Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

L’ex segretario di Stato Usa Hillary Rodham Clinton  rivendica la creazione della guerriglia islamista, in funzione anti Assad.
Poi accusa Obama di averne perso il controllo a causa della sua posizione attendista.
«Avrebbe dovuto fare come Netanyahu, affondando il colpo».

Ho visto cosa è successo a Parigi e mi sono chiesto cosa ha originato tutto questo?
Per arrivare alle origini di questo terrorismo (ISIS) bisogna andare indietro, molto indietro, addirittura a quelli che oggi sembrano i loro più grandi nemici, ossia gli Americani: vi sembrerà impensabile eppure sono stati proprio gli Stati Uniti ad addestrare ed armare i principali componenti di quello che oggi è, o quantomeno si dichiara essere, lo Stato Islamico; è stata proprio Hillary Clinton a dichiarare: “Erano i nostri ma ci sono sfuggiti di mano”.
Inoltre va detto che le armi di queste associazioni devono pur essere comprate e quindi c’è qualcuno che le vende, “Chi è quel pazzo che vende armi ai terroristi?”.

Beh, vi sarà triste apprendere che è anche l’Italia a fornire un terzo delle armi all’Arabia Saudita che poi le passa a sua volta all’Isis.
Ma allora perché gli Italiani vendono armi a terroristi se sanno che queste armi saranno usate unicamente per uccidere persone e per fare soltanto del male? Questo è probabilmente un giro di soldi, difatti l’Italia produce una grande quantità di armi e basa la propria economia su questo.
Tutto questo per dirvi che non bisogna subito giudicare tutti gli Islamici come cattivi e noi occidentali come buoni perché anche noi italiani abbiamo le mani sporche di sangue e che anche molti occidentali sono colpevoli di questi massacri.

Giovanni Luilli


 

in questo numero di dicembre leggi anche:
Autolesionismo
In nome di Dio o del Denaro ?
Brachiobarze

Log in to comment

Redazione RecSando

Dall’11 Ottobre 2019 – L’associazione N>O>I Network >Organizzazione >Innovazione è il nuovo editore del giornale online iscritto presso il Tribunale di Milano n. 146 del 16.04.2014
Tutti i dipartimenti di N>O>I hanno una loro Redazione indipendente al fine di garantire in base alle loro specifiche competenze il coordinamento delle informazioni, la promozione di ricerche e approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Dipartimento REDAZIONE RECSANDO
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi