Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Il museo del presepe di Dalmine


Se non volete fare molta strada e vi piacciono i presepi, basta andare a Dalmine, in provincia di Bergamo dove esiste un museo riconosciuto a livello internazionale completamente dedicato alla natività. Si tratta del  Museo del Presepio, fondato nel 1974 da Don Giacomo Piazzoli, appassionato collezionista e presepista. La collezione comprende quasi mille opere, alcune addirittura che risalgono al Settecento.

Questo Museo  è una realtà unica in Italia. Vi si trovano conservati ed esposti splendidi esemplari del Settecento, Ottocento e primi del Novecento a testimonianza dell’enorme varietà di stili, materiali e tipologia di composizione delle varie Scuole Italiane. Si ammira inoltre una riproduzione della Bottega del Guelfo, che nella zona delle Cinque Vie, fino agli anni 50 ha realizzato ricercate statue per il presepe.
Il presepe è una tradizione che coinvolge tutti i paesi cristiani del mondo, e ognuno ha un suo modo di celebrare e raffigurare la nascita di Cristo. Ogni popolo fa il presepe a modo proprio, con la fantasia della propria terra secondo lo spirito della fede. Ve ne renderete conto ammirando i presepi esposti al Museo di Dalmine provenienti da ogni parte del mondo: Cina, Africa sud sahariana, Palestina, Tanzania, Brasile…
La sala principale del museo -Nella sala principale potete ammirare splendidi esemplari Napoletani settecenteschi, secolo d’oro del presepio artistico. Il più imponente è una realizzazione del presepista Antonio Greco, un vero e proprio gioiello napoletano di oltre 8 metri e mezzo di lunghezza per 2 metri di profondità con più di 100 statue a comporre tre grandi scene: la preparazione alla Messa di Natale, la Natività e Scene di vita quotidiana napoletana che racconta la vita nel  Settecento, i personaggi e le professioni tipiche del tempo.
Un posto di rilievo nella collezione è occupato dal presepio bergamasco: al Museo del presepio è possibile ammirare la ricostruzione di una bottega per la realizzazione di figure in gesso realmente esistita a Bergamo alla fine dell’Ottocento. Si trovava nella zona delle Cinque Vie, in Piazza Pontida e si dice che nei momenti di massima attività di lavoravano addirittura 42 persone. Questa bottega chiuse negli anni 50 con l’arrivo della plastica e delle statuine in serie.
Accanto agli esemplari antichi troviamo, al piano inferiore, opere d’arte presepiale contemporanea a testimonianza della diffusione, ancora attuale, di quest’arte antica. Tra le scuole di presepistica di oggi, molto ben rappresentate sono quella siciliana, pugliese, sarda, ligure e trentina. Tra le scuole europee si possono ammirare i meravigliosi presepi dei paesi di matrice cattolica come la Spagna .
Nei mesi di dicembre e gennaio il Museo del Presepio di Dalmine intensifica gli orari di apertura:
  • da lunedì a sabato ore 14.00/18.00

  • domenica ore 9.00/12.00 e 14.00/19.00

E' possibile effettuare visite in orari diversi, previa prenotazione telefonica al numero 035/563383 oppure scrivendo a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 Prezzo d'ingresso: adulti € 3,50 - ragazzi dai 6 ai 12 anni € 2,50
Gratuito: bambini sotto i 6 anni, persone diversamente abili, religiosi, accompagnatori dei gruppi.

Edoardo Stucchi


Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint  La mappa interattiva dei #BikePoint presenti sul territorio, viene costantemente aggiornata [visita la #MapHub] Diventa #BikePoint, compila il modulo di adesione
SCONTI E VANTAGGI AI SOCI DI RECSANDO / BICIPOLITANA NETWORK - DIVENTA SOCIO

 

 
 
Log in to comment

Redazione RecSando

Da Aprile 2014 – La rete Civica - Recsando è  il giornale online dei cittadini del Sud Milano con iscrizione  presso il Trib. di Milano n.146 del 16/04/14.
La redazione di Recsando lavora per garantire il coordinamento delle informazioni, promuove  ricerche  e  approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi