Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Covid e influenza. In attesa del vaccino contro Sars-CoV-2 è pronto il kit per fare la differenza fra Coronavirus e altri agenti infettanti.

Lo produce l’azienda milanese Clonit che lo metterà in circolazione a giorni. Basta un prelievo oro- faringeo e con un’unica provetta si svela l’identità dell’infezione. Ce ne parla il biologo milanese Carlo Roccio.
 

L’epidemia di Coronavirus ci ha ormai abituato a notizie sensazionali sulla salute, ma spesso molte di queste notizie riempiono le pagine dei giornali lasciando sconcerto nel lettore. Ultima notizia il vaccino contro il Coronavirus che un’azienda farmaceutica americana, collegata a una ditta tedesca, starebbe per immettere sul mercato. Ma come risponde la nostra Sanità a questa pandemia?  Ne parliamo con il dottor Carlo Roccio, una preziosa risorsa italiana, studioso di altre epidemie e riconosciuto a livello internazionale.  A lui, indiscusso esperto, rivolgiamo le domande che tutti ci poniamo cercando risposte attendibili. 


Domanda: Dott. Roccio cosa pensa del vaccino annunciato da Pfizer?  

Risposta: il vaccino annunciato da Pfizer è un’ottima notizia! e come tutti spero che superi tutti i tests che ancora mancano per poter essere distribuito e utilizzato nella popolazione. Certamente posso dire che il metodo utilizzato per la sua produzione contiene una innovazione molto interessante dal punto di vista scientifico. Si tratta infatti di un vaccino a “”RNA messaggero””. In parole povere Il vaccino contiene un segmento di acido nucleico del virus contenente le informazioni per la produzione della “Proteina Spike”. l’RNAm entrato nella cellula umana comincerà’ a produrre la proteina Spike che costituirà’ lo stimolo per il sistema immuno-competente a produrre gli anticorpi verso il virus. Spero che oltre ad essere una innovazione di grandissimo valore scientifico, possa davvero funzionare e proteggerci dalla pandemia.

Domanda - Personaggi in vista, come Trump, spesso utilizzano farmaci detti miracolosi.

Risposta - Le cure alle quali si è sottoposto Trump prevedono un farmaco di nome “ Regeneron” composto da Anticorpi Monoclonali verso il Virus Covid-19.  Questi sono anticorpi prodotti con metodi biotech verso i recettori cellulari che il virus usa per entrare nella cellula umana (ACE-2) e potersi così riprodurre ed espandersi nei tessuti, soprattutto quelli dall’apparato respiratorio. I virus infatti per riprodursi devono riuscire ad entrare nelle cellule.
Questo farmaco è in grado di “curare” i pazienti positivi con sintomi e mantiene una protezione per 8-12 settimane. Il farmaco è molto simile a quelli utilizzati nella cura dei tumori, i cosiddetti farmaci intelligenti a target molecolare, sono abbastanza costosi ma efficaci.
Domanda: La situazione negli ospedali è sempre più critica, è evidente e improcrastinabile che occorre riorganizzare la medicina territoriale. Se fosse chiamato, viste le sue competenze ed esperienze a impostare una riforma, cosa proporrebbe?

Risposta - E’questa una domandona e richiederebbe una risposta molto articolata che per brevità’ concentrerò’ solo focalizzando sulla situazione Lombarda. Per alcuni decenni passati la Regione Lombardia ha tralasciato la medicina territoriale e concentrato tutta la spesa sanitaria sulla medicina d’urgenza a livello Ospedaliero. La pandemia ha messo a nudo questa situazione di mancanza quasi assoluta di “filtro” tra i cittadini e il Pronto Soccorso dell’Ospedale. Si tratta di invertire la tendenza e, a mio parere, bisognerebbe “copiare” il sistema sanitario della Germania, dove il medico di medicina generale, dotato di presidi di prima urgenza sia diagnostici che terapeutici è in grado di Intercettare e filtrare le necessità’ dei pazienti inviando in Ospedale solo quelli di una certa gravità’.

Ma chi è il dottor Carlo Roccio? Novarese e co-fondatore del Laboratorio di analisi mediche Fleming, ceduto a Cerba Healtcare nel 2017. Chiamato nel 2019  a Roma a far parte dello staff di esperti del Ministro della Salute Roberto Speranza, si è dimesso il 31 marzo scorso, per non incorrere in un conflitto di interessi, essendo presidente di Clonit, un’azienda italiana specializzata nella produzione di kit diagnostici in biologia molecolare (la prima al mondo a produrre il test per Ebola) che ora produce il kit Diagnostico Quanty COVID-19 marcato CE-IVD contenente i reagenti che ricercano sul tampone l’RNA del Virus. Questo test e’ , tra i pochi, in grado di quantizzare la carica virale presente nel tampone dando  una indicazione “ preziosa “ al medico curante. La carica virale elevata è un indice di contagiosità’ del paziente e costituisce la base di partenza per seguire il Paziente e verificare il decorso della malattia.

Nuova scoperta - E oggi Clonit ha un’altra novità, tutta italiana. Preoccupati per l’accavallarsi delle epidemie, fra Coronavirus e virus influenzali, Roccio ha realizzato un kit multiplex che è in grado di identificare e discriminare la presenza di virus influenza A, virus influenza B e Sars-CoV-2. Così da permettere un corretto approccio al paziente, individuando che è influenzato e chi è colpito dal Coronavirus. Presto il kit sarà a disposizione degli operatori sanitari e istituzioni che ne faranno richiesta.

“Siamo orgogliosi di annunciare il lancio del kit FluA/FluB/SarsCov2: una soluzione italiana per opporci all'epidemia globale di COVID-19! La valutazione delle prestazioni è stata condotta in collaborazione con l'Università degli Studi di Milano - Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute - Laboratorio di Riferimento per la Sorveglianza delle Infezioni Respiratorie. FluA/FluB/SarsCov2 consente il rilevamento e l'identificazione multiplex dell'influenza A, dell'influenza B e dell'RNA Sars Cov 2 secondo le indicazioni del CDC. Lo sviluppo del prodotto è stato effettuato da Clonit R&D Team, il cui duro lavoro ha reso disponibile un kit di grande valore clinico in così poco tempo” commenta Carlo Roccio, Presidente CdA Clonit.

Edoardo Stucchi


 


Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint  La mappa interattiva dei #BikePoint presenti sul territorio, viene costantemente aggiornata [visita la #MapHub] Diventa #BikePoint, compila il modulo di adesione
SCONTI E VANTAGGI AI SOCI DI RECSANDO / BICIPOLITANA NETWORK - DIVENTA SOCIO

 

 
 
Log in to comment

Redazione RecSando

Dall’11 Ottobre 2019 – L’associazione N>O>I Network >Organizzazione >Innovazione è il nuovo editore del giornale online iscritto presso il Tribunale di Milano n. 146 del 16.04.2014
Tutti i dipartimenti di N>O>I hanno una loro Redazione indipendente al fine di garantire in base alle loro specifiche competenze il coordinamento delle informazioni, la promozione di ricerche e approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Dipartimento REDAZIONE RECSANDO
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi