a Uniontrasporti, attraverso la collaborazione tra il network Fare Cultura e la LIUC Business School. Lo studio ha analizzato alcuni attrattori turistici innovativi individuati sui territori di Milano, Monza Brianza e Lodi con potenzialità di sviluppo e proposte di valorizzazione.

Si tratta soprattutto di: musei a tema, itinerari culturali o paesaggistici (nel 60% dei casi) ma anche antiche chiese ed edifici religiosi, eventi e feste (24%), castelli o ville storiche (18%). Un patrimonio che affonda le sue radici soprattutto nella storia e nell’arte (64% dei casi) ma intende valorizzare anche le tradizioni, l’archeologia industriale e gli eventi locali (24%) o l’attenzione all’ambiente (12%). In particolare, gli attrattori turistici di Milano si concentrano nell’ambito dell’arte e dell’industria, quelli di Monza Brianza nella storia, quelli di Lodi nell’ambiente e nelle tradizioni. Tante le curiosità e le leggende da scoprire: come quelle legate alla presenza del frate irlandese San Colombano e alla diffusione della coltivazione della vite sulle colline vicine a Milano, alle falangi dei Magi conservate in Brianza o al viaggio del vescovo di Canterbury Sigerico che nel 990 attraversò il Po in un punto del Basso Lodigiano lungo la via Francigena dove ancora oggi esiste un traghetto per i pellegrini diretti a Roma.
Tra le proposte per valorizzare questi attrattori turisticici sono soprattutto il potenziamento degli itinerari culturali e paesaggistici e delle visite guidate (44%), una maggiore comunicazione con iniziative di divulgazione e promozione sia online che “fisica” attraverso la segnaletica lungo i percorsi (23,5%), la creazione o l’inserimento in una rete già esistente di musei o iniziative simili a livello nazionale e internazionale e la realizzazione di più eventi aperti al pubblico (11,8% entrambi).
 
Ha dichiarato Valeria Gerli, membro di giunta della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi: “Bisogna puntare sulla qualità, sulla diversificazione dell’offerta, non solo commerciale, mettendo in evidenza il patrimonio che noi abbiamo in maniera permanente: musei e siti archeologici, artigiani e ristoratori di qualità. Occorre orientare e indirizzare i visitatori alla scoperta di tutte le proposte, anche quelle minori e di nicchia. Questo significa valorizzare il territorio, con i suoi siti pubblici e tutte le attività che vi vengo svolte da professionisti e imprese private. Lanciamo un monito: vanno bene i numeri dei visitatori italiani e stranieri in forte crescita, ma non bisogna perdere di vista la qualità e l'etica: la visita, il viaggio devono essere occasioni di crescita, educazione, acculturazione, conoscenza dell'altro”.
 

Lo studio rientra in un progetto più ampio sul turismo in Lombardiache presenta due nuovi strumenti di analisi in fase di sperimentazione nelle province lombarde aderenti: “Piattaforma Big Data” (una base dati integrata che combina le fonti tradizionali di informazioni sul turismo con fonti web utilizzando le metodologie di rilevazione di Big Data) e “Mappa delle opportunità” (ottenuta sulla base di 89 attrattori turistico-culturali scelti per la sperimentazione che consentirà a regime di disporre di una piattaforma utile per impostare le strategie di promozione del turismo lombardo). Il progetto è di Unioncamere Lombardia in collaborazione con Unioncamere italiana, Uniontrasporti e sistema camerale lombardo. I territori provinciali coinvolti dalle Camere di Commercio che hanno aderito sono 9: Bergamo, Como, Cremona, Lecco, Milano, Monza e Brianza, Lodi, Pavia e Varese.


Log in to comment

L’ARTE CONTRO LA VIOLENZA - Panchina Itinerante

L’ARTE CONTRO LA VIOLENZA - Panchina Itinerante 1/2
SFOGLIA L'ALBUM FOTOGRAFICO


“Basta la presenza per testimoniare la solidarietà contro tutti gli abusi”. E cosi è stato. Domenica 08 dicembre in Piazza Duomo/Milano l’artista Alberto Mesiano in collaborazione con i fotografi Luigi Sarzi Amedè, Lidia Puteanu e Stefano Minoia, erano li al centro della piazza, per immortalare le persone che mettevano la faccia per questa nobile causa, sono testimonianze di solidarietà contro tutti gli abusi. Un modo per dare sostegno ed essere vicini alle vittime.

Leggi tutto...

Log in to comment

Cortina verso le Olimpiadi 2026

Cortina verso le Olimpiadi 2026


Cortina D’Ampezzo si appresta a percorrere la strada verso le Olimpiadi 2026 e lo fa a Milano nel corso di un incontro pubblico in regione Lombardia. "Il sogno olimpico è dentro ciascuno di noi e per chi abita in montagna è strettamente legato alla neve e al ghiaccio, con cui conviviamo per buona parte dell'anno - ha dichiarato il Sindaco di Cortina d'Ampezzo Gianpietro Ghedina, nel corso della sessione "Perspectives interview" all'Auditorium Giorgio Gaber della Regione Lombardia -. A giugno questo sogno è divenuto realtà e da allora si sono susseguiti momenti indimenticabili, sempre frutto di un grande lavoro da parte di una squadra molto affiatata". Ieri la firma che ha sancito la nascita della Fondazione Milano Cortina 2026, il 16 dicembre la consegna del Collare d'Oro, massimo riconoscimento del CONI: “è un onore – ha ribadito il sindaco di Cortina - che condivido con tutti coloro che hanno creduto in Milano Cortina 2026 e che hanno contribuito a riportare le Olimpiadi a Cortina a 70 anni dai Giochi invernali del 1956".

Leggi tutto...

Log in to comment

Adamello: 2 Regioni 4 SKI AREE 100 Km di Piste

ADAMELLO: 2 REGIONI 4 SKI AREE 100 KM DI PISTE

A cavallo tra Lombardia e Trentino, il comprensorio Pontedilegno-Tonale è facilmente raggiungibile da molti grandi centri urbani. Un fattore che lo rende meta ideale per settimane bianche e blitz giornalieri.
Molte novità migliorano il divertimento di chi scia. La prima ad aprire e l’ultima a chiudere: chi già conosce il comprensorio Pontedilegno-Tonale, a cavallo tra la lombarda Valle Camonica e la trentina Val di Sole, è ormai consapevole di questa peculiarità che lo rende appetibile per molte tipologie di sciatori. Un vantaggio non da poco, garantito dal fatto che le piste da sci toccano altitudini impor-tanti: il punto più alto si colloca a 3.000 metri dove, sulla sommità del ghiacciaio Presena, c’è il Rifugio Panorama Glacier. Da lì, si può scendere verso valle, godendosi la pista che è un vero fiore all’occhiello della stazione: la famosa pista nera “Paradiso” (pendenza massima: 45%). Si arriva così fino al Passo Tonale e di lì, sempre sci ai piedi, si arriva a Ponte di Legno, una discesa non stop di 11 chilometri, una delle più lunghe d’Europa. Complessivamente un dedalo di piste che si snoda per 100 chilometri, fino ai 1.100 metri di Temù. Ma non è tutto: il Passo Tonale ospita anche uno snowpark e una pista da skicross tra le più lunghe delle Alpi, con oltre 1.000 metri di discesa da percorrere tutta d’un fiato tra salti, gobbe e paraboliche da brivido.

Leggi tutto...

Log in to comment