Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Giro Italia 2019, dal nostro inviato Paolo Biggini

Giro d'Italia 2019



Un’indimenticabile edizione del Giro d’Italia si è appena conclusa. Giunto alla sua centoduesima edizione, il Giro può essere raccontato anche in numeri:

  • 1 – i Giri vinti dall’Ecuador
  • 3 – il numero di dorsale del vincitore, Richard Carapaz
  • 39,291 – la media oraria finale
  • 59 – le aziende che a vario titolo (maglie, classifiche, carovana pubblicitaria, villaggi di partenza e arrivo) hanno sponsorizzato il Giro d’Italia
  • 142 – gli atleti che hanno portato a termine il Giro d’Italia
  • 147 – le soste che la variopinta Carovana Pubblicitaria ha fatto durante la Corsa Rosa
  • 198 – i paesi collegati nel mondo che hanno trasmesso la corsa in diretta
  • 533 – i ciclisti partecipanti al GIRO E, la corsa con bici a pedalata assistita che si è svolta sui percorsi del Giro d’Italia dei professionisti
  • 1.500 – gli articoli usciti in Ecuador, su carta stampata e web, nell’ultima settimana del Giro
  • 1.735 – i media accreditati di testate internazionali, nazionali e locali
  • 3.537,6 – i chilometri percorsi in questa edizione
  • 9.775 – gli spettatori che hanno gremito l’Arena di Verona nel gran finale del Giro (capienza massima)
  • 50.000 – i bambini coinvolti nel progetto didattico BICISCUOLA
  • 73.078,68 – i chilogrammi di rifiuti raccolti durante il Giro, poi riciclati, attraverso il progetto Ride Green
  • 2.800.000 – la social community della Corsa Rosa
  • 3.700.000 – il picco di ascolto sulla tv nazionale RAI nel finale della 20esima tappa
  • 80.000.000 – le pagine viste su giroditalia.it
Giro d'Italia 2019


Paolo Biggini della Redazione RecSando ha scattato per noi oltre 100 foto. "Gustatevi le emozioni nella nostra Galleria Fotografica su Flickr


SLIDESHOW



Giro d'Italia 2019
Log in to comment

Tutti pazzi per Leonardo da Vinci (anzi, da Milano)

Una fine di Maggio all'insegna di… Leonardo da Vinci e non avrebbe potuto essere diversamente, nell'ambito di Leonardo 500:
vi aspettiamo a Lentate sul Seveso, a Vimercate – dove andremo
anche sulle tracce di "quel balòss" del Salaì da Oreno –
e a Imbersago – dove è possibile attraversare il fiume Adda
su un particolare tipo di traghetto a mano che prende il nome
dal suo presunto inventore, Leonardo per l'appunto.
 
Con Visite Guidate per Tutti andremo invece alla riscoperta di
uno straordinario museo "a cielo aperto": il Cimitero Monumentale,
che, con le sue architetture e i suoi monumenti, ci racconta la storia
della città di Milano e di innumerevoli personaggi illustridal 1866
ai giorni nostri.  
 
 
Con preghiera di diffusione
Traghetto-di-Leonardo-Imbersago
 
Leonardo-e-Milano-Nadia-Gobbi
Venerdì 24 Maggio
ore 21,00

Villa Mirabello
Via Alessandro Manzoni, 56Frazione Birago
20823 Lentate sul Seveso (MB)


Per il 3° appuntamento del ciclo
"Arte e Storia in Villa"
organizzato dall'Associazione
Amici dell'Arte
 
saremo ospiti di una delle splendide ville che punteggiano il territorio di Lentate, voluta,
a metà Settecento, da Gabriele Verri, padre di Pietro e Alessandro, i fondatori del periodico milanese "Il Caffè".
 
 

Nadia Gobbi
presenta il suo libro
Leonardo e Milano


Un’affascinante e suggestiva “visita guidata virtuale”
per rievocare la vivacità culturale di Milano e della Lombardia ai tempi di Leonardo da Vinci
e analizzare i rapporti che il Maestro intrattenne con la corte sforzesca e gli artisti suoi contemporanei.

Con proiezione di immagini
e reading di passi del romanzo Leonardo alla corte del Moro
di Dino Bonardi
e del volume
AA.VV., Il genio di Leonardo raccontato anche in milanese
 
Ingresso libero fino a esaurimento posti
 
 
Leonardo-e-Milano-Nadia-Gobbi
Domenica 26 Maggio
ore 17,00

Libreria il Gabbiano
di Vimercate
Piazza Giovanni Paolo II, 1 
(Via Pinamonte)
20871 Vimercate (MB)
tel. 039 60 80 807
 


Nadia Gobbi
presenta il suo libro
Leonardo e Milano


Leonardo da Vinci, anzi da Milano.Sulle tracce del grande genio del Rinascimento, che presso il Ducato di Milano, dapprima ospite di Ludovico il Moro e poi dei Francesi, soggiornò una ventina di anni, entrando inevitabilmente in contatto con i numerosi artisti – non solo lombardi – presenti a corte e "tenendo a bottega" alcuni giovani pittori, fra cui Gian Giacomo Caprotti, detto il Salaì (quello riprodotto qui a lato è un suo probabile ritratto), originario di Oreno di Vimercate.

Con proiezione di immagini
e reading, anche in milanese
 
Ingresso libero fino a esaurimento posti
 
 
Navigli-del-Milanese-ieri-e-oggi-Edo-Bricchetti
Mercoledì 29 Maggio
ore 20,45

Mediateca
del Comune di Imbersago
Via C.B. Cavour, 6
23898 Imbersago (LC)
 


Nell'ambito delle iniziative del
"Maggio imbersaghese"
in collaborazione con Ass.
Guarda, c'è un libro nell'albero!
 
 
Leonardo,
i Navigli,
i paesaggi culturali dell’acqua

Conferenza del prof.
Edo Bricchetti
autore del volume
Navigli del Milanese ieri e oggi
 
 

«Acqua è infra i quattro elementi il secondo men greve e di seconda volubilità»: così Leonardo da Vinci descriveva la potenza dell’acqua di fronte alla quale «non vale alcuno umano riparo d’umano consiglio».
Eppure l’uomo ha saputo imbrigliare i corsi d’acqua naturali e convogliarli in canali artificiali a uso e profitto dell’irrigazione, del trasporto, della produzione di energia. Oggi, noi tutti ammiriamo la superba distribuzione delle acque attorno a Milano. Questo patrimonio idraulico, sociale e ambientale va restituito alla comunità perché lo ri-conosca e lo apprezzi compiutamente.

Con proiezione di immagini
 
Ingresso libero fino a esaurimento posti
 
 
Vite-milanesi-Monumentale
VISITE GUIDATE PER TUTTI
alla riscoperta di Milano
Tour + Libro in omaggio
 

Sabato 25 Maggio
ore 15,30
 
 
 
Il Cimitero Monumentale:
le famiglie che resero grande Milano
 
 
Vero e proprio museo a cielo aperto, il Monumentale permette di riscoprire la storia di Milano 
dal 1866 ai giorni nostri: tanti gli artisti che si fecero conoscere grazie alle loro opere funerarie per committenti importanti; molte le famiglie e i personaggi 
che fecero la storia di Milano e numerosissimi gli esempi di scultura e decorazioni che rendono questo luogo particolarmente suggestivo e punto d’incontro tra la città attuale e quella del passato.
 
 

– PUNTO DI RITROVO:
 
Piazzale Cimitero Monumentale davanti al cancello di ingresso
 
 
– DURATA:
90 minuti circa

Si consiglia di arrivare
15 min prima
 
 
– COSTO
(visita guidata + microfonaggio
+ libro in omaggio):
euro 14,00
 
 
– LIBRO IN OMAGGIO:
Franco Manzoni,
Vite milanesi
Una Spoon River meneghina
(160pagine)
 Eventuale libro sostitutivo
per prenotazioni di 2 persone
 
 

 
INFO e PRENOTAZIONI
rispondendo alla presente mail
oppure SMS/WhatsApp
al numero 333 63 77 831
 
 
 Scoprite i libri di Meravigli edizioni
in tutte le migliori librerie
e presso
Libreria Milanese il Domani
via Carducci ang. piazzale Cadorna
tel. 02 86 45 29 87
Il-genio-di-Leonardo-raccontato-anche-in-milanese
Leonardo-alla-corte-del-Moro
Libri-Gift-Leonardo
Milano-69-luoghi-da-scoprire
Gerundo-il-grande-lago-scomparso
Ricordiamo che sul sito del Premio letterario Lago Gerundo è disponibile il bando dell'edizione 2019 (le candidature devono pervenire entro il 31 Maggio). In particolare, segnaliamo la Sezione G: "Storia, narrativa e tradizioni popolari di Milano e Lombardia", per la quale si concorre con testi inediti di narrativa e saggistica.
 
 
Sul nostro sito, nella sezione "In evidenza", si può consultare il calendario sempre aggiornato delle iniziative (incontri con gli autori e visite guidate).
 
È possibile seguirci anche sulla nostra pagina Facebook.
 
 
Rimaniamo a disposizione per tutte le eventuali ulteriori precisazioni.



Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint  La mappa interattiva dei #BikePoint presenti sul territorio, viene costantemente aggiornata [visita la #MapHub] Diventa #BikePoint, compila il modulo di adesione
SCONTI E VANTAGGI AI SOCI DI RECSANDO / BICIPOLITANA NETWORK - DIVENTA SOCIO

 

 
 
Log in to comment

SETTIMANA MONDIALE DELLA TIROIDE 20-26 MAGGIO 2019

10 cose che fanno bene alla tiroide




Tutte le immagini sono di Elisa Pacitti

Un “decalogo tiroide” che riassume le 10 cose da conoscere per prevenire e mantenere in salute questa preziosa ghiandola. “Ancora oggi, spiega Paolo Vitti, presidente SIE – Società Italiana di Endocrinologia e coordinatore scientifico della Settimana Mondiale della Tiroide, c’è chi pensa che basta una vacanza al mare per poter sospendere l’assunzione del farmaco per l’ipotiroidismo, oppure che la fonte di iodio sia l’aria che si respira in prossimità delle coste marine mentre lo iodio, così utile per il funzionamento della tiroide, si mangia e non si respira. Ci auguriamo, anche con la forza e l’ironia di queste immagini, di aiutare a fare chiarezza”, conclude l’endocrinologo.


Il sale iodato è amico della tiroide!
Lo iodio rappresenta il principale costituente degli ormoni prodotti dalla tiroide e la principale fonte di iodio è l’alimentazione che però, spesso, non riesce ad apportare una sufficiente quantità di questo elemento in aree di carenza iodica. Per questo motivo è necessario provvedere ad una integrazione mediante il consumo di sale iodato in modiche quantità per evitare ricadute sulla pressione arteriosa.


Esistono diversi esami medici in grado di diagnosticare le patologie della tiroide.
Se sospetti di soffrire di disturbi alla tiroide, la prima cosa da fare è rivolgerti al tuo medico per una valutazione del quadro generale e, dopo gli opportuni accertamenti, fornirti una cura. È importante descrivere nel dettaglio tutti i tuoi sintomi in modo che il medico possa formulare una diagnosi il più possibile precisa.


Le malattie della tiroide nei bambini possono svilupparsi prima o dopo la nascita, alcune richiedono un trattamento permanente mentre altre no.
Anche se spesso nei bambini sintomi come rallentamento della crescita staturale, stanchezza, sonnolenza e disturbi dell’umore, sono attributi alla giovane età e alla crescita., rappresentano in realtà anche i segni delle più comuni malattie della tiroide. È perciò importante che un genitore rimanga sempre in ascolto e non sottovaluti i segnali.

Tiroide: il giusto ritmo alla tua vita
L’ormone tiroideo è essenziale per la vita di ognuno di noi poiché regola importanti processi come la regolazione del metabolismo, il battito cardiaco, il funzionamento intestinale, l’appetito, l’umore e molti altri. Per questo possiamo affermare che gli ormoni tiroidei modulano attività multiple e coordinate e permettono di mantenere le normali funzioni fisiologiche dell’intero organismo. Sono vere e proprie fonti di energia che, se ben funzionanti, danno ritmo e vitalità al nostro corpo.

Stanchezza eccessiva? Potrebbe essere colpa della tiroide!
Questo sintomo potrebbe rappresentare un campanello di allarme riconducibile sia ad una produzione eccessiva di ormoni tiroidei (ipertiroidismo) sia ad una funzionalità ridotta di questi ultimi (ipotiroidismo). La tiroide guida la produzione di ormoni di tutto il corpo e perciò influenza tutte le funzioni dell’organismo stesso. In caso di mal funzionamento della tiroide è comune che possa insorgere un generale rallentamento o una riduzione delle funzioni corporee. Uno tra i sintomi più comuni provocati dalle diverse disfunzioni tiroidee è la stanchezza cronica.

LO IODIO SI MANGIA
Per poter funzionare correttamente, la tiroide necessita di un adeguato apporto nutrizionale giornaliero di iodio pari a 150 ug. Gli alimenti più ricchi di iodio sono i pesci ed i crostacei, le uova, il latte e la carne. Quantità minori sono contenute nella frutta e nella verdura.


Fino a metà del 20° secolo l’ipotiroidismo era considerata una patologia incurabile, non veniva trattato ed era causa di morte. È importante che la tiroide ed i problemi ad essa correlati siano adeguatamente conosciuti dato che, secondo recenti stime, nel nostro paese le malattie tiroidee sono frequenti tra la popolazione (più di 6 milioni di cittadini ne sono affetti).
Questa condizione riguarda soprattutto le donne che, in età adulta, hanno il 20 per cento di possibilità in più di sviluppare problemi alla tiroide rispetto agli uomini.


È sempre importante monitorare l’attività della tiroide, a maggior ragione in gravidanza!
Soprattutto durante la vita fetale e neonatale, la carenza di ormone tiroideo può portare a gravi conseguenze sullo sviluppo intellettivo, provocando problemi come ritardo mentale, sordomutismo e paralisi spastica. Per tale ragione, il fabbisogno di iodio è particolarmente elevato nelle donne in dolce attesa e nei bambini.

Anche se nessuno ci pensa, c’è uno stretto collegamento tra ormone tiroideo e tono dell’umore.
Sia per quanto riguarda l’iper che l’ipotiroidismo è stato osservato che, in molti pazienti, sono presenti modificazioni comportamentali e del tono dell’umore. La corretta assunzione di specifici farmaci generalmente comporta la regressione della sintomatologia da carenza o eccesso ormonale comprese quelle sul tono dell’umore.


La fonte principale di iodio per l’organismo umano è rappresentata dagli alimenti.
Secondo specifici studi è stato dimostrato però che la quantità media di iodio assunta normalmente con la dieta è insufficiente a soddisfare il fabbisogno giornaliero. Una delle conseguenze più frequenti delle disfunzioni tiroidee è la comparsa del gozzo che si può però cercare di combattere con l’assunzione di alimenti come il pesce, il latte e i formaggi e con l’uso di sale arricchito di iodio.







In occasione della Settimana Mondiale della Tiroide, saranno organizzate diverse iniziative e incontri informativi sulle patologie tiroidee; per informazioni è possibile consultare il sito www.settimanamondialedellatiroide.it e la pagina Facebook dedicata “Settimana Mondiale della Tiroide”.

 


Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint  La mappa interattiva dei #BikePoint presenti sul territorio, viene costantemente aggiornata [visita la #MapHub] Diventa #BikePoint, compila il modulo di adesione
SCONTI E VANTAGGI AI SOCI DI RECSANDO / BICIPOLITANA NETWORK - DIVENTA SOCIO

 

 
 
Log in to comment

Lo spettacolare Mulino Valsecchi del 1369 è aperto il 18 e 19 Maggio 2019

A MENO DI UN’ORA DA MILANO

LO SPETTACOLARE MULINO VALSECCHI COSTRUITO NEL 1369

APERTO PER LE GIORNATE EUROPEE DEI MULINI

18 E 19 MAGGIO DALLE 9 ALLE 20

ASSO VALASSINA (COMO)

Lo spettacolare Mulino valsecchi del 1369

In occasione delle “Giornate Europee dei Mulini”, in programma nel weekend del 18 e 19 Maggio, sarà possibile visitare ad Asso in Valassina (Como) lo storico Mulino Valsecchi, affascinante costruzione risalente al lontano 1369. 

Un momento di grande importanza e interesse culturale, architettonico e turistico, che intende valorizzare siti spesso inesplorati in un contesto ambientale naturale intatto. 

Leggi tutto...

Log in to comment

Week-end di prevenzione gratuita per tutti

Week-end di prevenzione gratuita per tutti
Due giorni di esami e consulenze gratuite, numerose specialità medico-sanitarie a disposizione delle persone nello spazio espositivo le Cavallerizze, al museo della scienza e tecnologia, in via Olona, 6 a Milano. Ma anche informazione e proposte educative per mamma e bambino al Village Kid.
 
Sabato 18 e domenica 19 maggio 2019 lo spazio espositivo delle Cavallerizze presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano si trasforma in un Medical Village, dove i professionisti dell’health care, fitness e alimentazione condurranno i visitatori a scoprire le novità per la cura e il benessere personale. Un evento gratuito che permetterà di interagire e confrontarsi con volti noti e professionisti della salute. Alcuni tra i partecipanti: Chef Rubio, Licia Colò, Luca Mercalli, lo Chef Simone Salvini, la Chef Giulia Giunta, Roberto Lestani, Presidente della FIPGC (Federazione Italiana Pasticceria, Gelateria, Cioccolateria), Giovanni Allegro, Chef dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano e i divulgatori scientifici della Fondazione Umberto Veronesi come la Dott.ssa Elena Dogliotti, biologa, nutrizionista, supervisore scientifico per Fondazione Umberto Veronesi.  L’ospedale di Niguarda sarà presente con esperti di diabetologia, neurologia e nefrologia con la Fondazione Buccianti-Aspremare.
Milano Taking Care favorisce la corretta informazione e attraverso il Medical Village avvicina le persone a temi e consulenze, che spesso sono affrontati nei luoghi della salute e del benessere come farmacie, ospedali, palestre e studi privati. Crea uno spazio di incontro, divertimento e sperimentazione, un format ad oggi unico nel suo genere. Tutti potranno accedere gratuitamente agli stand del Medical Village, godere di visite, consulenze e screening con personale medico-sanitario professionista, in modo diretto, senza lunghi tempi di attesa e con la possibilità di raccogliere consigli su come migliorare il proprio stile di vita. Ad accesso libero anche il Food Village e il Fitness Village, dove seguire gratuitamente show cooking e lezioni sportive con esperti di settore.
Alcuni dei consulti disponibili: visita preventiva odontoiatrica, misurazione della glicemia mirata alla ricerca precoce del diabete, consulenze per diversi regimi nutrizionali, spirometria con misurazione del monossido di carbonio nel respiro e monitoraggio cardiaco.
Verranno svelate nel Talk Village le grandi innovazioni per la salute e sarà possibile interagire con l’avatar Mario presentato in anteprima da DOC Generici, main partner dell’evento, che promuove l’importanza della prevenzione e del monitoraggio della propria salute con il supporto delle nuove tecnologie. Un’occasione unica per favorire la relazione tra medico e paziente, affinché le persone si affidino a figure professionali competenti.
L’evento sarà ad accesso gratuito, così come saranno ad accesso libero tutti gli incontri del programma (per alcuni dei quali occorre registrarsi su www.mtcsalute.it ) e tutte le consulenze medico-sanitare disponibili.
Tutti gli interessati potranno partecipare a Milano Taking Care sabato 18 e domenica 19 maggio 2019, dalle ore 10:30, alle Cavallerizze presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” in via Olona 6 a Milano.
Log in to comment

Clima caldo: occhio secco. Un mese per scoprirlo


 
Con il patrocinio del Ministero della Salute, della Regione Lombardia, del Comune di Milano e della Società Italiano di Oftalmologia (SOI), il Centro Italiano Occhio Secco (CIOS) promuove in collaborazione con la Clinica Oculistica dell’Università dell’Insubria di Varese il Mese della Prevenzione e Diagnosi della Sindrome dell’Occhio Secco. E’ una patologia che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito “tra i più sottovalutati disturbi della società moderna” e in Italia colpisce il 90% delle donne in menopausa e il 25% della popolazioneover 50. Tra le molte cause vi è il drastico cambiamento delle condizioni climatiche del globo. Le ondate di calore, la siccità ormai quasi perenne, la desertificazione di aree sempre più prossime alla città hanno causato, come dimostrano studi scientifici che vengono presentati in conferenza stampa, un aumento dell’incidenza della secchezza degli occhi e un peggioramento dei suoi sintomi.
Durante la Campagna diversi Centri di eccellenza universitari e ospedalieri su tutto il territorio saranno a disposizione per una visita gratuita e una serie di esami diagnostici effettuati da specialisti che consentono di rilevare anomalie nel sistema lacrimale e di fare eventualmente diagnosi adeguate. Lo screening verrà eseguito solo nei Centri aderenti all’iniziativa prenotandosi attraverso il sito www.centroitalianoocchiosecco.ita partire da oggi.
Tra le molteplici cause della patologia dell’occhio secco vi è il drastico cambiamento delle condizioni climatiche del globo, le ondate di calore, la siccità ormai quasi perenne, la desertificazione di aree sempre più prossime alla città. Durante la Campagna, Centri oculistici di eccellenza universitari e ospedalieri su tutto il territorio saranno a disposizione per una visita gratuita e una serie di esami diagnostici di specialisti che consentono di rilevare anomalie nel sistema lacrimale dell’esaminato e di fare eventualmente diagnosi di patologia. Lo screening sarà eseguito solo nei Centri aderenti all’iniziativa. La Campagna si propone di sensibilizzare la popolazione sul problema dell’occhio secco e stimolarla a farsi visitare, dopo lo screening, dai propri oculisti curanti. Sta per cominciare l’estate, una stagione che da alcuni anni proprio per il surriscaldamento della terra ha visto sconvolto il nostro sistema meteorologico che ha causato, come molteplici studi scientifici hanno certificato, un aumento rilevante nell’incidenza delle patologie oculistiche e un peggioramento dei molti sintomi della secchezza dell’occhio. Le visite si rivolgono a tutti quelli che sospettano una secchezza oculare e desiderano una visita di approfondimento.
Le visite si potranno fare presso le seguenti strutture:
Milano - CIOS Centro Italiano Occhio Secco – Piazza della Repubblica 21

Leggi tutto...

Log in to comment

Società & Ambiente - Il Podcast della serata di Presentazione

Società & Ambiente

Siamo stati invitati a partecipare alla serata di presentazione della lista civica Società & Ambiente e come di consueto abbiamo scelto di registrare un podcast di tutta la serata per consentire a tutti di poter ascoltare non solo per crearsi un'opinione, su chi eventualmente votare tra i candidati, ma per mettere  disposizione nel nostro archivio un documento  audio che può essere utilizzato nel corso del tempo.

Leggi tutto...

Log in to comment

Claudio Veneziano: Lettera aperta ai cittadini del Sud Est Milano


Arriva alla Redazione RecSando questa lettera aperta, rivolta a tutti i cittadini del Sud Est Milano, scritta dal Sindaco di Pantigliate, Claudio Veneziano. Lo ringraziamo, per aver scelto di utilizzare la Rete Civica di San Donato Milanese  e del Sud Est Milano per la diffusione di questo importante messaggio, rivolto a tutti.  (Fabrizio Cremonesi)





Carissimi amici  e cittadini del Sud Est Milano, sento il dovere di rispondere alle classiche bugie preelettorali. Un manifesto nelle edicole della zona che sponsorizza un giornale locale “Il CITTADINO”, addossa la responsabilità del ritardo del potenziamento della paullese al Comune di Pantigliate, che agirebbe da freno non avendo sottoscritto l’accordo sullo studio di fattibilità che dovrebbe esprimere la soluzione migliore per il trasporto pubblico sulla paullese.

Ricordo, che una mozione del Consiglio regionale del 1° luglio 2014 sanciva per l’asse paullese l’importanza di una mobilità pubblica su ferro.


È in questa direzione che il Consiglio comunale di Pantigliate, il 25 settembre 2018 deliberava all’unanimità una mozione del consigliere di maggioranza Antonio Malfettone, dove si chiedeva al Comune di Milano di rivedere i costi dello studio di fattibilità per stralciare le ipotesi di un trasporto pubblico su gomma.

Pantigliate ritiene che la metropolitana o qualcosa di simile su rotaia sia l’unica soluzione possibile per il trasporto pubblico locale, una soluzione che guarderebbe al futuro, ecologica e sostenibile.

Ci preoccupa il fatto che Città Metropolitana sia già orientata sul BRT, soluzione alternativa che non risolverebbe i problemi della paullese e non farebbe diminuire il numeroso ed enorme flusso automobilistico che da anni devasta questo territorio tra i più inquinati d’Europa.
Una soluzione che irrimediabilmente eroderebbe ulteriore suolo con la realizzazione di strade a corsia preferenziale.

Mi sorprende che qualcuno addossi responsabilità all’amministrazione di Pantigliate schierata fortemente in favore della metropolitana, scelta orientata in favore della salute di tutti i cittadini, che farebbe un passo avanti per migliorare la qualità dell’aria contro l’inquinamento atmosferico.

Pensiamo e speriamo che quanto letto e riportato dal cittadino, non sia frutto di campagna elettorale contro l’amministrazione di Pantigliate.
Pensiamo e speriamo che l’orientamento della politica sia dirottato in favore di tutti i cittadini dell’asse paullese, e non mirato a favorire scelte di partito pilotate da interessi privati.

Claudio Veneziano
Sindaco di Pantigliate
Log in to comment

Brexit: confusione e incertezze



"Riceviamo da uno dei fondatori di RecSando, Franco Oriti e volentieri pubblichiamo"

Il 23 giugno 2016 sara’ ricordata come una data storica per il Regno Unito, per l’Unione Europea (UE) e direi anche per il mondo intero, compresi gli abitanti del Sud Est Milano.
Quel giorno 51,9% dei britannici hanno votato a favore dell’uscita del Regno Unito dall’UE e, quindi, in favore della “Brexit”, anche se a vedere su youtube il monolgo di 15 minuti della giornalista Carole Cadwalladr si resta sbigottiti.
Da considerare anche che ha votato il 70% degli aventi diritto (percentuale alta rispetto alla loro media del 50% circa). Tra i giovani dai 18 ai 24 anni ha votato pero’ solo il 36% registrando una disaffezione dei giovani verso l’Europa o perlomeno un loro disinteresse alla politica in generale. Tra gli ultra 65enni ha votato l’80% segnando, a mio avviso, una diversita’ di opinione generazionale tra giovani e meno giovani.

Il 29 marzo 2017 il Regno Unito ha poi ufficialmente presentato la sua domanda in base all’articolo 50 del Trattato dell’Unione europeo di Lisbona per uscire due anni dopo, ossia il 29 marzo 2019, dall’UE.
Dal 2016 a oggi vi sono state trattative continue tra UE e UK per evitare una “hard brexit” o meglio una uscita senza accordo (no-deal) con conseguenze sconosciute ad ambo le parti (UE e UK) perche’ mai accaduto prima. Ancora oggi si sta trattando per una “soft brexit” per cercare di rendere indolore il distacco.
Ora attendiamo fiduciosi la prossima scadenza concordata del 31 ottobre 2019 con il dubbio, pero’, che questa data venga ancora superata con un nulla di fatto.

Nel frattempo, ci saranno le elezioni del Parlamento europeo, forse potrebbero esserci un secondo referendum britannico e, sicuramente elezioni politiche nazionali nei paesi singoli membri dell’UE che potrebbero innalzare la voglia di sovranismo, nazionalismo e localismo a discapito di riforme, unione e maggiore integrazione.

Siamo proprio certi che alcuni fenomeni (come migrazioni, terrorismo internazionale, cambiamenti climatici, sviluppo economico, ecc.) possano essere affrontati dai singoli paesi innalzando barriere e muri, dispiegando forze di polizia locali, innalzando dazi doganali, ecc.?
Eppure nonstante l’UK abbia in passato beneficiato di diverse clausole di “opting outs” all’interno dell’UE, ha, sia pure con una maggioranza risicata, deciso su una questione fondamentale vincolando anche le sue future generazioni.
L’UK sta pagando cara questa decisione di brexit (vedi, aziende che si trasferiscono, deprazzamento della sterlina del 15% circa, ecc.), e gia’ qualche giorno prima del referendum, il 16 giugno 2016 aveva registrato pure l’assassinio politico di Jo Cox, esponente di spicco a favore del remain.
Quanti britannici abbiano effettivamente capito a cosa si andava incontro votando SI per l’uscita dall’UE?

Come mai la patria di importanti personaggi britannici, come William Shakespere, nato nel 1564, sommo poeta e drammaturgo inglese, che poneva l’uomo e la sua intelligenza umana al centro e che si poneva domande sulla propria vita e sul proprio destino; di Philip Kerr, XI marchese di Lothian, detto Lord Lothian, nato nel 1882, che formulò un progetto per unire le colonie britanniche e di trasformarle in una federazione e autore del libro “Pacifism is not enough nor Patriotism either” (Londra, Oxford University Press, 1935) e, last but not least, di Winston Churchill, nato nel 1874, che nel 1925 plaudiva al Trattato di Locarno, dove il 1 dicembre i vari Capi di Stato e di Governo coniarono il motto “we met together, we spoke European” e che sanciva la riappacificazione tra Francia e Germania e il 19 settembre 1946 all’Universita’ di Zurigo affermava “esiste un rimedio che in pochi anni renderebbe tutta l’Europa libera e felice. Esso consiste nella ricostruzione della famiglia dei popoli europei, o in quanto più di essa riusciamo a ricostruire, e nel dotarla di una struttura che le permetta di vivere in pace, in sicurezza ed in libertà. Dobbiamo costruire una sorta di Stati Uniti d’Europa”, sia giunta a questa importante decisione di uscire, ipotecando le future generazioni inglesi ed europei e che oggi stia vivendo questo impasse e stato confusionale di instabilita’ politica che non ha precedenti nella storia inglese ne’ europea?
E’ vero, il Regno Unito e’ anche la patria di Margaret Thatcher, nata nel 1925, che e’ stata la piu’ scettica sull’UE ed euro e dove nel Galles il 53% ha votato per il “leave”.
Nel 2017 in un sondaggio il 45% della popolazione dell’Irlanda del Nord non si considerava ne’ leale alla Corona (i cosiddetti Unionisti) ne’ per una Irlanda unita (i cosiddetti Nazionalisti).    

Restano, quindi, ancora notevoli questioni irrisolti: per esempio, circa 6000 accordi da rinegoziare tra UK e UE, il trattamento giuridico della frontiera tra Irlanda del Nord e l’Irlanda (Eire), la questione irlandese dove nel 2016 il 56% aveva votato a favore del “remain”, la questione scozzese dove pure ha prevalso il “remain” con il 62% dei voti, la libera circolazione delle persone, servizi, merci e capitali, la gestione del futuro Spazio economico e dei dazi doganali tra i 27 paesi dell’UE e il Regno Unito (composta da Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord), il trattamento delle isole Jersey, Guernsey, Isola di Man e i vari territori d’oltremare e la partecipazione del Regno Unito alle elezioni del Parlamento europeo del 23-26 maggio 2019 con un nuovo partito “Brexit Party” di Nigel Farage appena costituito.
Cosa ci insegna gia’ oggi la Brexit? A mio parere, si comprende che in un mondo ormai interdipendente e globalizzato, le persone, merci, servizi e capitali risentirebbero di qualsiasi restrizione, limitazione e ostacolo alla loro libera circolazione. Certamente i popoli e i cittadini sono liberi di decidere il proprio futuro ma se il loro paese rinchiudendosi non dovesse essere poi autosufficiente almeno nei beni e servizi primari e essenziali e se i loro governi con la politica del “Take back control” e, aggiungo io, del “Us First” continueranno a trasmettere politiche decisionali di incertezze e di instabilità, credo che saranno inevitabili periodi di confusione e incertezze e l’economia in generale premierà i paesi più’ stabili e più sicuri.

Si dice (o perlomeno si diceva) che l’unione fa la forza e oggi, a mio avviso, i problemi continentali dell’Europa si possono affrontare se si resta uniti. Pare, invece, che oggi vada di moda essere alleati e uniti solo se si aizzano egoismi locali e nazionali e se si imputano colpe sempre agli altri su crisi economiche e incapacità politiche proprie.
Ora il Parlamento britannico dovrà decidere se restare europei o solamente britannici e la loro decisione riguardera’ inevitabilmente il futuro, anche gli abitanti del Sud Est Milano. Staremo a vedere!


Redazione RecSando - Franco Oriti
 

L’articolo 50 del Trattato dell’Unione europeo di Lisbona prevede:
“Clausola di recesso
L'articolo 50 del trattato sull'Unione europea prevede un meccanismo di recesso volontario e unilaterale di un paese dall'Unione europea (UE).
Il paese dell'UE che decide di recedere, deve notificare tale intenzione al Consiglio europeo, il quale presenta i suoi orientamenti per la conclusione di un accordo volto a definire le modalità del recesso di tale paese.
Tale accordo è concluso a nome dell'Unione europea (UE) dal Consiglio, che delibera a maggioranza qualificata previa approvazione del Parlamento europeo.
I trattati cessano di essere applicabili al paese interessato a decorrere dalla data di entrata in vigore dell'accordo di recesso o due anni dopo la notifica del recesso. Il Consiglio può decidere di prolungare tale termine.
Qualsiasi Stato uscito dall'Unione può chiedere di aderirvi nuovamente, presentando una nuova procedura di adesione.”


Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint  La mappa interattiva dei #BikePoint presenti sul territorio, viene costantemente aggiornata [visita la #MapHub] Diventa #BikePoint, compila il modulo di adesione
SCONTI E VANTAGGI AI SOCI DI RECSANDO / BICIPOLITANA NETWORK - DIVENTA SOCIO

 

 
 
Log in to comment

PANTIGLIATE: Cinque anni in Comune, fra passato e futuro


Pantigliate in questi cinque anni è stata amministrata da un Sindaco che ha formato la sua squadra facendo sottoscrivere ad ogni candidato i principi fondamentali di un governo etico. Abbiamo iniziato a conoscere parte di loro durante la marcia della pace Perugia Assisi e siamo andati ad assistere alla loro serata. Abbiamo realizzato un podcast integrale, per tutti i cittadini del Sud Est Milano consapevoli che, oggi più che mai, compiere scelte e prendere decisioni in un Comune può ripercuotersi in tutti gli altri Comuni e nel mondo.

Cinque anni in Comune, fra passato e futuro. Questo il titolo dell’incontro con cui la lista civica “Società & Ambiente”, dal 2014 al governo della città di Pantigliate, ha voluto presentare alla cittadinanza il proprio programma, passando idealmente il testimone da Claudio Veneziano, attuale primo cittadino, a Franco Abate, candidato sindaco alla prossima tornata elettorale.

Leggi tutto...

Log in to comment

Fano, Città di Vitruvio, apre la ex chiesa di San Francesco, unico esempio italiano di monumento senza tetto.



Non avete ancora deciso cosa fare nel lungo ponte di Pasqua e primo maggio? Vi invito allora a scegliere Fano, che presenta la ex Chiesa di San Francesco, uno dei complessi monumentali più belli e suggestivi della città, scegliendo una fra le belle strutture della città e degustando il famoso brodetto di pesce.

La ex chiesa di San Francesco è nel centro storico di Fano, un monumento a cielo aperto, unico nel suo genere, e di grande suggestione, che ben rappresenta la ricchezza della città e che, unitamente all’Abbazia di San Galgano, costituisce l’unico esempio italiano di chiesa senza tetto.
Il complesso architettonico di San Francesco, composto da chiesa e convento, si manifesta oggi con una pluralità di caratteristiche che sono il risultato di una lunga storia che ha visto susseguirsi diversi committenti in varie epoche. La Chiesa venne edificata a partire dalla metà del XIII secolo, ma è durante il periodo di dominio della famiglia Malatesti (1357 - 1463) che l’edificio vive un periodo di grande splendore e fu scelta per accogliere le tombe della famiglia.
Dell’antica struttura medievale sopravvive solo parte del fianco sud, poiché l’edificio venne ristrutturato a metà Ottocento in stile neoclassico ad opera degli architetti Giuseppe Ferroni e Angelo Innocenzi. Nel sottoportico, però, sono ancora conservate e visibili le splendide tombe rinascimentali Malatestiane di Pandolfo III e Paola Bianca Malatesti, commissionate dal figlio Sigismondo e attribuite a Leon Battista Alberti. Un ricchissimo apparato scultoreo fa da corona alla bella immagine della defunta, stesa sul coperchio del sarcofago. Oggi questo imperdibile gioiello architettonico fa parte dei Luoghi del Cuore scelti dal FAI, che ogni anno recensisce i luoghi italiani da non dimenticare.

La visita del Complesso monumentale di San Francesco è l’invito per un bel weekend di primavera alla scoperta di Fano con un piacevole soggiorno, ad esempio, in uno degli antichi palazzi trasformati in Hotel de charme o nei suggestivi e tradizionali hotel del lungomare, dalle cui camere e suites si può godere della bellissima vista del mare Adriatico. Fra centro storico e marina il passo è breve e l’invito è a trascorrere ore piacevoli a passeggiare e a gustare un buon caffè o meglio ancora la famosa Moretta nei tanti locali sul mare.

A Fano ci si va anche per gustare gli straordinari piatti di pesce della tradizione. Qui il pescato è sempre freschissimo e Fano rappresenta una certezza nel panorama gastronomico italiano e marchigiano. E’ d’obbligo assaggiare il brodetto di Fano, che si è aggiudicato negli anni il titolo di Miglior Brodetto d’Italia”. Fra i tanti menù proposti dagli eccellenti ristoranti del centro storico, del lungomare e della suggestiva Darsena, che sempre seguono le stagioni e la disponibilità giornaliera di pesce fresco, dove si possono gustare pesci dalle carni pregiate, crostacei e molluschi dell’Adriatico.

Fano, la Città di Vitruvio è oggi la terza città delle Marche e si distingue in tutti i settori dell’accoglienza e dell’offerta turistica: cultura, storia, arte, mare, cibo e buon vino. E quest’anno dedicherà molti eventi per ricordare Leonardo da Vinci con una mostra imperdibile. Per conoscere a fondo la vasta offerta turistica di Fano una guida imprescindibile, in italiano e inglese, completa di tutto è il sito ufficiale del Turismo della città https://www.turismofano.com/.

Edoardo Stucchi

FANO




Gli articoli di RecSando / Bicipolitana Network sono in linea grazie alle Convenzioni con gli esercizi commerciali che aderiscono al progetto #BikePoint  La mappa interattiva dei #BikePoint presenti sul territorio, viene costantemente aggiornata [visita la #MapHub] Diventa #BikePoint, compila il modulo di adesione
SCONTI E VANTAGGI AI SOCI DI RECSANDO / BICIPOLITANA NETWORK - DIVENTA SOCIO
 

 
 
Log in to comment