Martedì 3 marzo alle ore 21 presso l’aula consiliare in Municipio si svolgerà il corso di formazione “L’immagine, la crescita, i diritti” che verterà sulla pubblicità sessista. Patrocinato dall’Amministrazione Comunale, è proposto dall’Associazione Arci L’isolachenonc’è, impegnata a livello locale e territoriale (ambito ASL Milano 2) nella creazione di un centro contro le violenze.
A condurre il corso sarà Ico Gasparri, artista sociale e fotografo, nonché studioso di pubblicitaria sessista. L’iniziativa si rivolge agli amministratori locali, oltre che a una qualificata rappresentanza di personalità: insegnanti, presidi, medici di famiglia, referenti delle associazioni sportive, culturali e di volontariato. “Anche a livello locale è importante riflettere e tenere alta l’attenzione su queste problematiche: l'Amministrazione Comunale, per favorire relazioni improntate al reciproco rispetto e contrastare il sessismo nelle sue varie forme, propone azioni di sensibilizzazione.  La formazione è una di queste”, ha spiegato la Presidente del Consiglio Comunale Antonella Parisotto, che aggiunge: “su un tema così delicato ma altrettanto sottovalutato, a Peschiera abbiamo intrapreso un percorso indirizzato ai vari soggetti attivi nei luoghi decisionali (amministratori, assessori, consiglieri), a contatto con il pubblico (medici, forze dell’ordine) senza tralasciare il contesto più sensibile (scuola, insegnanti, genitori). Il 26 novembre 2014 si è svolto il primo incontro seminariale sulla ricerca ‘Chi è il maestro del lupo cattivo?’; il corso che inizierà a breve costituisce la seconda parte, relativa alla decodifica del messaggio”. L’incontro del 3 marzo è promosso da: sindaco, assessorati alle Pari Opportunità e Servizi Sociali, Presidenza del Consiglio Comunale. Nel corso della serata verranno elaborate proposte di interventi da parte delle amministrazioni locali. L’evento verrà trasmesso in streaming. Ico Gasparri proporrà la sua ricerca dedicata alle radici culturali della violenza sulla donna nelle pubblicità stradali; è impegnato su questo versante dal 1990. A luglio 2010 ha vinto il premio come miglior artista italiano che si è occupato dei problemi riguardanti i diritti delle donne e le discriminazioni di genere
Log in to comment