Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Il sindaco Paolo BianchiIl sindaco Paolo BianchiAppalto regolare per la raccolta rifiuti: nessun coinvolgimento del Comune di Mediglia nell'operazione denominata "Clean City". Ha fatto decisamente scalpore la notizia, circolata nei giorni scorsi, sull'indagine della Procura di Monza che ha portato all'esecuzione di 41 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di persone che, a vario titolo, sono implicate nell'aggiudicazione illecita di appalti pubblici - ovverosia truccati - nel settore della raccolta, smaltimento rifiuti e servizi ambientali.

Al centro delle accuse l'azienda monzese Sangalli & C., accusata di essere il cardine su cui ruotava tutto il sistema, la cui prassi prevedeva il pagamento di mazzette per accaparrarsi diversi appalti in mezza Italia, per un totale di 260 milioni di euro. Tale società, nonostante il terremoto giudiziario che l'ha colpita, rimane comunque operativa e continua a svolgere, in molti Comuni, come ad esempio a Mediglia, le attività connesse all'appalto del servizio di raccolta rifiuti.

«Vogliamo rassicurare i medigliesi che l'inchiesta non riguarda in alcun modo l'appalto del nostro Comune - fanno sapere il sindaco Paolo Bianchi e l'assessore alla partita Gianni Fabiano - e che, per quanto è in nostro potere, stiamo vigilando affinché quando accade non abbia pesanti ricadute sull'organizzazione del nostro servizio e sulla sua qualità». Viene infatti accolta positivamente dall'Amministrazione comunale di Mediglia - con tutte le riserve che il caso impone - la rassicurazione diffusa a mezzo stampa dalla Procura di Monza, la quale sta ponendo in essere tutte le iniziative per garantire la continuità aziendale della Sangalli & C., perché non si verifichi un'interruzione dei servizi e per consentire ai suoi dipendenti di non perdere il lavoro.

Maurizio Zanoni

Redazione RecSando

Dall’11 Ottobre 2019 – L’associazione N>O>I Network >Organizzazione >Innovazione è il nuovo editore del giornale online iscritto presso il Tribunale di Milano n. 146 del 16.04.2014
Tutti i dipartimenti di N>O>I hanno una loro Redazione indipendente al fine di garantire in base alle loro specifiche competenze il coordinamento delle informazioni, la promozione di ricerche e approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Dipartimento REDAZIONE RECSANDO
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi