Se sei un utente della vecchia RecSando il tuo nome utente è nomecognome in minuscolo senza spazi (es. se ti chiami Mario Rossi il tuo nome utente è mariorossi). La password è la medesima di prima.

Accedi come Utente

Sebastiano PizzelliSebastiano Pizzelli«Siamo profondamente indignati. Speravamo di avere a che fare con la “Giustizia”, ma i fatti dicono altro. Ecco quanto vale la vita di Sebastiano».

Con queste lapidarie parole Cristina Omini ha accolto la condanna per omicidio colposo di S.C., il giovane automobilista che ha travolto e ucciso suo figlio, il 14enne Sebastiano Pizzelli, mentre attraversava la via Emilia a San Giuliano. Sebastiano si è spento Il 18 ottobre del 2011, dopo circa 6 giorni di agonia presso il reparto di Terapia Intensiva dell’ospedale Niguarda, dove il giovanissimo era stato trasportato sin da subito in condizioni disperate.

Nella mattinata del 12 ottobre, il 14enne era stato travolto dalla Renault Clio condotta dal neopatentato S.C., mentre si apprestava a salire sull’autobus che lo avrebbe portato a scuola. Nelle scorse settimane, dopo il processo celebrato con rito abbreviato, l’investitore era stato condannato in primo grado a 20 mesi di reclusione, poi sospesi con la condizionale, e alla sospensione della patente per 2 anni.

Durante il dibattimento era stato evidenziato come, al momento dell’impatto, l’automobilista procedesse a velocità sostenuta e avesse occupato la corsia riservata alla svolta a sinistra per sorpassare alcune auto ferme al semaforo che lo precedevano. Ma proprio la natura della sentenza, soprattutto alla luce di quanto emerso in sede processuale, ha suscitato la reazione indignata della madre di Sebastiano.

Sebastiano PizzelliSebastiano Pizzelli

«Dopo due anni e tre mesi dalla morte di Sebastiano – è stato lo sfogo della signora Cristina - , la pena inflitta è stata di un anno e otto mesi e due anni di sospensione della patente. Ma ci rendiamo conto? Venti mesi, non un giorno di pena da scontare, nemmeno ai servizi sociali, ma che esempio può essere per nostra società?». «E’ questo quello che può valere la vita di un ragazzo? – ha concluso con amarezza la madre di Sebastiano - I fatti raccontano di persone incarcerate per reati “minori” e di pene irrisorie per chi ammazza alla guida. Chiediamo subito il reato di omicidio stradale».

Alessandro Garlaschi

Log in to comment

Redazione RecSando

Dall’11 Ottobre 2019 – L’associazione N>O>I Network >Organizzazione >Innovazione è il nuovo editore del giornale online iscritto presso il Tribunale di Milano n. 146 del 16.04.2014
Tutti i dipartimenti di N>O>I hanno una loro Redazione indipendente al fine di garantire in base alle loro specifiche competenze il coordinamento delle informazioni, la promozione di ricerche e approfondimenti su temi di interesse locale e nazionale.
Dipartimento REDAZIONE RECSANDO
Direttore Responsabile Edoardo Stucchi